Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Immagini Giochi

Fibra VDSL, FTTC e FTTH: che differenze e qual è meglio?

Ultimo aggiornamento:
cosa significa FTTH, FTTC e VDSL, le sigle della fibra ottica che indicano tecnologie differenti con prestazioni diverse
Logo fibra
Se segui un po' l'evoluzione tecnologica saprai già che per connettersi ad Internet alla massima velocità è necessario possedere una connessione a fibra ottica, l'unica in grado di rimpiazzare efficacemente l'ormai obsoleta linea ADSL.
Ma quando parli di fibra con un operatore (specie se devi cambiarlo), difficilmente ti saprà dire che tipo di tecnologia verrà adoperata per la tua casa.
Gli operatori (sbagliando) parlano di "fibra" anche quando fibra non è, o meglio si sfrutta solo una parte della connessione in fibra ottica.
Per poter essere preparati quindi ti presenterò in questa guida due le sigle più utilizzate per identificare la tecnologia in fibra "mista", ossia VDSL e FTTC.
Dopo aver letto questa guida saprai benissimo come muoverti e come non lasciarti più ingannare da offerte "fibra" che fibra non sono (o che lo sono fino ad un certo punto).

LEGGI ANCHE: Miglior Fibra Ottica: verifica copertura e offerte

Premessa: l'unica vera fibra è la FTTH

Se vuoi attivare una connessione in fibra ottica l'unica tecnologia coerente con questa definizione è la FTTH, ossia la fibra che arriva fin dentro casa tua in sostituzione della vecchia presa telefonica.
Se sei coperto dalla tecnologia FTTH il cavo a fibra ottica dovrà essere posato dentro casa tua ed arrivare con una presa e un cavo speciale (quindi è necessario l'intervento di un tecnico per sostituire la presa telefonica).
Una volta sistemata la presa basterà collegare il modem fibra offerto dall'operatore (non puoi utilizzare altri tipi di modem) per sfruttare il segnale ad alta velocità senza più utilizzare i fili di rame (i doppini utilizzati per il telefono e per l'ADSL).
Cavi fibra

Nelle grandi città è possibile trovare questo tipo di tecnologia con relativa facilità (gli operatori hanno investito molto in tal senso), mentre nei comuni più piccoli posare la fibra ottica per renderla disponibile in FTTH è spesso controproducente per gli affari, perché non ci sono abbastanza utenti in grado di garantire un ritorno degli investimenti.
Per compensare a questa possibilità (considerando che ci sono davvero tanti comuni di piccole e medie dimensioni in Italia) si è deciso di adoperare un altro tipo di tecnologia con il cavo in fibra ottica, che possiamo identificare come tecnologia "mista".

FTTC: la fibra ottica arriva fino all'armadio

Per poter offrire contratti a velocità più elevate dell'ADSL nei comuni di medie e piccole dimensioni si è deciso di puntare sulla tecnologia FTTC, ossia di portare la fibra ottica fino all'armadio di distribuzione presente in una strada o in un quartiere, per poi servire i singoli utenti tramite il cavo di rame già presente (non è necessario cambiare presa telefonica, quella del telefono e dell'ADSL va già bene per la FTTC).

Questa tecnologia mista non può definirsi propriamente fibra ottica, ma è un buon compromesso per poter superare le velocità offerte dall'ADSL con il minimo disturbo da parte dell'utente (che di fatto dovrà solo cambiare modem!).
Sfruttando la tecnologia FTTC potrai navigare a velocità vicine ai 100 o 200 Megabit al secondo (in download), un deciso passo in avanti rispetto ai 7-8 Mega che molti operatori offrono ancora in ADSL.

Puoi riconoscere se è presente questo tipo di tecnologia guardando attentamente gli armadi presenti vicino casa tua o in prossimità del tuo palazzo: da qualche anno hanno modificato gli armadi per renderli identici a quelli presenti qui in basso, con la parte superiore spesso etichettata come "Fibra ottica TIM".
armadio fibra

Se vedi questo tipo di armadio sotto casa tua o nei pressi del tuo quartiere, molto probabilmente potrai beneficiare della tecnologia FTTC.

VDSL: cosa significa?

Con VDSL identifichi il tipo di connessione con cui sfrutti sia il rame sia la fibra ottica per collegarti ad Internet.
Di fatto è sinonimo di FTTC, visto che identificano lo stesso tipo di tecnologia.
Mentre gli operatori preferiscono parlare di fibra o di FTTC, nei modem vedrai comparire la scritta VDSL2 quando utilizzi la tecnologia FTTC (si utilizza solo VDSL2 in Italia, quindi quando si parla di VDSL si sta parlando sempre di VDSL2)
VDSL2 dispone di diversi profili sfruttabili; in base al profilo che possiedi potrai beneficiare di una diversa velocità di connessione:

- 8b: fino a 50 Megabit al secondo in download

- 17a: fino a 100 Megabit al secondo in download

- 30a: fino a 200 Megabit al secondo in download (non usato in Italia)

- 35b: fino a 300 Megabit al secondo in download

Mantenendo quindi la tua presa di casa e sfruttando la VDSL2 potrai connetterti a velocità un tempo raggiungibili solo con la fibra FTTH!

Meglio fibra ottica o VDSL?

Se hai la possibilità di scegliere è ovviamente preferibile puntare sulla fibra ottica (FTTH) perché otterrai minori distrurbi ed interferenze, viaggerai a velocità stabili e potrai beneficiare dei futuri aggiornamenti di linea senza dover cambiare di nuovo tutto.

Se nella tua zona è disponibile solo la VDSL (FTTC), ti consiglio di approfittarne e attivarla il prima possibile: il salto di velocità nella maggior parte dei casi giustifica qualsiasi costo aggiuntivo (le VDSL costano anche 10€ in più al mese
rispetto alle ADSL).

Come scoprire se sono coperto da fibra ottica o VDSL?

Prima di muoverti a stipulare un nuovo contratto con un operatore per avere la fibra ottica o la VDSL, controlla sul sito di Fibermap se il tuo indirizzo è coperto dai servizi in fibra.
Il sito è raggiungibile qui -> Fibermap
Sito Fibermap

Ti basterà selezionare la regione, la provincia, la città e infine l'indirizzo di casa per effettuare un controllo sulla tua linea.
Se sei raggiunto dalla fibra FTTH vedrai la relativa voce come attiva.
FTTH

Se invece sei coperto da FTTC dovrai controllare la voce VDSL per essere raggiunto dalla fibra ottica mista.
FTTC

Cliccando sul tasto Dettaglio accanto relativa voce che puoi attivare otterrai preziose informazioni sulla distanza dall'armadio, sul codice dell'armadio, sul termine dei lavori (se non ancora terminati) e sulla velocità media che potrai ottenere una volta collegato in FTTH o FTTC.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
24 Commenti
  • Emanu
    26/10/17

    Segnalo alcuni errori:
    Profili - Il 30a in Italia non è utilizzato, quindi potete toglierlo. Al contrario, vi siete dimenticati di inserire il profilo 8b, utilizzato per le utenze in rigida, che permette circa 80 in download e 10/12 in upload
    Copertura - Fibermap riporta solo la copertura Tim, quindi se si è coperti da FTTC SLU Vodafone e Fastweb oppure da FTTH Open fiber (dove si appoggiano Vodafone, Tiscali e Infostrada) non si verrà segnalati coperti. Meglio specificarlo, sennò potrebbe capitare che un utente, anche se magari è coperto da FTTH o FTTC da altro operatore creda di non esserlo
    Costi - le connessioni in fibra spesso costano quanto le ADSL, e a volte pure meno. Il supplemento è per poterle sfruttare a piena velocità: tim per esempio per 29,90 offre la 30 mega e a 39,90 la 100. Fastweb offre a 25€ la 30 mega e a 30€ la 100/200/1000 in base alla copertura, e via dicendo...
    Tecnologia - in Italia la VDSL c'è stata solo come sperimentazione. Quella usata attualmente è la VDSL2

  • Claudio Pomes
    26/10/17

    Grazie per le informazioni, su VDSL ho chiarito che si tratta sempre di VDSL2;

    Sui profili vdsl, ho aggiunto l'8b

    Sulla copertura, trovami di meglio perchè io non lo so.

    Sui Costi, a volte costano uguali vdsl e adsl, a volte la fibra costa di più.

  • Emanuele
    27/10/17

    Si per le coperture ci sono vari siti che permettono di fare una ricerca, ma sono informazioni che vanno prese con le pinze, a volte sono corrette, a volte no, a volte parziali, ad esempio su Fibermap il mio paese risulta giustamente coperto dalla adsl 7 Mb ed è satura, poi però c'è scritto che è presente pure l'adsl in ETH cosa assolutamente falsa perchè non c'è e mai la introdurranno.

    Per i prezzi, forse con il progetto Open Fiber dovrebbero abbassarsi di molto, compresa la fibra, allineandosi verso il basso a quelli delle più comuni adsl e vdsl2, dico forse perchè siamo in Italia e magari speculeranno lo stesso nonostante i risparmi derivati dai bandi pubblici.

