Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Come installare due sistemi operativi da scegliere in avvio

Aggiornato il:

Scopriamo insieme come installare due sistemi operativi sul PC e scegliere quale dei due avviare con EasyBCD

EasyBCD Quando si accende il computer, viene caricato un'insieme di istruzioni chiamato bootloader, che fornisce alla macchina i dati necessari per accedere correttamente al sistema operativo installato.
Le istruzioni di avvio del computer sono conservate nel cosiddetto MBR (Master Boot Record) che si trova nei primi 512 Kb del disco fisso o del drive utilizzato come disco di sistema.
Quando si installa Windows la prima volta viene anche installato il suo bootloader, che provvedere al corretto avvio del sistema.
Ogni sistema operativo ha un suo bootloader: ad esempio, Linux installa un programma chiamato Grub per gestire l'avvio del computer.
Ma cosa possiamo fare se volessimo installare due sistemi operativi insieme? Quale bootloader si avvierà?
In questa guida vi mostreremo i passaggi necessari per poter gestire correttamente due o più sistemi operativi installati sul disco fisso, pensato per poter gestire in maniera avanzata il bootloader.

1) Installazione programma

Il miglior programma per Windows per gestire il bootloader è EasyBCD, davvero ottimo se vogliono installare due sistemi o più sullo stesso PC e risolvere i problemi legati al bootloader.
Una volta aperta la pagina scorriamo fino a trovare il tasto Download Now, quindi avviamo l'installer per poter aggiungere il programma al nostro sistema operativo.
L'interfaccia si presenta in italiano come visibile nell'immagine qui in basso.
EasyBCD

EasyBCD è compatibile con qualsiasi versione di Windows ancora supportata da Microsoft, quindi possiamo utilizzarlo su Windows 7, Windows 8.1 e Windows 10 senza problemi.

2) Come aggiungere un nuovo sistema operativo Windows all'avvio

Per installare un secondo sistema operativo sul computer dobbiamo prima di tutto creare una partizione disco.
Partizionare un disco significa preparare un ambiente separato sull'hard disk su cui potrà essere installato un altro sistema senza intaccare il sistema operativo originale.
In un altro articolo, abbiamo visto i migliori programmi gratuiti per creare partizioni disco per il dualboot, vi consigliamo di leggerlo attentamente prima di proseguire.
Dopo aver creato la partizione disco, riavviamo il PC con il CD o la chiavetta USB con all'interno l'installer del sistema operativo (Windows) e seguiamo la procedura guidata, scegliendo al momento opportuno, la partizione preparata in precedenza (stando attenti a non scegliere quella dove è presente il sistema operativo primario).
Dopo aver installato un secondo sistema operativo, esso sovrascriverà il boot loader e sarà impossibile accedere al vecchio, finché non installiamo EasyBCD.
Una volta installato il programma sul nuovo sistema operativo, apriamolo e portiamoci nel menu Modifica menu di avvio.
Avvio

Se i due o più sistemi sono Windows, basterà controllare che siano presenti tutte le relative voci all'interno di questo menu, scegliendo anche il sistema predefinito impostando il segno di spunta accanto alla voce desiderata.
Al termine delle modifiche facciamo clic in basso su Salva impostazioni e riavviamo il PC per rendere effettive le modifiche.
Se il menu non presenta nessuna voce aggiuntiva, possiamo aggiungere i nuovi sistemi operativi al booloader portandoci nel menu Aggiungi una nuova voce.
Windows

Il programma ci mostrerà una finestra dove aggiungere i sistemi Windows; per utilizzarla non dovremo far altro che indicare l'unità in cui è presente l'altro sistema operativo, indicare il tipo di sistema, scegliere un nome e, alla fine, fare clic sul pulsantino a forma di + per aggiungerla al bootloader.
Ora non dovremo far altro che portarci nel menu Modifica menu di avvio e agire da lì per poter gestire al meglio tutti i sistemi operativi Windows installati.

3) Come aggiungere un nuovo sistema operativo Linux all'avvio

Se desideriamo aggiungere una distribuzione GNU/Linux al nostro PC, la procedura da seguire è molto simile a quando visto con Windows, dovremo solamente prestare attenzione a cosa scegliere subito dopo l'installazione.
Procediamo quindi procurandoci una chiavetta USB o un CD con Linux (per esempio possiamo provare Linux Mint) e installando il sistema, seguendo le istruzioni fornite sullo schermo.
Al termine dell'installazione riavviamo il PC e vediamo cosa succede: se la procedura è andata correttamente, vedremo comparire il GRUB, ossia il bootloader di Linux, che ci fa scegliere tra Linux e Windows.
Possiamo anche accontentarci di questo bootloader ma, visto che va configurato da Linux, meglio rimpiazzarlo con quello di Windows; scegliamo quindi Windows nel GRUB e attendiamo l'avvio del sistema operativo, quindi avviamo EasyBCD.
Dal programma portiamoci nel menu Percorso BCD, selezioniamo la voce Installa il bootloader e bootmanager BCD di Windows e facciamo clic su Scrivi l'MBR.
MBR

Abbiamo ripristinato il bootloader di Windows, ora non dovremo far altro che portarci i Modifica menu di avvio e controllare se Linux sia presente come sistema operativo secondario; se non è presente facciamo clic su Aggiungi una nuova voce, portiamoci nel tab Linux/BSD, selezioniamo la partizione in cui è presente il sistema Linux (facciamo particolare attenzione a cosa selezioniamo!) ed infine facciamo clic sul pulsante a forma di +.
Dovremo essere in grado di accedere a Linux o a Windows nella schermata d'avvio, così da poter scegliere in base alle nostre necessità quale sistema operativo avviare sul PC.

4) Risolvere i problemi comuni

Abbiamo installato Linux e non riusciamo più ad accedere a Windows? Forse qualcosa è andato storto in fase d'aggiunga del sistema Microsoft al GRUB.
Per risolvere avviamo il sistema Linux, quindi il programma Terminale e inseriamo il seguente codice.

sudo os-prober

Premiamo invio e inseriamo la password d'accesso al sistema; il GRUB verrà aggiornato per poter aggiungere tutti i sistemi operativi con avvio (quindi anche Windows) alle sue voci, così che al successivo riavvio avremo anche il sistema operativo Microsoft nel bootloader.

Non vediamo la schermata del bootloader anche se abbiamo più sistemi installati?
Forse abbiamo configurato il bootloader per avviarsi automaticamente senza mostrare nessuna finestra; per risolvere il problema da Windows apriamo EasyBCD e, nel menu Modifica menu di avvio, scegliamo una delle opzioni in basso Conto alla rovescia o In attesa di scelta dell'utente, così da far sempre comparire il bootloader.

Da Linux invece dovremo portarci nel percorso /etc/default, modificare il file grub (con i permessi d'amministratore) e controllare la voce relativa GRUB_TIMEOUT, assicurandoci che sia impostata almeno a 10.

LEGGI ANCHE: Installare più sistemi operativi in una penna USB ad avvio multiplo

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy
2 Commenti
  • Unknown
    12/2/19

    Non è chiara una cosa. Come fa EASYBCD a rimpiazzare l'ottimo GRUB (ma perché rimpiazzarlo?) se Windows non è in grado di vedere la partizione in cui c'è Linux in quanto non legge i file System Ext? Boh....

  • Claudio Pomes
    13/2/19

    easybcd è un'alternativa a Grub, utile se si usano Windows e Linux sullo stesso PC, nient'altro che questo.