Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

8 Trucchi Windows 10 modificando chiavi di registro

Pubblicato il: 15 aprile 2016 Aggiornato il:
8 trucchi per fare delle modifiche avanzate a Windows 10 usando l'editor delle chiavi di registro
chiavi di registro windows 10 Come già fatto in passato per le versioni precedenti, vediamo qui qualche nuovo trucco per personalizzare Windows 10 andando oltre le impostazioni predefinite.
Quelle elencate in questo articolo sono 5 modifiche che non si possono fare cambiando qualche menù o opzione chiara ed autoesplicativa ma richiedono la modifica di alcune chiavi di registro.
Quando si vanno a toccare le chiavi di registro è importante stare attenti a non fare errori e non cancellare nulla, altrimenti si può rischiare di compromettere il funzionamento del computer.
Modificare le chiavi di registro è del tutto legittimo, ma bisogna considerare che si vanno a toccare impostazioni di sistema che Microsoft non vorrebbe fossero cambiate.
A volte perchè possono attivare funzioni ancora in fase sperimentale, altre volte invece perchè si tratta di ottimizzazioni che possono portare benefici solo sotto particolari condizioni, col rischio però che in altri casi possano avere effetto opposto.
Di seguito, ecco 8 trucchi da chiavi di registro per fare delle modifiche avanzate a Windows 10 che potrebbero piacere, a seconda dei gusti e delle esigenze.

LEGGI ANCHE: Migliori trucchi al registro di sistema e valori da modificare per le chiavi di Windows

Prima di tutto, per aprire l'editor delle chiavi di registro, premere insieme i tasti Windows-R ed eseguire il comando regedit.
Ci tengo a sottolineare che i seguenti trucchi riguardano solo Windows 10 (le mie prove sono state fatte su Windows Professional versione 1511) e non altri sistemi.
Sulla sinistra si trova l'albero delle cartelle che contengono le varie chiavi mentre sulla destra ci sono i vari valori inclusi nella cartella selezionata.
Nel caso ci si trovasse male, si possono utilizzare alcuni programmi per modificare chiavi di registro su Windows in modo più semplice.
Ogni modifica viene salvata automaticamente senza chiedere conferma ed ha effetto solo dopo un riavvio del computer.
Quando si deve creare una nuova chiave, utilizzare sempre quella DWord 32 bit.

1) Far aprire i menu del desktop più rapidamente
Andare alla chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop, selezionare Desktop
Sul lato destro, trovare la chiave chiamata MenuShowDelay, farci sopra un doppio click e modificare il valore da 400 a 200.
Questo ridurrà il ritardo delle animazioni per i menu di Windows 10 che saranno quindi più veloci.

2) Rimuovere l'icona Microsoft Onedrive dalle cartelle di Esplora risorse
Se non si utilizza Microsoft Onedrive, abbiamo già visto come disattivarlo nella guida su come disattivare Onedrive in Windows 10 anche usando le chiavi di registro.
Senza disabilitarlo invece si può scegliere di non farlo più comparire nell'albero di cartelle della colonna a sinistra di Esplora risorse.
La chiave da trovare è:
HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{018D5C66-4533-4307-9B53-224DE2ED1FE6}
Fare un doppio clic sul valore System.IsPinnedToNameSpaceTree e cambiare da 1 a 0 .

3) Barra delle applicazioni più trasparente
Per questa modifica si può evitare di mettere mano al Registro di sistema ed utilizzare Il programma Classi Shell, che ha l'opzione per fare la barra applicazioni completamente trasparente.
In alternativa, andare alla chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
Nel lato destro, cliccare sullo spazio vuoto col tasto destro, creare un nuovo valore DWord chiamato UseOLEDTaskbarTransparency e dargli valore 1.

4) Usare il tema scuro per le impostazioni di Windows 10
Microsoft ha nascosto un tema scuro per le impostazioni ed i menù di Windows 10, che forse sarà incluso nelle opzioni di personalizzazione al prossimo aggiornamento.
Se lo si vuol provare subito, bisogna cambiare la seguente chiave di registro:
HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes\Personalize
Nel lato destro, cliccare sullo spazio vuoto col tasto destro del mouse, creare un nuovo valore DWord chiamato AppsUseLightTheme e lasciare il valore 0.
Andare poi alla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes
Cliccare col tasto destro sopra Themes e creare una nuova chiave dandogli il nome Personalize .
Selezionare questa nuova chiave e, nel lato destro, creare un nuovo valore DWord con nome AppsUseLightTheme con valore 0.

5) Tornare con il vecchio controllo del volume del computer
Se non piacesse la nuova grafica della barra di controllo del volume di Windows 10, si può ripristinare quella di Windows 7 cambiando una chiave di registro.
Andare quindi al seguente percorso:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\
Questa volta, cliccare col tasto destro sopra CurrentVersion e creare una nuova chiave dandogli il nome MTCUVC .
Selezionare questa nuova chiave e, nel lato destro, cliccare sullo spazio vuoto col tasto destro del mouse, creare un nuovo valore DWord con nome EnableMtcUvc e lasciare il valore 0.

6) Disattivare il centro notifiche
Se non si utilizza mai il centro di notifiche, lo si può rimuovere completamente dalla vista cambiando una chiave di registro.
Su questo, si può seguire la guida al centro notifiche di Windows 10 dov'è spiegato anche come disattivarlo e farlo scomparire.

7) Aggiungere un messaggio alla schermata di blocco è possibile aggiungendo una nuova chiave di registro come già spiegato in un altro articolo ed è utile sui portatili, nel caso si lavori spesso fuori casa.

8) Tenere il menu Start e la barra delle applicazioni nere in ogni caso
Nelle impostazioni per personalizzare Windows 10 è possibile attivare l'opzione per cambiare i colori della barra del titolo delle finestre in Windows 10 prendendo uno dei colori dello sfondo utilizzato.
Nel caso però, si volessero mantenere la barra delle applicazioni e il menu avvio sempre in nero, c'è un trucco da fare sull'editor di registro andando alla chiave:
HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Microsoft\Windows\DWM
Cliccare due volte sul valore ColorPrevalence e cambiare da 0 a 1 .

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)