  • Emanu
    27/10/17

    C'è un altro Emanuele, ahahahahaha

    @Claudio Pomes Come copertura non ci sono siti che valgono per tutti. Ogni volta si dovrebbe andare a guardare per ogni operatore.
    Per i costi non è detto che la fibra sia per forza più costosa dell'ADSL. C'è infostrada che offre la fibra a meno dell'ADSL se si è già clienti wind da più di un anno

    @Emanuele se fibermap dice che è presente l'ADSL ETH è vero. La maggior parte delle volte sono gli operatori dei call center a non saper interpretare i dati.
    E poi, perché dici che non la introdurranno mai la ADSL ETH da te?
    Negli ultimi anni i DSLAM 1VC4 (si usa per le zone dove l'ETH Full è troppo costoso da installare) sono quadruplicate. La copertura avanza e la popolazione coperta da ETH se non erro era qualcosa tipo l'80%

  • Emanuele
    27/10/17

    XD Ciao!

    Io ormai per esperienza dico, ben vengano i siti con le coperture, le informazioni e le stime varie per curiosare, ma non sono molto corrispondenti alla realtà(pure sui siti dei singoli operatori).

    Per avere delle certezze l'unica è contattare gli operatori e parlare sia con il reparto tecnico che con il reparto commerciale, a maggior ragione ora che cantano come uccellini, prima dell'avvento della concorrenza pubblica infatti tendevano a inventare mille scuse, ora rilasciano dichiarazioni reali e veritiere perchè non si pongono più problemi.

    Io infatti li ho chiamati diverse volte sapendo che al mio paese avevano messo per pietà giusto l'adsl 7M scarsa ormai presente da un po' di anni e satura, mentre sui vari siti compreso Fibermap leggevo ETH fino a 20M e appunto mi hanno confermato che non è vero, fra l'altro pure su queste pagine di ricerca scrivono chiaramente che le informazioni sono indicative e che non garantiscono che il servizio sia installabile.

    Ho chiesto altre informazioni e mi hanno detto che a loro passare da una 7M ad una 10M o 20M sarebbe costato troppo e che a quel punto gli conveniva fare il salto diretto da 7M a fibra che gli costava meno, poi hanno aggiunto di non preoccuparsi perchè in ogni caso la fibra sarebbe arrivata o per mano loro (TIM) oppure attraverso Open Fiber e infatti il mio comune appartiene al secondo bando Infratel, quindi ci penseranno loro (si spera senza metterci mille anni xD).

    Le varie info che si leggono in giro, anche sui siti statali, sono molto ottimistiche, magari sono vere per le grandi città, ma nella maggior parte dei comuni/paesi medi e piccoli, che poi sono la fetta grossa della popolazione, se arriva una 7M scarsa su impianti di 20/30 anni è già tanto.

  • Emanu
    27/10/17

    1) i dati di fibermap sono ricavati direttamente dai database di Telecom wholesale. Sono tra le cose più affidabili che possano esserci, almeno riguardo l'ADSL (sulla fibra un po meno). Quelli che hanno problemi sono sempre e solo gli operatori che nel 99% dei casi non sanno consultare i CRM a loro disposizione dicendo agli utenti tante cretinate che nemmeno si possono enunciare.
    Prova a inserire il tuo numero di telefono su Ovus e vedi se ti restituisce la disponibilità della 20m. Eventualmente puoi provare anche su LIDO, che è proprio uno dei portali per verifica vendibilità usati dagli stessi operatori della Telecom

    2) in certi casi è vero che fanno passaggio diretto da ADSL ATM a fibra. Di solito avviene attestando gli armadi su una sede olt diversa da quella che serve per l'ADSL e che è già cablata in fibra, risparmiandosi così il costo di un secondo OLT e della cablatura della centrale

    3) La fetta grossa della popolazione sono i grandi comuni. I piccoli e medi saranno qualcosa tipo il 20-30% della popolazione totale andando ad esagerare. Considera che cablando solo Milano, Roma, Napoli e Torino hai già coperto il 10% della popolazione italiana
    Probabilmente cablando i primi 500 comuni italiani per popolazione arriviamo al 60-70%. Considera che ci sono un sacco di comuni che hanno meno di mille abitanti.

  • Emanuele
    27/10/17

    1- Si li conosco quei siti, infatti sono anni che c'è scritto sempre 20M in ETH presente e vendibile su tutti (Fibermap, Lido, Ovus etc...), ma concretamente qui nel mio comune non ce l'ha nessuno, nemmeno se stai a 2 metri dalla centrale, proprio non c'è e non è attivabile, viaggiamo tutti a 1/2/3M se va bene oppure con le connessioni wireless (tipo Eolo e simili).

    2- Vero, di sicuro qualcosa si smuove perchè o lo fanno loro costretti dalla concorrenza oppure tanto mettono armadi nuovi e ricablano tutto quelli di Open Fiber.

    3- Su questa io la vedo diversamente, nel senso che è vero che le grandi città cablate coprono una buona percentuale, ma i comuni grossi non sono poi così tanti, fanno un'altra buona fetta certo, la maggioranza, per conformazione geografica dell'Italia, sono per lo più piccoli e medi comuni, 500/1000/2000 abitanti che sommati tutti insieme fanno la parte più grossa, infatti gli investimenti pubblici puntano proprio a queste zone per colmare il divario digitale, cioè popolazione delle città che viaggiano a 1 Gigabit e restante che ha connessioni scadenti, lo dicono gli impietosi numeri delle statistiche europee sulle linee e sulla copertura.

    Comunque aldilà di tutto, dopo anni di promesse disattese di banda ultra larga per scopi elettorali/politici, ora la cosa sembra essere più concreta grazie all'Europa (ogni tanto serve xD) e la concorrenza, vedo alcuni ritardi già, ma spero non finisca tutto come al solito.

  • Emanu
    27/10/17

    1) se lo dice pure LIDO che la 20m c'è, allora è certezza al 99,9%. Se non la offrono, continuo a ripeterlo, che è colpa degli operatori che sono incompetenti.
    Provando a fare un verifica copertura da qualche operatore tipo Fastweb o Tim online cosa ti dice?

    2) triste ma vero. Tim investe solo sotto la minaccia della concorrenza

    3) Ho ucciso excel con un database ISTAT. Nei primi 500 comuni per popolazione ci stanno il 52,84% della popolazione italiana totale. Coi primi 1000 la percentuale sale al 65% circa del totale.
    Mi aspettavo una concentrazione maggiore nei comuni più grandi, ma comunque, ho solidi dati (ISTAT) per dire che la maggior parte della popolazione è concentrata nei comuni più grandi.
    Negli ultimi 1000 comuni con minor popolazione risiede giusto lo 0,538% della popolazione totale

  • Emanuele
    28/10/17

    Come tutte le altre fonti, anche sui siti degli operatori dice 20M attivabile, per questo dico di prendere le info con le pinze e poi di chiedere anche più volte ai singoli operatori, perchè loro creano questi database un po' con dati prelevati "dal vivo" quindi veri, un po' estrapolati e/o stimati quindi che non necessariamente corrispondono poi alla realtà, infatti su ogni pagina di ricerca per la copertura c'è il disclaimer che lo dice chiaro.

    Loro i dati che forniscono li intendono in un modo, cioè "si, potrebbe esserci", "potrebbe essere attivabile o installabile l'adsl in ETH" (alla centrale), l'utente che va a fare la ricerca di copertura invece poi scopre tramite operatori che non è vendibile o attivabile per svariati motivi, ad esempio, per motivi tecnici causa infrastrutture e cavi in rame del dopoguerra.

    Noi qui siamo un paese di 2500 abitanti e lottiamo contro la TIM da anni per la scarsa qualità dell'adsl 7M fornita con telefonate su telefonate a svariati operatori e al di là dei dati teorici che dicono una cosa, fa fede al 100% il lato pratico, cioè qui concretamente non c'è nessun altro tipo di adsl altrimenti l'avremmo attivata tutti xD, poi come me ci sono un sacco di altri amici informatici che si sono "sbattuti" e si informano da sempre per ste linee quindi qualcosina ne capiamo... per dire che non è una svista di un intero comune.

    Se si legge sui forum di settore comunque ce ne sono un sacco di casi così o simili in Italia, anche di recente con tutti i dati che stanno fornendo per i bandi di Open Fiber (sono estrapolati anche questi dal database TIM) ci sono svariati thread di persone che si lamentano della scarsa precisione dei dati, c'è chi si ritrova su carta ad avere la fibra ma in realtà viaggia a 640K oppure anche chi ha già la fibra da anni e su carta risulta non servito.

    Alla fine gli operatori non sono preparati tecnicamente ma se si tratta di vendere, se ci fosse la possibilità, saprebbero della presenza o meno di un tipo di adsl attivabile e nel loro interesse te la proporrebbero subito.

    Sui dati ISTAT ho controllato meglio e in effetti la percentuale di grossi comuni è quella, resta il fatto che, anche se non la maggioranza, il 35/40% sono una bella fetta di piccoli/medi comuni e paesi tagliati un po' fuori dal mondo, si spera ancora per poco.

  • Emanu
    28/10/17

    1) anche se i cavi sono del dopoguerra, se hai ADSL ATM, puoi avere anche la ETH se presente in centrale. Sempre di ADSL si tratta. Da ATM a ETH cambia "solo" circuito e disponibilità di banda, mentre il trasporto fino a casa dell'utente sempre rame è, e come tale se ha funzionato con atm funzionerà con ETH

    Se gli operatori si rifiutano di passarti in ETH, continuo a ripeterlo, perché non ne avrò mai abbastanza, è solo colpa della loro incompetenza.
    Eventuali motivazioni che possono impedire l'attivazione di una 20 mega in ETH sono poche. Potrebbe essere che sul proprio arco di numerazione non è supportata la 20m (si risolve facendo nuova linea), oppure a volte è capitato che gli operatori non conoscendo la differenza tra ATM ed ETH lo associassero solo alla 20m, e quindi fornissero come scusa per la mancata possibilità di passaggio il fatto che si eccede i 2km dalla centrale e cose così (Telecom non attiva la 20m oltre i 2km).
    Secondo me, facendo una nuova linea te la danno la 20m, a meno che non disti oltre 2km. Se è presente ETH sono obbligati ad attestarti su quello, visto che gli ATM sono in dismissione e se wholesale conferma che è disponibile ETH presso la tua centrale, il dato è certo al 99,99%

    2) È vero che sui database fanno molti casini, ma quelli ADSL rispetto a quelli della copertura fibra sono mille volte più precise non dovendo considerare l'armadio ma solo la centrale (anche se risulti attestato sul 500 quando stai realmente sul 600, la centrale è comunque la stessa, quindi non ti cambia nulla). Per il tasso di errori nei database riguardo le disponibilità di fibra o no agli indirizzi, il tasso di errori stimati era qualcosa tipo inferiore al 5%. Considera che quelli che vanno a lamentarsi sui forum fanno molto rumore, ma alla fine sono giusto qualche migliaio di persone su milioni di utenti che sono registrati correttamente sui database

    3) Gli operatori non hanno nessun interesse a fornirti una 20 mega se hai già attiva una linea con loro. Il semplice passaggio da ATM a ETH non provoca nessun aumento di costi in abbonamento e di conseguenza gli operatori non ci intascano un centesimo. Non hanno interesse nemmeno a vedere se è disponibile la 20m

    4) si, sono una bella fetta, ma solo i medi comuni. Quelli piccoli, anche presi tutti assieme saranno meno del 5%

  • Emanuele
    28/10/17

    Si ma fondamentalmente sull'ETH stiamo dicendo la stessa cosa infatti o per un motivo o per un altro (gli stessi che dico io e che dici te) da noi non l'attivano e non la vendono, poco importa se in centrale c'è o possono commutarla, di fatto nessuno ce l'ha, quindi alla domanda se nel mio comune c'è la 10M o la 20M per le utenze la risposta è no, chi va a vedere sul sito trova un'informazione fuorviante che indica la presenza eventuale in centrale ma non la presenza/attivazione effettiva sulle utenze.

    Io disto, come tanti, a più di 2 km ma non l'attivano a nessuno e a nessun indirizzo/numerazione, compresi amici ad esempio che stanno dietro la centrale, fare linee nuove manco a parlarne, sono 30 anni che le chiediamo, calcola che per far sostituire un doppino (roba da 5 minuti di lavoro) dal palo di fronte casa all'abitazione ci ho messo 3 mesi di telefonate e interventi tecnici inutili, ho dovuto convincerli io del guasto perchè già sapevo di cosa si trattava osservando i valori del modem.

    Tu ti concentri sulla centrale, ok tutto corretto, ma lì interessa poco, il dato che conta è se arriva o meno agli indirizzi.

    Sui forum hai perfettamente ragione non può essere un dato statistico, ma comunque è da prendere in considerazione, io poi ci aggiungo l'esperienza personale maturata a diversi indirizzi di diversi comuni e hanno sempre toppato 100/100, ma io sono pignolo, per me i dati hanno senso solo quando solo precisi al 100% o quasi.

    Gli operatori da noi guadagnerebbero sulle nuove attivazioni, infatti tutti al mio paese se fosse possibile una 10/20M non ci penserebbero 2 volte visto che adesso utilizzano le connessioni wireless instabili e costose.

    Per i dati ho preso in considerazione i primi 800 grossi comuni (>15000) e fanno circa il 60%, tutto il resto per me è piccolo e medio e siccome non sono cittadini di serie B ci vuole la stessa attenzione, in Italia non ci si può trasferire tutti nelle metropoli perchè fuori non c'è una linea adsl o fibra decente... per dire che valgono anche i 5%. xD

  • Emanu
    28/10/17

    1) con nuova attivazione non intendo di richiedere la stesura di un nuovo multicoppia, ma semplicemente di disdettare la vecchia linea e rifarla come nuovo cliente. Se sul contratto scrivono 20 mega, sono obbligati contrattualmente ad attestarti su ETH (oltre al fatto che essendo gli ATM in dismissione o ti mettono su ETH o non ti attivano proprio la linea nella maggior parte dei casi)

    2) La 20 mega è ovvio che non può arrivare a tutti gli indirizzi. Una centrale serve anche persone a 4km di distanza e pur con tutta la buona volonta, non potranno mai avere la 20 mega, ma si dovranno accontentare di una 4-5 mega. La DSL su rame è così. L'attenuazione svantaggia tutti quelli che sono lontani, e anche se le linee fossero nuove, difficilmente oltre 1km e qualcosina si potrebbe avere la 20m piena

    3) Ma quindi nessuno di voi ha provato a fare una nuova linea in tempi recenti? Se così, dategli modo di provare all'operatore che può fornire una 20 mega. Fate che qualcuno vicino alla centrale si attivi una linea e vedete che succede. Se non ve la danno rescindete il contratto gratuitamente per inadempienza e fine
    Il CLLI della tua centrale quale sarebbe? Vorrei fare un controllo

    4) Ovvio che sono tutti cittadini e devono avere pari diritti. Dicevo solo che i piccoli comuni sono una percentuale troppo contenuta.
    E'indecente che esistano comuni con una popolazione di 30 o 50 abitanti. Fossi un politico, opterei per accorpare insieme i piccoli comuni vicini e crearne un unico più grande, per contenere i costi di gestione e snellire le varie procedure

  • Emanuele
    28/10/17

    Si si le abbiamo provate tutte, dalle richieste di sostituzione fisica di cavi e centraline alla domanda per nuove utenze ma non se ne viene a capo, non te l'attivano, secondo me ora che questi impianti vecchi sono in dismissione faranno (o chi per loro) con tutta probabilità il salto diretto alla fibra.

    Non so di preciso i motivi tecnici ma parlando con gli operatori, quelli del commerciale e anche i tecnici che passano ogni tanto in paese e che ormai conosciamo dicono tutti la stessa cosa, da noi c'è solo l'ATM saturo per l'adsl 7M, il resto non è vendibile (non si sa se veramente o lo dicono solo loro), secondo me è un misto di problemi tecnici delle infrastrutture di tutto il comune e di mancanza di voglia di investire in certe zone.

    Ho letto vicissitudini simili in giro sui forum, a quanto pare la TIM si rifiuta di fare nuove attivazioni in ETH ad esempio se ci sono linee già degradate, si rifiutano anche di fare migrazioni da ATM a ETH, in pratica puoi aprire la pratica 100 volte ma ti rifilano sempre l'ATM saturo, anche se provi a rinnovare la linea.

    Ora è da un po' che non chiamo, magari provo nuovamente a tempestarli di chiamate o meglio gli scrivo dai social che sono più rapidi e c'è più probabilità di trovare un tecnico vero. xD

  • Emanu
    29/10/17

    1) pure da me c'era un tecnico che diceva che la 20m non c'era. Era così testone che ha continuato a sostenerlo fregandosene allegramente del fatto che lo speedtest segnava 14-15 mega, dicendo "si, ma signore, anche se sullo speedtest ha 14, quando scarica va a 7". Avrei tanto voluto farlo volare fuori dalla veranda. Secondo lui lo speedtest come prova la velocità? Non scarica per il test?
    I tecnici tim meglio lasciarli stare che certi sono da manicomio.

    2) se richiedete una nuova linea, vi devono fornire l'ADSL su ETH senza se e senza ma. I tecnici possono dire tutto quello che vogliono ma se il DSLAM risulta dai file, loro dovranno mettervi su quello. Per il fatto che non permettono nuove linee mi sembra strana la cosa.

    3) Tim è la prima di tutte che ci guadagna se i clienti passano su ETH. Gli ATM sono problematici sia per gli utenti ivi attestati che per tim stessa, quindi prima se ne libera e prima è felice.
    Tim pur di migrare più persone possibili su ETH aveva avviato una campagna di migrazione gratuita per tutti gli utenti raggiunti da ETH e gli aveva inoltre regalato pure la 20mega gratis per 6 mesi o qualcosa del genere

    4) io ho concluso che via chat o via 187 non si ottiene nulla. Meglio andare direttamente via fax, così si smuove qualcosa. Alla minaccia di un reclamo partono tutti. Il numero a cui inviare fax è un numero verde, quindi non si paga nemmeno. Puoi sommergerli tranquillamente coi fax senza spendere un centesimo

  • Emanuele
    31/10/17

    Per fax non ho mai provato, dato che vedo molti numeri verdi, sai per caso qual'è quello adatto e recente?

