Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Quando la batteria è quasi scarica (Android), cosa fare

Data:
8 modi di tenere acceso il telefono Android più tempo possibile quando la batteria del cellulare è quasi scarica
batteria quasi scarica android La breve durata della batteria è uno dei problemi più frequenti con ogni smartphone Android (ed anche iPhone), che può diventare grosso nel momento in cui la carica è quasi esaurita e non c'è modo di ricaricarla, perchè non si ha una presa di corrente elettrica e nemmeno una batteria portatile.
In tale situazione, che capita a tutti, è importante sapere cosa fare, attivare tutte le opzioni necessarie ed anche alcuni trucchi che possono far stare acceso il telefono più tempo possibile, almeno nella sua funzione più importante, quella delle chiamate.
Tralasciando qui di parlare delle applicazioni per far durare la batteria del cellulare, vediamo qui le impostazioni da modificare quando la carica sta per esaurirsi, andando sotto al 10%.
Quelli di seguito non sono trucchi da utilizzare tutti contemporaneamente, è possibile applicarli in modo diverso a seconda dei casi ed a seconda della necessità del momento.

LEGGI ANCHE: Prolungare la durata della batteria Android al massimo

1) Controllare le applicazioni che stanno usando più energia.
La maggior parte dei telefoni Android ha un sistema integrato nelle impostazioni per controllare le applicazioni del telefono che utilizzano più batterie.
In questo modo, si può chiudere e terminare quella che consuma di più ed ottenere maggiore autonomia.
Nelle Impostazioni del telefono, toccare l'opzione batteria e se viene segnalata un'app esterna, che non sia quindi Android stesso o il Wifi o lo schermo, toccarla e procedere per terminarla.

2) Abbassare la luminosità
La luminosità dello schermo consuma energia, quindi tenerla più bassa possibile e disattivando l'opzione della luminosità automatica, darà un sicuro beneficio.
In quasi ogni smartphone Samsung, Huawei e altri, è possibile regolare la luminosità della barra di notifica ed anche dalle Impostazioni del Display.
Nel caso in cui ci si trovasse in un ambiente molto luminoso, non si potrà abbassare la luminosità al massimo, ma si dovrà scegliere il minimo che ci consente di vedere lo schermo.

3) Disattivare il segnale del cellulare
Il segnale del cellulare consuma molta batteria soprattutto se ci si trova in una zona in cui il telefono prende poco.
Se quindi non si sta aspettando una chiamata importante, non si aspetta di ricevere SMS e non si utilizza la connessione dati internet, si può spegnere il segnale del cellulare per evitare che la batteria si esaurisca presto.
Per farlo, andare in Impostazioni > Impostazioni SIM.
Se il telefono è dual SIM, spegnere i segnali ad entrambe.
Se non si trova questa opzione, mettere invece la modalità Aereo e poi, se serve, attivare il wifi.
Si può usare la modalità aereo se non serve internet e se non si devono ricevere chiamate (magari anche tenendo il GPS attivo se si usa un navigatore GPS offline).

4) Disattivare WiFi e geolocalizzazione
Il WiFi contribuisce a scaricare la batteria, anche se consuma molto meno rispetto la connessione internet 3G o 4G.
Se non è necessario stare connessi a internet, si può spegnere il Wi-Fi dalla barra di notifica.
I servizi di localizzazione in Android richiedono molta energia e vanno sempre mantenuti con opzione basso consumo, a meno che non si utilizzi il navigatore GPS.
Quando la batteria è quasi scarica, meglio invece disattivare del tutto il servizio di geolocalizzazione dalle impostazioni di Android.

5) Utilizzare la funzione di risparmio energetico
La maggior parte dei nuovi telefoni Android ha una modalità di funzionamento al minimo dell'energia, in modo che siano disattivati i servizi in background, la sincronizzazione automatica, la posizione GPS ed anche le prestazioni del processore.
Il telefono sembrerà più lento, ma potrà ancora essere usato per fare quasi tutto, anche la connessione internet.
Su Android originale, l'opzione del risparmio energetico si può attivare in Impostazioni -> Batteria, premendo il tasto in alto a destra.
da qui si può anche scegliere di attivare il risparmio energetico automaticamente quando la batteria è carica solo al 5% oppure al 15%.
Su altri smartphone potrebbe esserci una funzione proprietaria (come quella di Samsung) per entrare in modalità di risparmio energetico.

6) Fermare le applicazioni che sono in background e che non ci serve utilizzare
Molte applicazioni rimangono in esecuzione in background, anche se non sono attive.
Basti pensare, ad esempio, a Whatsapp o Facebook.
Per conservare la carica residua è possibile fare due cose: disattivare la sincronizzazione di tutto oppure chiudere forzatamente le app che non servono.
Per disattivare la sincronizzazione, si può usare l'opzione sulla barra di notifica (se c'è) oppure il widget del risparmio energetico da mettere sullo schermo.
In Android originale, si può andare in Impostazioni > Account e premere il tasto in alto a destra per fermare la sincronizzazione automatica.
Per forzare la chiusura delle app in background, invece si può fare come al punto 1 oppure andare in Impostazioni -> App, strisciare verso sinistra per passare alla scheda delle app in esecuzione e toccare quelle da terminare.
Sulle nuove versioni di Android, questa possibilità si ottiene andando in Impostazioni > Memoria, toccando su Memoria utilizzata dalle app.

7) Utilizzare sfondo nero
Questo è un trucco di poco impatto, che funziona solo su smartphone con schermo di tipo AMOLED, che usa più energia per illuminare pixel colorati.
Nel caso in cui lo smartphone ha un display normale, anche se non sono sicuro di questo, pare si risparmi energia usando uno sfondo con colore singolo, così da utilizzare una retroilluminazione uniforme.
Tenere presente che quando necessario non bisogna accendere e spegnere lo schermo di frequente, perchè la modalità standby viene annullata dall'accensione.

8) Applicazioni Ibernate
Se si utilizza Android Marshmallow o versioni successive, si deve sempre tenere attivata la funzione Doze, che impedisce alle app di consumare energia quando il telefono è in standby.
Con la funzione Doze, il telefono può rimanere acceso in modalità standby per anche 8 ore anche se la batteria è quasi scarica.
Le applicazioni ibernate non utilizzare CPU, RAM, rete e altre risorse.
La funzione di ottimizzazione batteria Android si può anche avere su ogni smartphone grazie all'app Doze.

LEGGI ANCHE: Trucchi per risparmiare batteria Android

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)