Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows 10 Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Giochi

Come calibrare la batteria del PC portatile

Aggiornato il:
La batteria del notebook non dura più come prima o si spegne prima del previsto? Scopriamo come calibrarla
Calibrare batteria In campo elettronico ed informatico si assiste ad una continua evoluzione che porta ad apparecchi sempre più tecnologici e computer sempre più potenti; nonostante tutto questo progresso una delle componenti meno evolute rimaste sui nostri PC portatili è sicuramente la batteria, la cui durata massima, seppure aumentata rispetto a 10 anni fa, rimane ancora molto esigua (qualche ora d'autonomia nei migliori dei casi).
Difficilmente infatti si troverà un computer portatile capace di rimanere acceso per più di mezza giornata se viene alimentato con la sola energia della batteria.
Inoltre la batteria dei portatili è uno dei pezzi che si rovina in pochissimo tempo (già dopo un anno inizia a perdere la carica) e, sui computer più vecchi, la durata è talmente breve che a malapena si riesce ad aprire un sito web prima che si spenga.
Ma abbiamo una soluzione tampone in attesa di cambiare la batteria (cosa sempre consigliata dopo 2 anni): possiamo provare a calibrare la batteria del PC portatile.

Come calibrare la batteria del PC portatile

Quando si ha la sensazione che la batteria del proprio portatile con Windows installato non rimane carica quanto invece dovrebbe o che si spegne molto prima di raggiungere il valore 0% (per esempio il notebook si spegne improvvisamente quando segna ancora il 20% di carica residua) si può procedere ad una ricalibrazione della batteria.
Calibrare la batteria significa semplicemente ricaricarla al massimo attraverso dei procedimenti particolari in modo che la spia del computer visualizzi il livello di carica reale.
Questo tipo di ricarica è molto diversa da quella che applichiamo ogni giorno quando la batteria è scarica, perché prevede dei passaggi molto precisi per essere effettuata.
La ricalibrazione serve a far capire al computer quando effettivamente la batteria è carica al 100% in modo che l'indicatore di carica disponibile sia accurato e corretto su qualsiasi sistema operativo utilizzato.
Come visto in un altro post, si può fare la verifica dello stato di carica della batteria del portatile, mentre procedura di ricalibrazione manuale più semplice per un PC portatile con Windows è la seguente.

1) Apriamo dal Pannello di controllo la schermata delle Opzioni di risparmio energia.
Premiamo sulla voce "Crea combinazione per il risparmio energia", selezioniamo "Prestazioni elevate", diamogli un nome e clicchiamo su Avanti.
Risparmio energia Windows 10

Nei menu a tendina, "disattivazione schermo" e "sospensione computer" selezioniamo Mai e creiamo il piano di calibrazione.
Tornati alla schermata iniziale, bisogna ora selezionare il piano di risparmio energetico appena creato.

2) Ora dobbiamo caricare completamente la batteria (possibilmente senza usare il PC), fino a che l'indicatore sul computer indica 100% (passare il mouse sull'icona della batteria del portatile per vedere lo stato di carica).
Alcuni consigliano di lasciare acceso il computer anche dopo la carica per circa due ore, basta che sia collegata la spina dell'adattatore.

3) Successivamente rimuoviamo il cavo di alimentazione del computer portatile e, tenendo sempre il piano energetico creato prima di massima potenza attendiamo che la batteria arrivi a 0 e lasciamo che il PC si spenga da solo.
Ovviamente, se si sta lavorando fare attenzione che non ci siano programmi aperti o documenti da salvare nel momento in cui si spegne il PC (anche se di solito i portatili salvo automaticamente prima di spegnersi).

4) L'ultimo passaggio della calibrazione della batteria è quello di ricaricare completamente il portatile fino al 100% con il PC spento.
Questo è importante: il PC deve essere spento, così da far lavorare solamente l'elettronica della scheda madre per la ricarica e non il sistema operativo.
Prima di fare la ricarica, alcune guide di produttori di computer suggeriscono di far riposare il computer lasciandolo spento per circa 5 ore.
Il tempo di ricarica può essere anche superiore alle aspettative: anche se arriva al 100% (possiamo accorgercene dallo spegnimento della spia di ricarica o dal suo cambio di colore) teniamo il portatile sotto carica per almeno altre 2 ore.

5) Alla fine accendiamo il portatile con l'alimentatore ancora collegato e attendiamo che l'indicatore della batteria su Windows indichi 100%.
Dopo la calibrazione, torniamo alle Opzioni risparmio energia e rimettere la combinazione del risparmio energetico bilanciata o quella che si preferisce.

Questo processo di calibrazione andrebbe ripetuto una volta all'anno per le batterie dei notebook che hanno meno di 3 anni, mentre per tutte le altre batterie più vecchie potrebbe essere una buona cosa applicarlo ogni 3 mesi, così da sfruttare al massimo la durata residua della batteria.
In ogni caso dovremo prendere in considerazione la sostituzione delle batterie almeno una volta ogni 3 anni, specie se intendiamo utilizzare il portatile a lungo (con la tecnologia che avanza un portatile è abbastanza obsoleto già dopo soli 2 anni).
La batteria non è eterna, la calibrazione può essere utile a sfruttarne appieno le ultime capacità ma se è troppo vecchia o rovinata da un utilizzo inappropriato tanto vale cambiarla con una nuova, visto che i ricambi di questo tipo ormai costano davvero poco (una buona batteria di ricambio per PC Windows ha prezzi che variano da 30€ a 60€).

Altri metodi di calibrazione

In alcune guide che ho letto nella mia ricerca, si parla di calibrazione della batteria alternativi.
Uno di essi prevede di caricare al 100% la batteria a computer spento, di staccare la spina e poi di avviare il pc in modalità provvisoria e lasciarlo acceso in questo modo fino a che non si esaurisce del tutto la carica.
Addirittura c'è che consiglia di tenerlo acceso con la schermata del Bios ma in questo modo il PC rimarrebbe acceso per molto tempo e non credo ci siano benefici.

Qui di seguito possiamo trovarre altri utili articoli che consiglio di leggere sull'argomento:
- Ottimizzare la durata della batteria di un portatile con il risparmio energetico in Windows
- Risparmiare il consumo e aumentare la durata della batteria del portatile notebook

Chi ha uno smartphone, può anche leggere i consigli per aumentare la durata della batteria e farla durare di più su iPhone e cellulari

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy
Un Commento
  • serjio
    6/6/18

    Ciao Claudio, per quanto riguarda i macbook puoi suggerire qualcosa?
    Grazie