Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come inoltrare / aprire porte sul Router

Pubblicato il: 3 novembre 2016 Aggiornato il:
Come aprire le porte in un Router per attivare il Port Forwarding e consentire ad un programma di ricevere connessioni in ingresso
inoltro porte router Anche se i router moderni gestiscono automaticamente la maggior parte delle funzioni di rete, può essere richiesto, per far funzionare alcune applicazioni su internet, di inoltrare manualmente la porta di tale programma o dispositivo.
Anche se il concetto può essere non facile da comprendere in pieno, l'apertura e l'inoltro delle porte (che in inglese si chiama port forwarding) è un'operazione davvero semplice da fare se si sa dove guardare.
Per quanto riguarda il significato di porta, basta intenderla come un numero che rappresenta un indirizzo.
Un po' come i numeri civici dei palassi di una via, anche i programmi hanno un indirizzo di rete che è il numero della loro porta di acceso.
Queste porte sono normalmente chiuse dai router per impedire a virus o persone capaci di utilizzarle per penetrare attraverso la rete internet nei computer.
Quando però necessario, per programmi come BitTorrent oppure un webserver o anche un gioco online, si può aprire la porta di quel programma.
Per saperne di più rimando alla guida su come funziona un router, in modo da avere più dimestichezza con la terminologia e di come funziona la rete internet di casa.

Nello schema di rete, dove una magia conosciuta come Network Address Translation (NAT) permette al router di sapere esattamente a quale computer instradare il pacchetto che viene richiesto (ad esempio un sito internet), si inserisce la porta.
Quando i computer potevano eseguire una sola applicazione alla volta, la rete era semplice, bastava connettere un computer ad un altro ed eseguire su entrambi lo stesso programma.
Ora che i computer possono eseguire più applicazioni, per garantire che il traffico di rete venisse distinto in base al programma usato, sono state inventate le porte.
Alcune porte sono state riservate ad applicazioni specifiche comuni in tutta l'industria informatica.
Per esempio, quando si carica una pagina web il browser utilizza la porta 80, per servire richieste HTTP.
Se una richiesta HTTP venisse inviata dal browser web su una porta diversa, il server non la riconoscerebbe e non sarebbe in grado di rispondere caricando il sito.
La maggior parte delle porte, comunque, non è assegnata e può essere impostata, scrivendo un numero qualsiasi come 1200 o 32400, nelle opzioni di collegamento di ogni programma.

Perché è necessario aprire o inoltrare le porte?
Mentre alcune applicazioni sfruttano il NAT per impostare le proprie porte e gestire tutte le configurazioni automaticamente, ci sono invece molti programmi che non lo fanno e richiedono un intervento dell'utente sulla configurazione del router.
In pratica si vuole dire al router: "quando accedo con questo programma, devi inviare la richiesta di accesso a questo dispositivo su questa porta".
Un esempio tecnico è quello di poter accedere alla telecamera IP di sicurezza che è collegata al router di casa, tramite il nostro computer portatile usato da fuori casa.
Per farlo, come si vede nello schemino in alto, non è sufficiente collegarsi all'indirizzo IP a casa e basta (sempre che questo sia statico e raggiungibile dall'esterno), è necessario anche indicare la porta
Questo anche per motivi di sicurezza, per evitare che altre persone possano accedere al nostro PC di casa.
Ma se si configura l'inoltro della porta di un programma attivo sul PC di casa, allora è possibile accedervi dal nostro portatile, anche stando dall'altra parte del mondo.

L'inoltro delle porte è anche importante per quei programmi come BitTorrent o Emule, dove si scambiano file con altre persone in P2P, per i giochi online come Minecraft quando si vuole ospitare una partita multiplayer sul proprio PC, per i programmi di desktop remoto come VNC e tutte le applicazioni dove è necessario aprire un ingresso al proprio computer.

Prima di configurare il router per aprire le porte è necessario tenere a mente un paio di requisiti .
Prima di tutto, è necessario impostare un indirizzo IP statico su ogni computer utilizzato e non lasciare al router di assegnare IP in modo dinamico a seconda del dispositivo acceso.
Oltre a utilizzare le assegnazioni di IP statici per i dispositivi pertinenti all'interno della rete, bisogna anche conoscere l'indirizzo IP esterno, quello rilevato dai siti web, che compare visitando il sito whatismyip.com.
Con operatori come Fastweb si può richiedere l'ip esterno statico gratuitamente contattando il servizio clienti via Twitter o Facebook.
Volendo, usando altri servizi online, si potrebbe configurare un DNS dinamico invece di un IP statico che non è la stessa cosa, ma può funzionare per l'obiettivo di proiettare il proprio PC sulla rete internet in modo che sia raggiungibile.
Per finire, controllare il firewall locale (se è installato) e concedere l'autorizzazione, per quell'applicazione, a passare il firewall di Windows, che potrebbe bloccare le connessioni in ingresso.

Adesso possiamo finalmente vedere come aprire le porte sul router, tenendo conto che queste istruzioni, che possono non essere precise per ogni modello di router, sono universali in linea generale.

- Entrare nella configurazione del router digitando l'indirizzo del router nella barra degli indirizzi del browser.
In genere questo indirizzo è 192.169.0.1 oppure 192.168.1.1 ma si può trovare, sotto il nome di Gateway predefinito, aprendo un prompt dei comandi dal menu Start di Windows, digitando ed eseguendo il comando ipconfig .

- Accedere al router con nome e password che se non sono mai stati cambiati, sono admin admin oppure admin e niente password oppure Administrator senza password.
Login e password del router si trovano nel libretto di istruzioni.

- L'opzione da individuare può chiamarsi in modo diverso: "Port Forwarding" o "Inoltro/attivazione delle porte" oppure anche Forwarding / Virtual Server o Port mapping e si trova spesso nelle impostazioni Avanzate o Advanced della configurazione WAN.
Si tratta di un pannello dove è possibile creare regole, dargli un nome ed indicare quale porta o intervallo di porte aprire.
Si dovrà specificare la porta TCP, la porta UDP o entrambi, a seconda del programma.
Ricordo che per trovare le porte da aprire per un programma bisogna andare nelle sue impostazioni di connessione.
Il numero delle porte può essere uno qualsiasi tra 1 e 65353.
I numeri bassi sono più usati da servizi standard come il browser o il programma di posta elettronica e molti dei numeri più alti sono utilizzati da applicazioni piuttosto comuni.
alla richiesta dell'IP di destinazione o IP del Server, si deve inserire l'IP del computer utilizzato.
Il Nome della regola può essere a scelta libera.
Non dimenticare di salvare le impostazioni.

- Per provare a verificare che una porta è aperta, aprire e mettere in funzione il programma configurato, ad esempio Emule o Bittorrent, e aprire il sito Yougetsignal.com per controllare che la porta del software sia effettivamente aperta.

L'apertura delle porte sul router può sembrare un po' laboriosa anche se, in realtà, è solo questione se è possibile oppure no.
Per alcuni tipi di connessione internet l'apertura delle porte non serve, per altri tipi come la connessione di Fastweb è invece vitale.
Per questo avevo già scritto la guida alla configurazione del router Fastweb, in modo da essere più precisi.

Volendo, per supporto, ci sono anche alcuni programmi per configurare il port forwarding sul router.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)