Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Immagini Giochi

Roaming gratis in Europa: limiti, condizioni e costi aggiuntivi

Ultimo aggiornamento:
Dal 15 Giugno 2017 si può telefonare, messaggiare e navigare internet in Europa senza costi di roaming, a determinate condizioni
limiti e costi roaming europa Anche se di questi tempi l'Europa ed il consiglio Europeo sembra non servire a niente ed essere solo un peso, ecco finalmente che si concretizza una legge comunitaria vantaggiosa e importante per tutti noi, il roaming gratuito.
Questo significa che se un italiano va in un paese estero che appartiene alla comunità Europea, potrà comunque telefonare, inviare SMS e, soprattutto, navigare su internet senza pagare costi aggiuntivi, con le stesse condizioni e tariffe che si hanno in Italia.
Dal 15 Giugno 2017, quindi, si può andare in un paese dell'unione europea e telefonare o messaggiare senza preoccuparsi di spendere troppo, grazie all'accordo Roam like at home.
Anche se, in teoria, non ci sarebbero fregature in questa legge ed anche se nessun operatore nazionale può applicare automaticamente e autonomamente tariffe diverse per le chiamate all'estero (sempre in paesi UE), ci sono comunque delle limitazioni e delle condizioni con dei costi aggiuntivi al roaming nazionale di cui pochi parlano.

La normativa Roam Like Home è nata con lo scopo di evitare che i consumatori che viaggiano vengano sorpresi con bollette enormi a causa di brevi connessioni dati o telefonate, ma non vale per chi risiede all'estero.
Questa si può dire sia l'unica vera condizione al roaming gratuito, ossia il fatto che il cellulare sia utilizzato, per la maggior parte dell'anno, nel paese dove è stato stipulato il contratto.
Se, quindi, uso una SIM di Vodafone Italia, posso chiamare, messaggiare e collegarmi a internet alle stesse tariffe italiane anche in Francia, basta che non risiedo stabilmente in quel paese.
Non c'è indicazione di un numero di giorni massimo anche se è probabile che stando più di 40 giorni in 4 mesi in un paese estero l'operatore potrebbe imporre un sovrapprezzo (sotto vediamo i massimali).

Il risultato di questa condizione è un limite che può essere imposto dall'operatore telefonico per le connessioni dati.
In sostanza, mentre per le telefonate e gli SMS non ci sono problemi di prezzi aggiuntivi, può darsi che chi ha un piano di connessione internet da cellulare illimitato o quasi, possa avere una limitazione sui Giga di traffico gratuito disponibile all'estero.
Mentre non è detto che tutti gli operatori possano mettere questa limitazione, nel caso ci fosse sarà chiaramente indicata in un SMS che si riceve appena sbarcati in un altro paese.

Il calcolo dei GigaByte gratuiti di traffico internet in un paese europeo (che comunque, nel caso fosse applicato questo limite, verrebbe sempre comunicato nell'SMS che si riceve cambiando paese) si deve fare seguendo le complicate indicazioni descritte sul sito Europa.eu, che andiamo qui a riassumere.
Bisogna calcolare il costo della tariffa iva esclusa che si paga in Italia per collegarci a internet diviso il Numero di Giga.
Se questo costo è inferiore a 3,85 Euro, allora il traffico che avremo a disposizione all'estero in Europa è di
2*(Costo Tariffa/7,7) = Numero GB In Roaming gratuito.
7,7 Euro è il costo massimo di 1 GB di traffico (questo prezzo scenderà negli anni fino a diventare 2,5 Euro nel 2022)

Per esempio, se paghiamo 3 GB di traffico 5 Euro, il costo per GB diventa: 5 - 22% di 5 (ossia 1,1) è uguale a 3,9 Euro; 3,9 diviso 3 fa 1,3 Euro che è il costo della tariffa per GB iva esclusa.
1,3 è inferiore a 3,85 Euro, quindi, se l'operatore vuole imporre il limite, questo sarà di:
1,3 va diviso per 7,7 ed il risultato va moltiplicato per 2 col risultato finale di 0,33.
0,33 GB è il numero di Giga che deve essere gratuito e incluso dal piano tariffario dell'operatore.
L'eccedenza può essere, eventualmente, pagata con un sovrapprezzo (ma speriamo non sia così, altrimenti è tutto inutile).

Se si pagasse un piano tariffario 30 euro (IVA esclusa) per un pacchetto con chiamate, SMS e dati illimitati, il roaminng sarebbe gratuito e rispettoso di questo pacchetto per le telefonate e gli SMS, che rimarranno quindi illimitati (a meno che non si rimane troppo tempo all'estero), mentre si potrà usare la connessione dati almeno per un traffico di 7,8 GB (2 x (30/7,70 euro) = 7,8)

Come detto sopra, se l'operatore telefonico dovesse rilevare un abuso alla Politica dell'uso corretto (come la chiama la legge), che sono riferiti al troppo tempo passato all'estero o al consumo eccessivo di Giga internet, allora potranno essere applicati dei costi aggiuntivi a telefonate, SMS e internet, previo avvertimento con SMS.
Questi costi aggiuntivi non dovranno superare queste tariffe:
Telefonate: 3,2 cent al minuto (+ IVA)
SMS: 1 cent per ogni SMS (+ IVA)
Internet: 7,7€ per 1GB (+ IVA)

Anche se queste limitazioni e sovrapprezzi non dovrebbero essere mai attivati, ci sono operatori che li hanno applicati, come ad esempio Fastweb, che mette un limite al roaming gratuito di 1 GB per il traffico internet e 500 minuti di chiamate.
Non bisogna fare nulla per entrare nelle regole del roaming gratuito e qualsiasi eventuale variazione non è affatto automatica, quindi dovrà essere comunicata e giustificata al cliente dall'operatore prima che i costi siano sostenuti.
Gli operatori italiani TIM, Vodafone, tre e Wind si sono già adeguati alla nuova normativa e non hanno, per ora, alcun costo aggiuntivo sui GB di traffico internet disponibile.
Lo stesso dovrebbe fare tutti gli operatori virtuali meno conosciuti (ma sempre meglio verificare).

I paesi dell’Unione Europea in cui si può navigare in roaming senza costi aggiuntivi sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Regno Unito.
Da adesso, andando in questi paesi, ricordare quindi di attivare la connessione dati anche in Roaming nelle impostazioni dello smartphone.

Da notare che non è presente la Svizzera e che il Regno Unito, in caso di Brexit, potrebbe non aderire più alle politiche del roam like home.
Non si può, inoltre, telefonare con la tariffa nazionale ad un cellulare Europeo, per il quale c'è sempre la tariffa internazionale.

LEGGI ANCHE: Tariffe Estero da cellulare Wind, TIM, Vodafone, Tre

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)