Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Office per smartphone e tablet: meglio le app Microsoft o Google Docs?

Pubblicato il: 17 novembre 2014 Aggiornato il:
Confronto tra le applicazioni (per iOS e Android) Office di Microsoft (Word, Excel e Powerpoint) e le app Google Docs (Documenti, Fogli e Presentazioni)
office mobile vs google docs Microsoft alla fine si è svegliata ed ha realizzato quest'anno le applicazioni Office per smartphone e tablet Android, per iPhone e iPad, tutte gratuite.
Abbiamo parlato di queste app in due diversi articoli, con le app Office Word, Excel e Powerpoint per iPhone e cellulari Android e le app Word, Excel e Powerpoint per iPad.
Google, già da tempo, ha le sue applicazioni Google Docs per Android e iPhone, incluse in Google Drive (per Android e iPhone) o scaricabili anche individualmente, sempre gratis: Word si chiama Documenti (Android e iPhone), Excel si chiama Fogli Google (per Android e iPhone) mentre Powerpoint si chiama Presentazioni Google (per Android e iPhone).

Grazie a questa ampia scelta, le possibilità di lavorare da tablet o da smartphone sui file Office sono assolutamente concrete e diventa più facile modificare al volo un documento, prendere appunti o creare presentazioni anche stando lontani da casa o dall'ufficio.
Vale quindi la pena cercare di capire quali sono le app Office migliori per smartphone e tablet mettendo a confronto quelle di Microsoft con quelle di Google Docs per vedere quali funzionano meglio.

LEGGI ANCHE: Migliori funzioni di LibreOffice a confronto con Microsoft Office su PC

Confronto 1: Google Documenti vs Word
Se c'è una cosa utile per un'app di scrittura per smartphone e tablet, non è tanto la possibilità di creare un documento da zero, ma di riprenderlo e modificarlo.
Prendendo, ad esempio, un curriculum ben formattato e con testo allineato nel template, scopriamo che Word funziona meglio di Google Documenti.
Microsoft Word ha infatti più opzioni per la formattazione di Documenti (si parla sempre della versione mobile) per modificare la dimensione e i colori dei caratteri, per fare annotazioni, per aggiungere interruzioni di pagina, colonne, immagini, margini ecc.
Alcuni di questi potrebbero essere superflui ma sono sempre a portata di mano e più facili da usare che in Documenti.

Google Documenti, di converso, funziona molto bene se si deve modificare un documento in collaborazione con altre persone.
Google Docs ha strumenti unici per l'editing collaborativo che non solo permette a più utenti di effettuare simultaneamente modifiche da dispositivi diversi, ma possono anche dare suggerimenti senza apportare modifiche al documento finché il proprietario non le approva.
L'aspetto negativo di Docs è che la versione mobile manca di molte funzioni presenti invece nel sito web di Google Drive.
Se quindi Google Docs è buono per scrivere testo senza badare troppo alla formattazione, rimane inferiore all'app Word, molto più completa.

Confronto 2: Microsoft Excel vs Fogli Google
Microsoft vince anche in questo confronto, con Excel che è davvero un'ottima app perchè include modelli per fare bilanci personali, calcolare vincite, gestione di corsi universitari e organizzazione di vario tipo.
In pratica, basterà fare qualche piccola modifica per avere già una foglio di calcolo funzionante e solo da riempire nei valori.
L'interfaccia a nastro aiuta a usare le numerose formule selezionandole da un menu a tendina, a formattare e colorare il testo come si vuole ed ad aggiungere immagini, caselle di testo o grafici.

Fogli di Google ha molte meno opzioni rispetto a Excel, non ha una lista di formule anche se queste verranno completate dall'applicazione in modo automatico, iniziando a scriverle (se però non si sa che scrivere non c'è modo di trovarla).
Si possono modificare i colori delle celle, le dimensioni dei caratteri e altri elementi di formattazione di base, ma non è possibile creare grafici o aggiungere immagini.
Il divario in termini di funzionalità è piuttosto grande in questo caso e Fogli sembra più che altro un'app per la visualizzazione di fogli di calcolo già creati o per fare piccole modifiche.
Con Microsoft Excel è invece possibile lavorare in modo serio e completo, magari collegando una tastiera bluetooth allo smartphone o al tablet.

Confronto 3: Powerpoint vs Presentazioni Google
PowerPoint su cellulari Android, su iPhone e iPad è molto semplice da usare: basta toccare le caselle di testo per modificarle, trascinarle in giro afferrandole col dito, inserire immagini o tabelle o anche effetti di transizione dal menu principale.
Con Powerpoint è anche possibile vedere la presentazione su un altro schermo e usare un puntatore per evidenziare le informazioni in tempo reale.
Presentazioni di Google invece è un'app ancora troppo scarsa per essere confrontata con Powerpoint di Microsoft, senza opzioni per inserire le immagini o caselle di testo, rendendo impossibile creare una presentazione da zero.

Per chiudere il confronto bisogna parlare del lato Cloud di Microsoft Office e Google Docs, della possibilità cioè di salvare online i file o riprendere documenti salvati dal computer.
Sia Google Drive che Microsoft Office hanno la funzionalità di cloud storage integrato per tutte le loro applicazioni.
Con Google, i salvataggi sono automatici in Google Drive senza alcuna opzione o configurazione, con Microsoft Office si può invece scegliere di usare Dropbox, Microsoft OneDrive, o un server locale.
L'aspetto negativo di Microsoft Office è che non salva automaticamente le modifiche apportate.

Ala fine quelle di Microsoft sono applicazioni Office molto potenti, che ancora non possono sostituire le versioni per PC, ma abbastanza funzionali da poterle usare per ogni lavoro.
Le app di Google Docs funzionano bene per la visualizzazione di documenti già creati (che, ad essere onesti, è probabilmente la funzione di cui si ha più bisogno su uno smartphone), ma ha poche opzioni (anche se molte di queste potrebbero essere superflue per la maggior parte degli utenti).

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • mirc
    19/11/14

    in teoria anche con word è possibile lavorare sullo stesso file contemporaneamente, ma non ho mai provato. con onenote funziona di sicuro