    Via chat diciamo che sono un po' più rapidi e fra l'altro quando mi sono capitati problemi, ho potuto tempestarli di allegati, screen del modem, speedtest e test Nemesys.

    Da quello che leggo in giro in teoria dal momento che arriva il dslam eth nuovo (secondo i database da noi lo hanno attivato il 27 febbraio 2017) quelli di TIM dovrebbero migrare le utenze in automatico, quindi sempre in teoria, già dovremmo essere tutti su ETH anche se senza miglioramenti per quanto riguarda la velocità di connessione.

    Eventualmente, per provare la disdetta e l'attivazione come nuovo cliente, si può mantenere il numero telefonico o te lo cambiano?

    Se chiedi la migrazione da ATM a ETH accettano o fanno problemi?

    Io che sto a 2.9km dalla centrale in teoria non dovrei nemmeno provare a chiedere la 20M, al limite potrei provare con un'opzione a 10M e vedere se me l'attivano.

  • Emanu
    31/10/17

    1) io di solito uso 800000187
    2) Non è vero che migrano le utenze in automatico. Le migrazioni di massa nell'estate 2016 sono state un evento eccezionale per accelerare la dismissione dei dslam atm dove già presente eth, ma di norma lo spostamento va richiesto.
    3) facendo nuova attivazione il numero si perde
    4) di solito gli operatori fanno un po di ostruzionismo perché non capiscono nemmeno di che parli. Di solito si possono aggirare richiedendo la prova di un mese della 10 o 20 mega. Così facendo sono obbligati a spostarti su eth per fornirti il servizio e a fine mese puoi tornare alla 7 mega se vuoi evitare di pagare costi aggiuntivi, e resti comunque su eth, quindi rispetto all'atm, di sera non dovresti avere rallentamenti e avrai i 7m pieni (distanza permettendo)
    5) si, esatto. essendo a 2,9km probabilmente fallisce subito la richiesta della 20m. puoi richiedere la 10m senza problemi invece. che attenuazione hai sul modem?

  • Emanuele
    1/11/17

    Non è tanto la distanza a preoccuparmi, alla fine non è eccessiva, purtroppo, come in tanti posti, qui si perde banda per strada a causa dell'hardware degradato (centraline, piastre e soprattutto i cavi in rame).

    A casa mia con una 7M attiva (attenuazione in down di 38dB) arriva si e no una 3/3,5M reali, non tanto per i 2.9km ma per gli impianti da centrale verso l' utenza, purtroppo per questo problema c'è poco da fare, la TIM ti dice "attaccati", ho anche il dubbio che con una 10M non aumenterei di nulla la velocità.

    Dalla mia ragazza in un altro paese con una 10M attiva e attenuazione simile (stessa distanza da centrale) prendo praticamente banda piena, reali arrivo a 8/8.5M.

  • Emanu
    1/11/17

    1) visti i 38db di attenuazione difficilmente stai a 2,9km. O i cavi sono messi particolarmente bene oppure stai entro i 2,5km
    2) Se prendi poco probabilmente è solo per via del DSLAM ATM saturo. Con ETH dovresti riuscire a raggiungere i 10 mega pieni a quella distanza.
    Quanto hai di portante sul modem? Se hai 7m di portante, il problema sarà solo di saturazione di DSLAM, e quindi passando a ETH potrai avere i 7m o 10m pieni.
    3) la 10m della tua ragazza raggiunge banda piena perché quasi certamente è erogata da DSLAM ETH

  • Emanuele
    2/11/17

    Si si, lei per fortuna sta in ETH, ha fatto il passaggio alla 10M da poco e quindi sono stati sicuramente obbligati a metterla sul dslam nuovo.

    In ATM ho sempre avuto velocità simili anche anni fa quando ancora non era saturo, addirittura ho visto spesso banda anche inferiore, sul modem ultimamente mi segnalava quasi 5M di portante, reale è poi il 60%.

    Penso al problema cavi degradati perchè anche miei amici che abitano a poche centinaia di metri dalla centrale, in periodi di ATM non saturo, agganciavano portanti scadenti.

  • Emanu
    3/11/17

    Ah, se prendi solo 5 mega di portante allora probabilmente il problema sono i cavi degradati o le chiostrine ossidate. È troppo bassa quella portante in rapporto all'attenuazione.

