Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Giochi

Collegare lo smartphone Android alla TV (via cavo o wireless)

Aggiornato il:
Tutti i modi di collegare un telefono Android alla TV per vedere le app su grande schermo, sia tramite cavo HDMI-MHL sia wireless
collegare android a TV Ogni smartphone Android può essere collegato a una qualsiasi TV, anche vecchi modelli, in modo da vedere i suoi contenuti, come le applicazioni, i giochi, le foto ed i video, sul grande schermo.
Ci sono diversi modi di vedere lo schermo di un telefono Android sulla TV, effettuando collegamenti via cavo e tramite adattatori o anche in wifi, se ci sono le condizioni.

1) Collegamento smartphone Android a TV via cavo
Il modo più semplice ed economico per collegare un dispositivo Android alla TV è tramite uno speciale cavo che vada dalla porta USB dello smartphone o del tablet alla porta HDMI della TV.
L'HDMI è omai un'interfaccia universale che trasmette video e audio non compressi in un unico cavo, semplificando notevolmente la configurazione e compatibile praticamente con ogni schermo esistente.
Si potrà quindi visualizzare in TV tutto quello che appare sullo schermo, senza lag e senza ritardi, in tempo reale.
Diventa quindi possibile anche vedere un film su Netflix in TV usando l'app sullo smartphone Android oppure giocare giochi come PUBG in grtande.

LEGGI ANCHE: Collegare lo smartphone al monitor del PC

Idealmente, per collegare lo smartphone alla TV sarebbe necessario che sul cellulare sia presente una porta Micro-HDMI o Mini HDMI, in modo da poter usare un cavo diretto e molto economico da HDMI a Mini-HDMI o da HDMI a Micro-HDMI (come questo)
La porta micro-HDMI è però presente solo i pochi modelli e non è sicuramente qualcosa che si trova facilmente.

Per fortuna è possibile per però effettuare un collegamento USB-to-HDMI, se il dispositivo lo supporta.
Se lo smartphone ha una porta microUSB, si può comprare un convertitore da USB a HDMI per convertire i segnali dal telefono in segnali video che il televisore può visualizzare.
I convertitori da USB a HDMI sono disponibili in due versioni: Mobile High-Definition Link (MHL) e Slimport.
A seconda della compatibilità della TV e dello smartphone, si può effettuare uno o l'altro tipo di collegamento.
Per esempio, gli smartphone Samsung sono compatibili con MHL, mentre altri modelli di altre marche potrebbero avere compatibilità Slimport.

Inoltre, gli adattatori e i cavi MHL sono disponibili in due tipi: passivi e attivi.
I cavi passivi non convertono il segnale da soli perché sono pensati per essere utilizzati con televisori abilitati MHL.
Per vedere se la nostra TV è abilitata MHL, si deve cercare questa sigla accanto a una delle sue porte HDMI.
In questa pagina si può trovare un elenco dei televisori compatibili con MHL.

Se la TV non fosse abilitata MHL, ci sarà bisogno di un cavo attivo, che fa la conversione effettiva e può essere utilizzato con qualsiasi TV moderna.
I cavi attivi richiedono però alimentazione separata, con un adattatore di alimentazione USB in più.
In uno scenario tipico, quindi, l'adattatore si collega alla porta microUSB del dispositivo, alla porta HDMI del televisore e a un cavo USB collegato a una presa a muro.

Dopo aver trovato le informazioni necessarie su quale cavo comprare, si può andare su Amazon a cercare un cavo Slimport oppure un cavo USB-HDMI MHL per Samsung, o per Huawei o per altre marche.
Fare anche attenzione alla presa sul telefono, se è microUSB o USB-C.
Purtroppo il supporto varia notevolmente tra i produttori, quindi è necessario documentarsi cercando informazioni su internet o nei forum specializzati prima di acquistare l'adattatore giusto.

2) Collegamento senza fili (wireless) tra telefono e TV
Mentre usare il cavo può essere una soluzione più semplice, rimane comunque poco pratica e limitata dalla stessa, ingombrante, presenza del cavo.
Molto più comodo è usare il telefono come un telecomando e proiettare a distanza, in wifi, le immagini del telefono sullo schermo della TV.

La soluzione numero uno per collegare in wifi un telefono Android alla TV è, sicuramente, il Chromecast.
Come già spiegato più volte, con un dispositivo Google Chromecast è possibile trasmettere contenuti multimediali da servizi come Netflix dallo smartphone alla TV e utilizzare il telefono come telecomando.
Il Chromecast costa circa 40 Euro ed è molto facile da utilizzare, grazie all'app Google Home per Android.

La configurazione è semplicissima, si collega il Chromecast a una delle porte HDMI della TV e il suo cavo USB a una fonte di alimentazione (anche della TV stessa).
Con l'app Google Home sul telefono si fa la scansione dei dispositivi e si connette il Chromecast al Wi-Fi di casa a cui è collegato anche lo smartphone.
A quel punto, praticamente ogni applicazione può trasmettere contenuti in TV premendo il tasto "Cast" che si trova solitamente nell'angoo in alto a destra delle applicazioni.
Con il Chromecast è anche possibile trovare nelle impostazioni del telefono il tasto per trasmettere lo schermo di Android in TV.
I contenuti multimediali verranno riprodotti sulla tua TV e si potrà continuare a utilizzare il tuo dispositivo e le sue app.

Altre modalità di collegamento wireless tra TV e Android sono state spiegate nella guida per usare uno smartphone Android come media player per la TV.

LEGGI ANCHE: Collegare cellulare o tablet alla TV (Android, iPhone o iPad)

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy