Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows 10 Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Giochi

Vale la pena comprare un MacBook di ultima generazione?

Aggiornato il:
Se siamo indecisi se prendere un MacBook oppure un portatile classico, Vediamo se vale la pena oppure se, alla fine, non conviene
comprare macbook I MacBook Apple sono dei veri gioielli di tecnologia e design, molto belli da vedere, fluidi e veloci da utilizzare, portatili perfetti per chi deve lavorare.
L'unico inconveniente è il prezzo, davvero alto, che ci fa domandare se vale la pena davvero comprarlo oppure se non sia meglio spendere cifre anche più basse di 500 Euro per avere un portatile dello stesso livello, anche se non ha il logo della Mela.

Mentre il fatto di preferire un Macbook è in gran parte soggettivo, la cosa importante da considerare è che oggi un MacBook non è migliore, dal punto di vista hardware, rispetto un PC portatile Windows equivalente, che anzi può anche costare di più in alcuni casi.
Come già spiegato in passato, tra I Mac ed i PC Windows non c'è molta differenza se non nel sistema operativo, anch'esso comunque non più così radicalmente diverso come invece era qualche anno fa.
PRendendo a riferimento i Macbook in vendita nel 2018, vediamo in questa guida se vale la pena comprare un Apple MacBook di ultima generazione o se, invece, è meglio puntare su un portatile con Windows.

LEGGI ANCHE -> Migliori PC portatili Windows alternative ai MacBook

1) Design

Si tratta di un computer molto leggero e snello, con uno spessore molto sottile, il portatile Apple più sottile di sempre, con una nuova tastiera e una sola porta di tipo USB-C (lo standard del futuro) espandibile con un adattatore da comprare separatamente, che può essere usata sia per collegare dispositivi USB che per collegare uno schermo HDMI.
I computer Apple della linea MacBook costano tanto perché costruiti con materiali di qualità, sono belli e molto veloci.
Da quello che viene fuori leggendo le varie opinioni in merito, il nuovo MacBook sembra in realtà molto più simile ad un iPad con la tastiera piuttosto che un normale computer portatile.
Questa sua essenzialità può premiare la portabilità del computer, ma essere davvero limitante nella sua usabilità quotidiana.
Per esempio può diventare complicato collegare il MacBook a un cavo di rete Ethernet, a un hard disk esterno o a un iPhone o iPad per ricaricarli.
Le differenze tra le due versioni iniziano a diventare sempre meno evidenti rispetto al passato, visto che il peso e il design si avvicinano moltissimo in questa generazione (tranne la presenza della Touch Bar, prerogativa dei Pro di fascia alta).
Il nuovo MacBook Pro da 13″ pesa 1,37Kg ed misura 1,49cm x 30,41cm x 21.24cm. La versione base del Pro 13″ non però la Touch Bar, presente nei modelli più costosi. Il MacBook Air misura 32.5 cm x 22.7 cm x 1.7cm e pesa 1.35kg, presetandosi quindi più spesso ma più leggero rispetto al Pro.

2) Caratteristiche tecniche

Il MacBook Pro 13″ base si presenta con un processore Intel Core i5 dual‑core a 2,0GHz (ma possiamo scegliere anche la variante con Intel Core i7, molto più potente), scheda grafica integrata Intel Iris Graphics 540, RAM 8GB e come memoria interna un SSD PCIe da 256GB; la macchina è configurabile con unità SSD da 512GB o 1TB.
Il MacBook Pro fornisce ai propri clienti un display Retina retroilluminato LED da 13,3″ con risoluzione nativa di 2560×1600 pixel.

Il MacBook Air integra un Intel Core i5 dual-core a 1,6GHz (con Turbo Boost può arrivare fino a 2,7GHz) con 3MB di cache L3 condivisa, la memoria RAM è da 8GB  LPDDR3 e l'unità flash PCIe utilizzata come memoria interna è da128GB; è possibile scegliere in fase d'acquisto anche unità flash PCIe da 256GB o 512GB.
Il MacBook Air da 13″ offre invece uno schermo widescreen lucido da 13,3″ retroilluminato LED, ad una risoluzione di 1440×900 pixel.
Niente Retina quindi, offrendo in generale una qualità leggermente più bassa rispetto ai modelli con display Retina (insuperabili per contrasto e luminosità).

Diamo uno sguardo anche alle porte e alla connettività offerta dalle due varianti di MacBook:

Il MacBook Pro 13″ offre due porte Thunderbolt 3 (USB‑C) utilizzabili per ricarica, una porta DisplayPort Thunderbolt (fino a 40 Gbps) eUSB 3.1 Gen 2 (fino a 10 Gbps). Per il collegamento di vecchi device dovremo utilizzare spesso degli adattatori.

Il MacBook Air da 13″ fornisce ai suoi utenti due porte USB 3 (fino a 5 Gbps), una porta Thunderbolt 2 (fino a 20 Gbps), una porta per alimentatore MagSafe 2 e uno slot SDXC card.

Il jack da 3,5 mm per cuffie è presente su entrambi e la videocamera FaceTime HD (720P) è identica qualsiasi modello scegliamo.
Ottime anche le connettività senza fili: inclusi il modulo WiFi Dual-Band e il Bluetooth su entrambi i modelli, così da poter connettere sempre i nostri dispositivi senza utilizzare nessun cavo.

3) Prezzo d'acquisto

Chi acquista Apple è consapevole che i prezzi per i prodotti sono decisamente più elevati rispetto alla concorrenza e questo MacBook non è sicuramente da meno, con dei prezzi elevati anche per i modelli entry level:

- Apple MacBook Air: 1129€
- Apple MacBook Pro: 1549€

Parliamo pur sempre di oltre 1000€ da preparare per poter mettere le mani su uno dei modelli di MacBook nuovi in vendita.
La qualità dei materiali e il perfetto bilanciamento dell'hardware (pur con i suoi limiti) e il software sono da sempre il cavallo di battaglia dei prodotti Apple e chi è affezionato spenderà questa cifra senza nessun problema, anzi vi dirà che sono addirittura economici!
Ma è un notebook che consigliamo per l'acquisto a tutti gli utenti? Le nostre considerazioni le abbiamo inserite nella sezione qui in basso, dove tireremo le somme.

4) Conclusioni

Alla fine il MacBook diventa un computer che vale la pena acquistare soltanto dagli utenti che vanno in giro spesso, per gli uomini d'affari e gli studenti universitari, consigliabile per chi sta tutto il giorno fuori e non è tanto interessato ad avere un computer potente, ma piuttosto di avere un computer leggero e portatile per scrivere, vedere video e presentazioni.
Chi pensa ad alternative di PC che rientrino nella stessa fascia di prezzo, probabilmente non troverà nulla di simile.
Questo perchè i portatili con prezzi superiori a 1200 o 1500 Euro sono sempre computer da gaming, che non dovrebbero interessare molto alla categori di utenti di Macbook.
Le vere alternative ai portatili Apple sono, in realtà, i PC con fascia di prezzo compresa tra i 700€ e i 900€.
Questo significa che pagando anche la metà possiamo avere dei PC Windows moderni e completi di tutte le funzionalità richieste adatti a qualsiasi degli utilizzi esposti in alto.
In conclusione, quindi, se si parla in modo oggettivo e indipendente da pregiudizi, è davvero difficile consigliare l'acquisto di un Mac.

LEGGI ANCHE -> Come scegliere il PC portatile notebook e non sbagliare

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy
2 Commenti
  • rico
    8/10/18

    Dovessi comprare un portatile ora forse sceglierei un Chromebook.
    Basso prezzo, SSD invece del clasico hard disk, basso consumo e imminente compatibilità con le app Android, e lì si apre un mondo ;)

  • Claudio Pomes
    8/10/18

    Quello si, che è davvero diverso da un PC normale, Mac o Windows che sia