    Hai gia un profilo 6db? Se no, potresti provare a richiederlo per aumentare un po la portante.
    Nelle condizioni attuali, anche se ti passassero su ETH non guadagneresti molto

  • Emanuele
    3/11/17

    6dB avevo provato ma con queste linee era troppo instabile.

    Comunque per avere un po' di risposte da più fonti, ho fatto un giro di chiamate e di richieste di informazioni, ho contattato TIM via telefono, via Twitter, via Facebook, tramite fax e parlando in negozio, tutti confermano quanto già detto in tempi passati, nonostante via internet risulti attiva la nuova centralina ETH, a loro, per il mio paese, risulta attivabile l'adsl solo fino a 7 mega (le nuove attivazioni le metteranno per forza in ETH), quelli che sono già clienti sono probabilmente sul vecchio DSLAM ATM saturo, gli ho fatto notare giustamente che i database sono gli stessi che consultano loro, ci sono anche i file excel dal sito wholesale di TIM che indicano tutti i dettagli aggiornati degli armadi e delle centrali, ma dicono comunque che sono dati 50 e 50 fatti per vendere sostanzialmente, dalle loro query risulta invece tutto "rosso".

    L'idea che mi sono fatto è che la centralina ETH sia effettivamente presente e attivabile fino a 7 mega per i nuovi numeri ma che a causa dell'impianto comunale (cavi e chiostrine) non sia possibile andare oltre attivando offerte per 10/20 mega.

  • Emanu
    4/11/17

    1) Come mai era troppo instabile a 6db? Avevi disconnessioni?
    2) I database Telecom wholesale non sono database su cui Telecom si può permettere errori. Se Telecom dichiarasse su quei database la presenza di un DSLAM che non c'è oppure una velocità che poi non sarebbe possibile raggiungere in realtà, gli verrebbe fatto il culo a strisce prima dagli OLO e poi dall'AGCOM
    Continuo a sostenere l'ipotesi che il problema sia solo di incompetenza degli operatori con cui parli, o al massimo un errore del database interno Telecom fornito ai punti vendita e ai call center (che è diverso, e addirittura meno completo e accurato, di quelli disponibili su Telecom wholesale)

  • Emanuele
    9/11/17

    Si esatto disconnessioni, comunque i database sono corretti, su questo TIM non sta dichiarando il falso o commettendo errori, dicono che la centralina ETH c'è e raggiunge velocità fino a 20 Mbps questo è vero, quello che dico io è che nei comuni medi e piccoli non ci sono gli stessi impianti che ci sono nelle città, si ha a che fare con cavi degradati con sezioni magari pure troppo piccole, chiostrine ossidate, parti vecchie anche in alluminio, qui TIM fa quello che vuole e se ne frega perchè non si mette di certo a tirare cavi e ad installare impianti nuovi anche se per correttezza in un mondo ideale dovrebbe farlo visto che paghiamo le bollette.

    L'unica spiegazione sono gli impianti, per avere qualche conferma ho fatto dei test confrontando i dati dei database con i dati che mi fornivano le verifiche con gli operatori, ho finto di essere uno in cerca di casa e che mi volevo informare sulla velocità delle linee e quindi gli ho fornito vari indirizzi generici a diverse distanze dalla centrale, già solo a 300 metri la velocità cade a 15Mbps quando invece dovrebbe avere una portante piena, appena sopra al km invece di avere una 20 mega si hanno velocità tendenti ai 10 mega, ho controllato svariati indirizzi e dove le velocità dovrebbero essere buone (ad esempio intorno ai 12/13/14 Mbps)rasentano a malapena una classica 7 mega anche meno; tutte queste cose mi fanno pensare ad impianti talmente vecchi da reggere la 20 mega solo in prossimità della centrale, tutti gli altri probabilmente pagano un'offerta 20 mega ma viaggiano a metà di una 7 mega (un mio amico ad esempio ho scoperto di recente che ha una situazione come questa descritta ed è poi solo a 1.7km dalla centrale).

  • Emanu
    12/11/17

    1) non sono tanto certo che siano i cavi ad essere degradati. Alcuni non metto in dubbio che lo siano, ma nella maggior parte degli impianti che ho visto il problema peggiore era l'impianto interno di casa. In certi casi avere il modem sull'ultima presa dell'impianto che addirittura è tripolare e con fusibili porta via ben 5 mega!
    2) se con prove intendi i verifica copertura dei call center o dei siti degli operatori, quelli sono sempre conservativi. Si basano solo sulla distanza e non tengono conto della condizione dei cavi.
    Da me il verifica copertura portava che avrei raggiungo qualche 6-7 mega mentre andavo a 15 in ADSL.