Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Come cambiare processore del PC

Aggiornato il:

Guida per sostituire la CPU (il processore) del computer: scelta, acquisto, smontaggio e montaggio

Cambiare CPU Abbiamo difficoltà ad aprire più programmi contemporaneamente oppure notiamo dei rallentamenti quando apriamo un gioco con molti personaggi e soggetti in primo piano? Questi possono essere sintomi di una CPU non più adeguata alle nostre esigenze, che necessita quindi di essere sostituita con un nuovo processore più potente. Purtroppo cambiare processore non è semplice come cambiare un banco di RAM o un disco fisso, visto che dovremo sottostare a precisi vincoli (pena il danneggiamento del PC!).
In questa guida completa vi mostreremo come cambiare processore su PC facendo attenzione alle caratteristiche da tenere in considerazione per il cambio, mostrandovi un elenco dei migliori processori da utilizzare, come scegliere un sistema di raffreddamento adeguato e infine come montare il tutto sulla scheda madre del nostro computer.

LEGGI ANCHE: Come assemblare il PC

Come cambiare processore

Per evitare errori vi consigliamo di seguire attentamente tutti i suggerimenti presenti nella seguente guida, così da poter procedere al cambio di processore senza problemi. Per la guida ci concentreremo sui processori per i PC fissi, ma molti dei passaggi sono replicabili anche sui notebook (almeno quelli con CPU rimovibile), dovremo evitare solo il capitolo sul sistema di raffreddamento.

Caratteristiche processore

Una buona CPU moderna deve possedere le seguenti caratteristiche per poter supportare senza problemi qualsiasi tipo di programma:
  • Almeno 6 core fisici
  • Almeno 3,5 GHz di frequenza di base
  • Supporto all'overclock automatico (gestito dal processore)
  • Chip grafico integrato
  • Supporto a Hyper-V e ad altre istruzioni per virtualizzazione
  • Supporto alle memorie RAM DDR4
Come possiamo notare non sono richieste che possono essere soddisfatte con molti processori in vendita al giorni nostri, ma che metterebbero in difficoltà qualsiasi processore con più di 4-5 anni sulle spalle (che consigliamo di sostituire il prima possibile).
Nuovo processore

Il processore che andremo a scegliere deve essere compatibile con la scheda madre in nostro possesso: quest'ultima infatti offrirà l'energia elettrica adeguata per far funzionare la CPU e si occuperà di far viaggiare i dati in entrata e in uscita da essa. Di solito infatti si sostituiscono processore e scheda madre insieme proprio per mantenere la compatibilità tra di loro. Per il processore infatti dovremo prestare attenzione al socket e al chipset presenti sulla scheda madre: essi devono essere compatibili con la CPU scelta, altrimenti non funzionerà o peggio fonderà i circuiti presenti, danneggiando irrimediabilmente il computer.

Senza entrare troppo nello specifico, qui in basso abbiamo raccolto le indicazioni da seguire per poter montare un nuovo processore Intel o AMD e le caratteristiche che dovremo controllare sulla nostra scheda madre:
  • Processori Intel di ottava (8xxx) e nona generazione (9xxx): necessitano di scheda madre con socket LGA 1151 e chipset a scelta tra B360, Z370 e Z390 (il più performante).
  • Processori AMD Ryzen di terza generazione (3xxx): necessitano di socket AM4 e chipset a scelta tra B450, X470 e X570 (il più performante).
Per approfondire il discorso sui processori e sulle schede madri, vi raccomandiamo di leggere le nostre guide su Come scegliere Scheda Madre e CPU del computer e Come vedere quale CPU abbiamo nel PC (modello e velocità).

Migliori processori da acquistare

Dopo aver scelto la scheda madre adeguata, vediamo qui in basso quali processori Intel possiamo scegliere per il nostro computer, in base anche alle esigenze e ai programmi che intendiamo utilizzare:
  1. Processore Intel per uso generico: Intel Core i5-9400F (174€)
  2. Processore Intel per uso avanzato: Intel Core i7-9700K (379€)
  3. Processore Intel per gaming/multitasking professionale: Intel Core i9-9900K (508€)
Se invece desideriamo puntare sui processori AMD, qui in basso possiamo visualizzare i modelli da tenere in considerazione in base alle necessità:
  1. Processore AMD per uso generico: AMD Ryzen 5 3600 (233€)
  2. Processore AMD pe uso avanzato: AMD Ryzen 7 3700X (356€)
  3. Processore AMD per gaming/multitasking professionale: AMD Ryzen 7 3800X (454€)
Scegliendo il chipset adeguato per ogni tipo di processore, riusciremo a spendere il giusto e ottenere le performance adeguate alle nostre necessità, evitando di spendere troppo per un PC sovradimensionato.

