Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Potenziare il segnale wifi ed evitare disconnessioni frequenti

Aggiornato il:

Modi più efficaci per migliorare la qualità e l'intensità del segnale Wifi in casa e connettersi alla rete e a internet senza disconnessioni

Wireless debole Le connessioni wireless sono ormai lo standard per collegarsi a internet in molte case ed uffici, sia perché levano l'ingombro di tirare lunghi cavi nelle stanze, sia perché tramite di esso diventa possibile collegarsi a internet con lo smartphone, con le console di gioco e con le moderne Smart TV. La connessione Wi-Fi si può ottenere a casa collegando al via LAN un router che distribuisce il segnale nell'ambiente oppure sfruttando il modulo Wi-Fi integrato nella maggior parte dei modem forniti dagli operatori e disponibili in commercio.
Purtroppo può capitare che la connessione cada e i nostri dispositivi si scollegano di frequente, anche a causa di un segnale troppo debole o di un un'elevata interferenza con le reti vicine.
Per potenziare il segnale Wi-Fi, per accelerare e rendere stabile il trasferimento di dati ed anche per evitare disconnessioni frequenti, in questa guida abbiamo raccolto tutti i suggerimenti validi per poter migliorare qualsiasi connessione senza fili, così da poter navigare alla massima velocità.

LEGGI ANCHE: Come aumentare e migliorare la Velocità del WIFI

Come potenziare il segnale Wi-Fi

Se la nostra connessione senza fili è troppo lenta o non prende in alcune zone della casa o dell'ufficio, vediamo insieme cosa possiamo fare per migliorare la situazione.
Prima di tutto, si può leggere qui come scoprire la potenza del segnale WiFi su PC Windows in modo da avere un dato di confronto.

Cambiare canale di trasmissione

I router, di default, vengono impostati quasi tutti sullo stesso canale, il numero 6. Se si abita in un centro urbano pieno di case o uffici, può darsi che il canale sia molto trafficato quindi bisogna cambiarlo dalle impostazioni del router e utilizzando il canale 1, il canale 11 o qualsiasi altro canale libero.
Per poter modificare il canale accediamo al pannello di configurazione del nostro modem o router (come visto nella guida configurare un router wifi) e controlliamo nel menu Wireless o Wi-Fi fino a trovare la voce relativa al Canale o Channel.
Canale wireless

Per scegliere il miglior canale da utilizzare per la casa o per l'ufficio possiamo utilizzare il programma InSSider di cui ho abbiamo già parlato nell'articolo Collegarsi al canale wireless della rete wifi senza interferenze nel segnale. Grazie a questo strumento è possibile analizzare il segnale e trovare il canale migliore da cui trasmettere. I router, di default, vengono impostati quasi tutti sullo stesso canale, il numero 6. Se si abita in un centro urbano pieno di case o uffici, può darsi che il canale sia molto trafficato quindi bisogna cambiarlo dalle impostazioni del router mettendo il numero 1 o il numero 11 usando InSSider per capire quale segnale è più libero e meno usato dalle wifi ricevute.
Sempre per Windows, si può usare il tool NetSurveyor, un'applicazione che scopre le reti Wi-Fi esistenti e ricevibili in una zona e raccoglie informazioni sui punti di accesso wireless nelle vicinanze. Tramite grafici dettagliati, esso mostra statistiche in tempo reale sulla potenza e la qualità del segnale, sul canale, il tipo di radio, lo stato di attività e la crittografia. NetSurveyor è comunque uno strumento diagnostico per professionisti.
Con altri programmi è possibile invece disegnare una mappa del segnale per vedere dove prende meglio il wireless, così da capire quale canale utilizzare e come orientare al meglio il router.
Se possediamo uno smartphone Android, possiamo installare l'applicazione gratuita WiFiAnalyzer che analizza le reti wireless ricevute dal telefono, ne mostra la potenza di segnale e dà anche indicazione riguardo ai canali, mostrando quelli migliori.

