Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Usare un vecchio PC come file server NAS con FreeNAS

Pubblicato il: 10 giugno 2014 Aggiornato il:
Come installare Free-NAS, per usare un PC vecchio come server di archiviazione e conservazione file accessibile in rete
trasformare vecchio pc in file server Uno dei modi migliori per usare un computer vecchio è quello di farlo diventare un server dove conservare i file.
In pratica si lascia il PC acceso e senza monitor, attaccato alla rete di casa (non per forza a internet), in modo che faccia da unità di backup e di conservazione dei file e delle foto.
Per questa operazione non bisogna spendere un soldo ed è necessario soltanto una breve e veloce configurazione software, almeno 2 GB di RAM e la disponibilità di uno o due hard disk, anche vecchi (ma con almeno 100 GB di spazio) montati al suo interno.

Il programma da usare per creare un server di file come un NAS (Network Attached Storage) è FreeNas, un sistema operativo libero e open-source che permette di convertire i vecchi PC in dispositivi di archiviazione collegati in rete.
FreeNAS supporta anche i plug-in, quindi si potrebbe anche eseguire su di esso un client BitTorrent o un media server.
FreeNas funziona sui computer più vecchi (ma non troppo) perchè lavora a basse prestazioni.
FreeNAS è basato su FreeBSD , quindi per i requisiti minimi e i computer supportati si può fare riferimento a questa lista.
L'unica controindicazione che bisogna notare con questa soluzione è il consumo di energia piuttosto elevato che è quello di un computer sempre acceso.
Per un risparmio energetico sarebbe meglio usare un'unità NAS leggera oppure un mini computer Raspberry con le opportune configurazioni.

FreeNAS funziona su computer con CPU Intel o AMD a 32-bit e 64-bit anche se le CPU a 64-bit sono l'ideale.
Teoricamente FreeNAS preferirebbe almeno 8 GB di RAM per garantire una buona stabilità del file system ZFS, altrimenti, con meno RAM (almeno 2 GB, meglio 4), è necessario utilizzare un file system UFS.
Se si dedica un computer a questa soluzione di file server, spendere qualche Euro per aumentare la RAM sarebbe opportuno.
FreeNAS funziona meglio quando è installato su un drive USB o su una scheda di memoria flash che rimane inserita nel computer.
I dischi interni del computer possono quindi essere dedicati quindi interamente all'archiviazione e la conservazione dei dati.

Quindi, per fare le cose facili, scaricare il sistema operativo FreeNas dal sito ufficiale, masterizzare il file ISO su un disco e avviare il disco sul computer.
Se non c'è un lettore CD sul computer, si può scaricare l'immagine IMG per unità USB da installare su una penna USB.
Per copiare il sistema FreeNas su penna USB, estrarre il file IMG con 7-Zip e poi copiare il file estratto sulla penna USB con il programma Win32DiskImager.
Il computer vecchio, quello da usare come file server, deve già essere collegato alla rete LAN casalinga con un cavo Ethernet.

Avviare quindi il computer da usare come file server dalla penna USB o dal CD per avviare il programma di installazione di FreeNAS attraverso la procedura guidata.
Per installare FreeNas su un flash drive USB o una scheda flash inserire il dispositivo rimovibile al computer.
Selezionare quindi Installa / Aggiorna e selezionare l'unità.
Il programma di installazione scriverà i file del sistema operativo FreeNAS sul disco scelto.
Terminato il processo di installazione, rimuovere il CD (o la penna USB) di installazione e riavviare il computer.
Si vedrà ora la schermata di configurazione dopo l'avvio del computer da dove si possono modificare alcune impostazioni.

Quello che ci interessa è individuare l'URL nella parte inferiore dello schermo e scriverlo in un browser web su un altro computer collegato alla stessa rete per accedere all'interfaccia web grafica di FreeNAS.
Da adesso, si può staccare il monitor dal computer vecchio con FreeNas che sarà configurato da un altro PC.
FreeNAS immediatamente chiederà di impostare subito una password di root (amministratore) per l'accesso all'interfaccia web.
L'interfaccia di configurazione di Free-Nas è la stessa che si trova comprando un NAS dedicato.
Per le impostazioni di base, cliccare sull'icona di archiviazione sulla barra degli strumenti per usare il ZFS Volume Manager e creare una partizione ZFS oppure l'UFS Volume Manager per creare una partizione UFS. (Ricordare, che ZFS preferisce 8 GB di RAM mentre ne bastano anche 2 per UFS).
Sul riquadro Sharing (Condivisione) si può rendere il nuovo volume di storage accessibile in rete da un PC Windows, Linux / Unix o Apple.
La cartella condivisa sarà accessibile come qualsiasi altra cartella condivisa in rete quindi, su Windows, la si troverà in Esplora risorse come cartella di rete.

FreeNAS è molte opzioni di configurazione per le quali si rimanda a guide specifiche.
Si noterà anche una sezione relativa ai Plugin, per installare software su FreeNas come BitTorrent Transmission per scaricare file torrent o Plex Media Server per usare il computer FreeNas come media server per vedere film in streaming.
Ad esempio, si può usare il client Bittorrent per scaricare e Plex per vedere i film, gestendo tutto da un altro computer.

Per ogni domanda sull'installazione di FreeNas, rimando al sito ufficiale e al forum di aiuto.
Il NAS creato sarà utilizzabile in rete da casa, ma non da internet a meno che non si configuri la rete e il router, ma questo è un altro capitolo.

Se il vecchio PC non può nemmeno funzionare bene come NAS perchè troppo antico o perchè manca di requisiti, si consiglia di provare a far rivivere il vecchio computer come PC normale con una distribuzione Linux leggera.

LEGGI ANCHE: Trasformare il computer in un file-server "cloud" raggiungibile via internet senza limiti

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)