Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Reset e ripristino di Android anche se il cellulare o tablet non si avvia

Aggiornato il:

Come fare il factory reset di Android per ripristinare il cellulare o tablet alle impostazioni di fabbrica anche se non si avvia e non si accende più

Ripristino Android Nelle ultime versioni di Android si può riavviare il cellulare o tablet in modalità provvisoria che è utile per risolvere eventuali problemi, disinstallare applicazioni che vanno in errore o sistemare delle impostazioni. Capita però di dover effettuare un reset alle impostazioni di fabbrica di Android quando ci sono errori che non si riescono a risolvere o nello sfortunato caso in cui lo smartphone o il tablet non si avvia più. Questo può capitare soprattutto se si ha un dispositivo sbloccato con permessi di root e si installano applicazioni sperimentali, ma possono esserci molti altri motivi per cui il cellulare non parte più e non carica il sistema operativo.
In questa guida vi mostreremo come effettuare il reset e il ripristino di Android anche nei casi in cui il sistema non si avvia più, così da poter recuperare il funzionamento del dispositivo. Se il sistema si avvia ma presenta degli errori o è stranamente lento, vi mostreremo anche come ripristinare lo smartphone velocemente, salvando tutti i dati personali.

LEGGI ANCHE: Riavviare Android se il cellulare o tablet sembra morto

Ripristinare Android che si avvia

Se è possibile avviare il dispositivo Android normalmente o in modalità provvisoria possiamo effettuare il factory reset direttamente nel menu di Impostazioni e portandoci nella sezione Backup e ripristino.
Ripristino factory

Facciamo tap su Ripristino dati di fabbrica, scegliamo di resettare tutto il telefono (dovrebbe esserci una voce Tutti i file sul telefono o simile) quindi inseriamo la password di sicurezza, così da avviare la procedura.
Prima di procedere vi consigliamo però di fare un backup dei dati importanti, delle foto e di verificare anche le credenziali di Google Authenticator, che verranno perse durante il reset. Se non sappiamo come effettuare il backup su Android, vi consigliamo di leggere la nostra guida Come fare il backup di Android, dove troveremo tutti i metodi efficaci per salvare i nostri dati personali e ripristinarli in seguito al reset. Se invece volessimo salvare solo le foto presenti sul dispositivo, vi consigliamo di leggere l'articolo sul Backup Foto automatico per tenerle al sicuro online.

Ripristinare Android bloccato o che non si avvia

Se non è più possibile avviare il cellulare o il tablet, se il dispositivo si pianta sul logo d'avvio, se va in loop o se vediamo comparire l'icona dell'androide steso per terra con la pancia aperta, dovremo effettuare il ripristino entrando nella recovery interna del dispositivo.

Per ripristinare Android da un cellulare che non si avvia, spegniamo il device completamente e accendiamolo in modalità Recovery; ogni dispositivo ha una combinazione di tasti diversa per l'accensione in modalità di recupero. Qui in basso possiamo trovare le procedure d'accesso alla recovery dei principali produttori in vendita:

  1. Samsung: premiamo insieme i tasti Power + Home + Volume Su; sui nuovi smartphone la combinazione è Power + Volume Su + Tasto Bixby.
  2. Huawei: premiamo insieme i tasti Power + Volume Su.
  3. Xiaomi: premiamo insieme i tasti Power + Volume Su.
  4. LG: premiamo insieme i tasti Power + Volume Su.
  5. Motorola: premiamo insieme i tasti Power + Volume Giù + Volume Su.
  6. Google Pixel: sugli smartphone prodotti da Google premiamo insieme i tasti Power + Volume Giù.
  7. Tasti generici: per la maggior parte degli smartphone non elencati i tasti per entrare in recovery sono Power + Volume Su; in rari casi dovremo premere Power + Volume Giù e navigare nel bootloader per aprire la modalità recovery.

Se non riusciamo a trovare la combinazione adatta per entrare in modalità recovery sul nostro dispositivo (specie se scegliamo dei modelli cinesi semi-sconosciuti), cerchiamo il nome del dispositivo su Google con l'aggiunta della stringa "recovery mode", così da trovare sicuramente una combinazione di tasti adatta. Nel menu recovery che compare utilizziamo i tasti volume su e volume giù per scorrere le opzioni mentre col pulsante di accensione confermiamo la scelta.
Recovery

Spesso il telefono vi mostrerà una schermata leggermente diversa rispetto alla recovery (che è simile alla foto presente qui sopra): in questo caso abbiamo avviato il bootloader, una sorta di "anticamera" dove è possibile scegliere cosa avviare sul dispositivo. In questo caso è sufficiente usare sempre i tasti volume per selezionare la voce Recovery e utilizzare il tasto d'accensione per confermare la scelta, così da avviare correttamente la modalità recovery.

Una volta giunti nella Recovery Mode selezioniamo l'opzione Wipe data / factory reset, confermiamo con il tasto accensione, quindi selezioniamo e confermiamo su Yes per avviare il ripristino totale del dispositivo, tutte le app, le impostazioni e tutti i dati al suo interno, comprese le applicazioni installate, saranno cancellati.
L'operazione dura di solito pochi minuti, finiti i quali dovremo tornare indietro nella recovery e selezionare Power Off, così da poter spegnere o riavviare il dispositivo. Al successivo avvio del dispositivo avremo un telefono nuovo come appena uscito di fabbrica, dovremo solamente configurare il nostro account Google e recuperare i backup fatti in precedenza per poter utilizzare nuovamente il device come se nulla fosse successo.

Per tenersi pronti all'eventualità che Android vada in errore e richieda un ripristino, si può usare un'applicazione specifica per fare il backup completo del telefono Android.

Conclusioni

A meno che non il dispositivo non abbia subito danni interni, Android è un sistema che può sempre essere riportato alle impostazioni di fabbrica, così da risolvere la stragrande maggioranza dei problemi di natura software.
Se il processo di ripristino di fabbrica non risolvesse i problemi o non funzionasse affatto è probabile che ci sia un problema con l'hardware del dispositivo e che quindi sia rotto qualcosa al suo interno.

Se lo smartphone resta lento anche dopo il ripristino di tutti i dati e dei backup, vi consigliamo di leggere la nostra guida su Come velocizzare Android su ogni smartphone. Se invece volessimo cambiare completamente il sistema operativo presente sullo smartphone, vi raccomandiamo di leggere la nostra guida su Come installare una ROM Custom Android.

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte Info sulla Privacy