Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Se Android non è riconosciuto dal PC con connessione USB

Pubblicato il: 1 ottobre 2016 Aggiornato il:
Cosa fare se collegando un tablet o smartphone Android al PC questo non viene riconosciuto come disco per il trasferimento file
android non riconosciuto da pc Quando si collega uno smartphone Android al PC tramite cavo USB, questo dovrebbe essere immediatamente riconosciuto ed essere utilizzabile come fosse una penna USB o un'unità disco per trasferire file.
A volte però questo non funzione ed anche se la connessione USB mette in carica il cellulare (cosa che avviene con qualsiasi connessione USB, anche su una TV), comunque il cellulare non viene proprio visto dal PC.
Se il dispositivo Android (smartphone o tablet) non fosse riconosciuto dal computer Windows il problema può dipendere da almeno 5 cause, che andiamo ad esaminare partendo dalla più frequente a quella meno probabile.
Se collegando al PC uno smartphone Android (sia esso un Samsung Galaxy, un HTC, un Nexus, Un Huawei ecc.) con un cavo USB e questo non venisse riconosciuto come unità disco e non fosse possibile quindi trasferire file tra PC e smartphone, procedere, in sequenza, attraverso i seguenti interventi.

1) Cambiare cavo USB
Sembrerà strano, ma nella mia esperienza è capitato più volte che alcuni cavi USB non portassero al riconoscimento del cellulare Android sul PC, anche se questi funzionavano benissimo per la ricarica.
Può darsi, infatti, che quel cavo non fosse progettato per il trasferimento di dati.
Provare quindi a cambiare cavo e vedere se con un altro compare la scritta "USB per la ricarica" nelle notifiche e se il PC riconosce che esiste un dispositivo collegato.

2) Disinstallare e reinstallare i driver Android
Se il cellulare Android viene rilevato dal PC anche se non viene riconosciuto come unità disco in cui trasferire file provare a reinstallare il driver.
Andare quindi in "Gestione dispositivi" dal Pannello di controllo, trovare il driver di dispositivo Android quindi premerci sopra col tasto destro per disinstallarlo.
Il driver Android dovrebbe avere come nome dispositivo non riconosciuto, contrassegnato con un punto esclamativo giallo, sotto "controller USB".
Se la lista dei driver non segna alcuna problematica, evitare di andare a caso perchè non è qui che si risolve il problema.
Una volta disinstallato il driver, scollegare il cellulare dal PC, assicurarsi che il computer sia connesso a internet e ricollegare lo smartphone o tablet Android lasciando che Windows cerchi il driver e lo installi.
In un altro articolo su come collegare il Samsung Galaxy al PC ci sono anche i link per scaricare driver e programma di gestione per i Samsung.
Anche se non dovrebbe essere necessario, i driver generici di Android si possono invece scaricare dal sito Google premendo sul link di download the Google USB Driver ZIP file.

3) Assicurarsi che Android sia impostato come un 'Media Device' (MTP)
Una volta connesso al computer lo smartphone o tablet Android bisogna configurarlo per il trasferimento dati.
Espandere la barra delle notifiche e toccare quella con scritto "USB per la ricarica" per selezionare poi la voce Trasferimento di file (MTP).
Una volta toccata, aprire su Windows una cartella di esplora risorse, andare su "Questo PC" e trovare il telefono tra i dischi collegati.
Aprendolo, questa volta, si dovrebbero vedere le cartelle della memoria interna che è possibile utilizzare per trasferire file trascinandoli dentro o fuori.
In caso non comparisse la notifica, aprire Impostazioni - > Archiviazione, premere su connessione USB del computer e selezionare il trasferimento file MPT oppure disattivarlo e riattivarlo.
Questa opzione può trovarsi in un posto diverso del menù a seconda del modello di cellulare usato.
Per esempio potrebbe essere sotto Impostazioni > Wifi e rete > Altro e chiamarsi "Attiva archivio USB"
Potrebbe anche essere richiesto di disattivare il debug USB se era stato attivato (si trova in Impostazioni > Opzioni sviluppatore).
Provare anche a riavviare il telefono tenendolo connesso al PC.

4) Attivare il debug USB
Per attivare il debug USB andare in Impostazioni del telefono e trovare "Opzioni sviluppatore".
Se non si trovassero le opzioni sviluppatore, aprire Impostazioni, andare in Info sul telefono, scorrere verso il basso per trovare il numero build e toccarlo sette volte velocemente fino a che non compare la scritta che le opzioni sviluppatore sono attivate.

Se ancora nulla ha funzionato, potrebbe esserci un problema hardware sul dispositivo Android.
Comunque sia, si può continuare a provare soluzioni se non vengono rilevati penne USB o drive esterni, più generali, ma che valgono anche per la connessione con lo smartphone o il tablet.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • rico
    2/10/16

    Per motivi di sicurezza, ora (da Android Lollipop in poi) gli smartphone esordiscono con "solo ricarica".
    Basta scorrere col ditone dall'alto verso il basso per trovare le opzioni "File" e "Foto"(non consigliata, trasferisce TUTTE le foto, che in fondo sono files anche loro).
    DICM è la cartella della fotocamera, cioè delle foto scattate con il telefonone. PICTURES è la cartella immagini del telefono, mentre DOWNLOAD è per non sbagliare: metteteci tutto, le ritroverete sul telefonone.