Collegare un secondo router

Per aumentare la copertura e ottenere una connessione più veloce possiamo anche collegare un nuovo router al modem di casa o dell'ufficio. Procuriamoci quindi un router (anche vecchio, basta che supporti le connessioni Wi-Fi moderne), colleghiamolo tramite un cavo Ethernet al modem principale e configuriamolo come se fosse una rete separata.
Router cascata

Per imparare come configurare correttamente entrambi i dispositivi, vi consigliamo di leggere la nostra guida su come aumentare il segnale wifi collegando i due router.
Se non possediamo un secondo router da collegare in cascata, vi consigliamo di puntare su modelli completi ed economici come il TP-Link TL-WR940N (20€) o il TP-Link Archer C6 (49€).

Collegare un range extender

Se i dispositivi da collegare sono troppo lontani, possiamo utilizzare un range extender Wi-Fi per estendere la portata della connessione Wi-Fi senza dover collegare per forza un secondo router.
WiFi extender

Collegando questi piccoli dispositivi ad una presa di casa e utilizzando il tasto WPS (oppure accendendo alle configurazioni del dispositivo tramite un cavo Ethernet) potremo espandere la rete wireless, mantenendo la stessa password e creando una rete con un nome simile (l'unica differenza sarà nella presenza del suffisso EXT, per distinguerla). Possiamo dare uno sguardo al funzionamento di questi dispositivi nella nostra guida a Come funziona il ripetitore wifi o "Range Extender" e quale comprare.

Se cerchiamo invece due modelli economici ed efficaci, vi consigliamo di puntare sul TP-Link Ripetitore WiFi Wireless RE200 (22€) o sul Netgear EX2700 (24€).

Utilizzare il Powerline Wi-Fi

Per le case molto grandi possiamo puntare sul Powerline, così da portare il segnale Internet tramite le prese di casa, come già visto nella nostra guida su Come funziona il Powerline, segreti e limiti. Per alcuni modelli di Powerline è disponibile anche la connessione Wi-Fi, che possiamo sfruttare quindi per avere una rete wireless lontata dal modem ma veloce e stabile, senza dover usare range extender o secondi router.
Powerline wireless

I modelli più economici ed efficaci per poter sfruttare questa tecnologia sono il TP-Link TL-WPA4220 (48€) e il Netgear PLW1000-100PES (59€).

Utilizzare le reti a 5 GHz

Se il nostro modem o router supporta le reti wireless a 5 GHz, possiamo sfruttarle per navigare velocemente e senza interferenze, come ben descritto nella nostra guida alle Differenze tra reti Wi-Fi 2,4 GHz e 5 GHz; qual è meglio?
Rete 5GHz

Per attivarla non dovremo far altro che entrare nelle impostazioni del modem o del router, controllare la presenza della rete a 5GHz, abilitarla (magari impostando un nome leggermente diverso rispetto alla rete 2,4 GHz), scegliere una password WPA2 robusta e infine impostare come protocollo 802.11n o 802.11ac. Questa rete è molto più veloce ma la copertura non è eccezionale (per un limite fisico): difficilmente riusciremo a coprire più di due stanze.

Se il nostro router non supporta le connessioni a 5GHz, i migliori modelli che possiamo acquistare sono visibili nella nostra guida ai Miglior Modem da comprare (fibra, dual band, wireless AC).

Conclusioni

Seguendo alla lettera i suggerimenti proposti in questa guida, riusciremo a potenziare il segnale Wi-Fi ed evitare disconnessioni frequenti con i nostri router. In alcuni casi non dovremo spendere nulla per ottenere benefici, in altri dovremo dotarci di router, extender o di Powerline per ottenere un reale miglioramento della connessione.

Se abbiamo ancora problemi a navigare su Internet, vi consigliamo di leggere la nostra guida alle Soluzioni problemi di connessione wifi e router. In un'altra guida invece vi abbiamo mostrato Cosa rallenta la velocità di rete Wifi e la connessione internet, così da poter intervenire tempestivamente.

LEGGI ANCHE: Amplificare il Wi-Fi di casa ed estendere la ricezione wireless

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte Info sulla Privacy