Sistema di raffreddamento potenziato

Invece di utilizzare il dissipatore e la ventola incluse nelle confezioni dei processori (sempre abbastanza rumorose e poco efficaci), vi consigliamo di prendere in esame un impianto di raffreddamento potenziato, così da poter mantenere le temperature del nuovo processore sotto controllo in qualsiasi frangente.
Dissipatore

Se desideriamo puntare su un sistema di raffreddamento ad aria del processore, vi consigliamo i seguenti dissipatori:
  1. Dissipatore ad aria generico: ARCTIC Freezer 34 (39€)
  2. Dissipatore ad aria avanzato (multitasking, gaming): Noctua NH-D9L (49€)
Se invece desideriamo puntare un sistema di raffreddamento a liquido della CPU, qui in basso possiamo trovare i migliori dissipatori con pompa del refrigerante inclusa:
  1. Dissipatore a liquido generico: Corsair Hydro H45 (52€)
  2. Dissipatore a liquido avanzato (multitasking, gaming): Corsair Hydro 100i RGB (129€)
Ovviamente per poter utilizzare questo tipo di dissipatori dovremo essere dotati di un case di dimensioni adeguate, altrimenti non sarà possibile chiudere il pannello laterale. Se vogliamo ottenere maggiori performance di raffreddamento, vi consigliamo di abbinare al nuovo dissipatore una pasta termica professionale come questa -> ARCTIC MX-4 (9€).

Per maggiori informazioni sui sistemi di raffreddamento del computer vi invitiamo a leggere la nostra guida su come Gestire le Ventole del PC per un miglior raffrescamento e flusso d'aria.

Come smontare e rimontare il processore

Ora che abbiamo scelto il nuovo processore e il dissipatore nuovo, è il momento di mostrarvi come cambiare fisicamente il processore dal nostro PC fisso.
Cambiare CPU

Se la scheda madre è già compatibile con il processore scelto, rimuoviamo la presa di corrente, attendiamo qualche minuto quindi procediamo con la rimozione del pannello laterale del case (basterà svitare le viti di fissaggio presenti sul bordo). Una volta ottenuto l'accesso alla scheda madre, rimuoviamo il cavo d'alimentazione della ventola del dissipatore (cerchiamo di ricordare dove era collegata, di solito su una presa indicata come CPU_FAN), giriamo le viti di fissaggio del dissipatore fino a che non si sfila senza sforzo, così da mostrare la CPU presente subito sotto. Ora non dovremo far altro che sollevare il sistema di blocco processore (con l'apposita levetta presente accanto), e rimuovere delicatamente la vecchia CPU.

Non resta altro da fare che ripetere tutti i passaggi appena descritti: piazziamo la nuova CPU (facendo attenzione all'angolo dorato, che deve coincidere con un punto preciso del socket), piazziamo la nuova pasta termica (basta una goccia al centro), montiamo il nuovo dissipatore e ricolleghiamo infine il cavo della ventola sulla presa CPU_FAN. Ricolleghiamo la corrente senza chiudere il pannello e proviamo ad accendere il PC: in caso di problemi il computer non si avvierà o si spegnerà subito dopo qualche secondo (di solito per problemi legati al dissipatore o al cavo della ventola). Se il PC regge da acceso per almeno 5 minuti, possiamo ricollegare il pannello mancante per chiudere il case.

Se necessitiamo anche di cambiare la scheda madre insieme al nuovo processore, i passaggi sono decisamente più lunghi da seguire (come spiegato nella guida correlata). Togliamo sempre la presa di corrente, rimuoviamo il pannello laterale del case e, una volta visualizzata la scheda madre, rimuoviamo da essa tutti i cavi e le componenti da riutilizzare o sostituire (moduli RAM, dissipatore, CPU, scheda video, cavi SATA, moduli M.2, schede PCI-E e cavi d'alimentazione). Una volta rimossi i cavi e le componenti, svitiamo le piccole viti di fissaggio della scheda madre, presenti negli angoli e sui bordi, quindi sfiliamola delicatamente dal case, ricordandoci di recuperare anche la maschera che abbellisce le prese posteriori.

Ora possiamo ripetere tutti i passaggi a ritroso: piazziamo la nuova maschera per le prese posteriori, inseriamo la nuova scheda madre in posizione, fissiamo tutte le viti, installiamo la nuova CPU, aggiungiamo una goccia di pasta termica su di essa, installiamo il nuovo dissipatore e procediamo con il collegamento di tutti i cavi e di tutte le componenti che possiamo riutilizzare (dischi fissi, lettori ottici, moduli M.2, SSD etc.) e delle componenti nuove (moduli RAM, schede video etc.). Proviamo ad accendere il PC con il case ancora aperto, così da poter constatare il corretto funzionamento di tutte le componenti.

NOTA: anche se la nuova scheda madre è compatibile con il processore scelto è una buona idea procedere subito con l'aggiornamento del BIOS/UEFI, così da migliorare le prestazioni e diminuire le temperature d'esercizio (in particolare con processori usciti da poco sul mercato). Per effettuare questo tipo d'aggiornamento vi consigliamo di leggere la nostra guida su Quando e come si può aggiornare il BIOS del PC.

Conclusioni

Come abbiamo avuto modo di vedere, cambiare il processore è abbastanza semplice, specie se si seguono tutte le indicazioni riguardo il socket e il chipset (quindi di riflesso dobbiamo conoscere molto bene la scheda madre che possediamo).

Se desideriamo approfondire il discorso sull'acquisto delle CPU, possiamo continuare la lettura sul nostro articolo Comprare processore o CPU del PC: cosa bisogna sapere. Se invece vogliamo approfondire le differenze tra i processori Intel e AMD, magari perché siamo indecisi su quale produttore puntare, possiamo chiarire ogni dubbio leggendo la nostra guida sulle Differenze tra processori Intel e AMD e CPU Intel Core i7 e i5.

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte Info sulla Privacy