Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Recupero file da hard disk rotto o computer morto

Pubblicato il: 4 settembre 2014 Aggiornato il:
Tutti i modi di recuperare i file da un hard disk rotto o da un computer morto ma con disco ancora funzionante
recupero computer morto Quando il computer non si avvia più, è un incubo.
Forse è un problema è con Windows o forse l'hardware del computer, al suo interno, si è danneggiato.
In definitiva, si finisce con l'avere tutti i file importanti intrappolati all'interno del computer e l'obiettivo numero uno è recuperarli, anche se ad essere rotto fosse l'hard disk.
Ci sono diversi modi per venire fuori da questa situazione e, qui, ne prendiamo in esame almeno 4.

1) Usare un Linux Live CD o un disco di installazione di Windows o un programma esterno.
Se il problema del computer è il sistema operativo o un errore del disco, ci sono tutti i presupposti per recuperare i dati o anche l'intera installazione di Windows.
La prima strada da tentare quindi è quella del CD di installazione di Windows 7 o 8.
Bisogna prima cambiare l'ordine di avvio del computer nel bios mettendo l'avvio da CD come prima opzione e poi riavviare il computer per caricare il contenuto del DVD.
Il disco guiderà l'utente verso l'installazione di Windows ma contiene anche le opzioni per riparare l'installazione corrente (l'opzione compare dopo la scelta della lingua e nella schermata per procedere all'installazione, assolutamente da non fare).
Di questa opzione se n'è parlato nella guida su come ripristinare o salvare i dati se Windows 8 non si avvia.

Se questa fallisse o se non si avesse un disco di installazione di Windows, usare un Linux Live CD come, ad esempio, Puppy Linux che è leggero e si installa su una piccola penna USB
Basta quindi inserire il CD live di Linux o la penna USB, avviare il computer da CD o da penna USB e recuperare i file importanti in un disco esterno usando l'esplora risorse di Linux.
Questo è semplice da fare grazie a un'interfaccia simile a quella di Windows e avevo già descritto il procedimento in un altro articolo su come salvare tutto e reinstallare se Windows non parte e non si avvia.
Questo metodo può anche funzionare se l'hard disk del computer sta morendo, perchè anche se non in grado di avviare il computer, può ancora leggere i file all'interno.
Se non piacesse Linux, si può sempre riavviare Windows da USB o disco usando Windows PE

In alternativa si può usare un programma esterno come Redo Backup o Paragon Rescue Kit.
Il Paragon Rescue Kit, gratuito, permette di recuperare file da hard disk rotti (basta che non sono proprio morti del tutto), ripristinare l'avvio di Windows, recuperare una partizione cancellata.
Il Rescue Kit permette di creare una immagine ISO da masterizzare su un CD o da mettere su una penna USB da usare per avviare il computer.
Il programma poi offrirà tutte le opzioni per il recupero dei file, il trasferimento dei dati e la riparazione di Windows.
Di Redo Backup invece avevo già parlato nell'articolo sul recupero dati e file da un computer che non parte.

2) Se l'hard disk fosse proprio rotto
Se nessuno di questi programmi riesce a leggere il contenuto dell'hard disk oppure non riuscisse a copiare i file, c'è ancora un altro software da provare, DataRescue DD (drdd), gratuito, che crea un'immagine del disco rotto per poterla poi ripristinare su un nuovo disco.
Questo però richiede di estrarre il disco e metterlo su un altro computer, operazione da non fare se quel PC fosse ancora in garanzia.
In caso contrario, aprire il case (a computer spento e staccato dalla corrente), staccare i cavi dall'hard disk, levare le vitarelle e collegarlo a un altro computer, come disco secondario, tramite una presa SATA libera.
Accendere quindi l'altro PC con Windows, eseguire DRDD, chiedere il trasferimento dei dati del disco rotto in un'immagine DD, che è un file archivio.
Per montare il file DD sul computer e poter sfogliare i file per trasferirli altrove si deve usare un altro programma come OSFMount.

3) Se il computer fosse morto, estrarre il disco e metterlo su un altro computer
Se il computer non si avvia nemmeno con un CD live di Linux o un disco di installazione di Windows, può darsi sia davvero morto perchè qualche pezzo è danneggiato, ma puù darsi che questo pezzo non sia l'hard disk.
Aprire quindi il computer, estrarre il disco e collegarlo a un altro computer per recuperare i file.
Questo processo è abbastanza semplice da fare su unPC desktop, non invece sui portatili per i quali potrebbe essere richiesta un'assistenza tecnica professionale.

LEGGI ANCHE: Recuperare dati da un hard disk formattato o da un disco esterno USB

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
2 Commenti
  • Danilo
    5/9/14

    Se il disco è rotto quindi meccanica o elettronica guasta e quindi il bios non lo rileva, l'unica cosa è cambiare il disco, nessun software può fare i miracoli ...
    Morale ? Backup integrale santo subito !

  • Roberto Colonello
    5/9/14

    suggerisco alcune varianti a Puppy :

    gparted.org : per manipolare le partizioni.
    Simpatica miniguida: http://www.nerio.it/linux/aulataliercio/distro/fedoracore6/AULA-TALIERCIO/guide/howto-gparted.html

    partedmagic.com : scatola degli attrezzi, con un infinità di utility, per il recupero dati.

    Tutto OpenSource ovviamente ...