Navigaweb.net
Programmi Sicurezza Windows Guide PC iPhone Android Immagini Musica Rete Facebook Giochi Windows 8

Data:

Bloccare sitiPer proteggere un pc durante la navigazione su internet ci vuole prima di tutto attenzione a non finire in siti dannosi e pericolosi, quelli che hanno al loro interno un codice di programmazione che si auto attiva sui browser e che infettano il computer.
In un altro articolo abbiamo provato a descrivere come entra un virus sul computer in questo post invece vediamo come proteggere il browser e impedirgli di aprire quel codice dannoso che porta virus e che in inglese prende il nome di "exploit" (Wikipedia).

Mi ricollego a due articoli, uno sui siti pericolosi e i peggiori virus, l'altro su come bloccare gli spyware ed eliminarli.
Fondamentalmente ci sono due modi per difendersi: uno usando un programma che faccia la scansione dei virus e dei malware, eliminandoli o mettendoli in quarantena; l'altro invece, migliore, prevede di proteggere il pc preventivamente bloccando l'utente, anche il meno attento, da qualsiasi azione che porti il virus sul computer.

I migliori antivirus agiscono in entrambi i modi ma, spesso, se l'utente è di coccio e sfida la sorte, non riescono proprio a impedire le azioni autodistruttive.

Per navigare sicuri, fino a questo momento avevo indicato dei plugin per i browser come Web Of Trust oppure degli script per Firefox come Noscript.

Per proteggersi però si fa molto prima a siglare i siti web pericolosi in modo che, anche capitandoci per caso, essi non si aprano.
Per fare questo basta segnarli in un file di Windows (o di Linux) chiamato "hosts" che si trova al percorso C:/Windows/System32/drivers/etc

Brevemente, il file hosts è un file di testo che funge da risolutore di nomi in modo simile al DNS (vedi articolo su come proteggersi dai pericoli del web).
Il dns serve per i siti internet in modo che scrivendo sul browser google.com si arrivi all'indirizzo ip 74.125.127.100 mentre il file hosts serve soprattutto a chiamare con nome i computer di una rete.
Se però si scrivesse su questo file di testo una riga con scritto "127.0.0.1 navigaweb.net", aprendo il browser, questo meraviglioso blog sarebbe irraggiungibile perchè gli verrebbe associato un indirizzo non valido (non lo fate quindi!!!!).

Siccome 127.0.0.1 è l'indirizzo che indica se stessi, non si potrà correre alcun pericolo a reindirizzare le connessioni su questo ip address.

Per farla più comprensibile diciamo quindi che, se si inseriscono su questo file hosts, che è un semplice file di testo da aprire con il blocco notes, gli indirizzi di siti pericolosi e che hanno virus e li associo al numero 127.0.0.1, questi saranno inesorabilmente bloccati per quel computer, qualsiasi browser o programma venga usato.

Ovviamente non è che ci possiamo metterli a scrivere uno per uno e nemmeno possiamo fare questa lista troppo lunga altrimenti il file hosts diventerebbe troppo grosso e rallenterebbe il pc (direi che non deve superare 1 MB).

Ci sono quindi alcuni software di cui il migliore attualmente si chiama HostsMan.
Questo programma molto piccolo aggiunge tra le righe del file hosts i siti web con exploit e con malware e controlla che questo file non sia stato modificato in modo malevolo da qualche programma o sito web.
Il pregio di HostsMan è che si aggiorna con update di sicurezza per i nuovi siti scoperti.

SpyBot, il famoso e ottimo programma antispyware, tra le sue funzioni ha la protezione da file hosts.
Spyware Blaster blocca spyware e siti pericolosi su Internet Explorer e Firefox.
Se si aprono siti strani da soli, rimuovere il virus TDSS con TDSSKiller

Per finire, G Data CloudSecurity è un programma per la protezione dei browser Internet Explorer e Firefox.

In un altro articolo invece ci sono programmi per bloccare siti web pericolosi o limitarne la navigazione.
Non sono queste protezioni aggiuntive che rallentano il pc o che provocano dissesti, il mio consiglio è di usarli poi, nel caso ci siano problemi, si può sempre svuotare il file hosts da tutte le righe aggiunte ma non credo sarà mai necessario.


Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.