Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Quando e come si può aggiornare il BIOS del PC

Pubblicato il: 30 giugno 2016 Aggiornato il:
Quando bisogna aggiornare il BIOS del PC, come verificare se ci sono updates e come installarli per "flashare" una nuova versione
bios update Anche se come per ogni firmware o software, sarebbe importante avere sempre l'ultima versione perchè dovrebbe essere quella che funziona meglio, anche se fosse disponibile un nuovo update per il BIOS non è detto che sia consigliabile installarlo.
Abbiamo già spiegato in un altro articolo cos'è il Bios e a cosa serve spiegando come, di fatto, sia fondamentale in un computer per poter iniziare le procedure di avviamento del sistema operativo.
Per la sua particolare e delicata funzione, già toccare il bios è sconsigliato per i meno esperti, figuriamoci aggiornarlo ad una nuova versione.
Per fortuna, quasi ogni produttore di PC facilita questo tipo di procedura rendendola automatica e rilascia aggiornamenti solo quando effettivamente c'è un problema noto che va risolto, ad esempio per risolvere un problema di scheda madre, di surriscaldamento o di prestazioni.
Alcuni aggiornamenti del BIOS vengono rilasciati invece semplicemente per fornire supporto a nuovo hardware, per esempio un nuovo modello di CPU o scheda grafica.
In generale, comunque, a meno che non si fanno modifiche hardware o si scopre effettivamente che è l'unico modo di risolvere un problema, non c'è alcuna ragione di flashare il Bios con una nuova versione firmware, che sicuramente non poterà un miglioramento di prestazioni del computer.

A differenza del sistema operativo, il BIOS è un software di basso livello memorizzato sul chip sulla scheda madre del computer.
In generale, sui portatili, si può aggiornare il BIOS andando a cercare eventuali aggiornamenti nel sito del produttore (Dell, Asus, HP ecc) che forniscono un file di tipo .exe solo da eseguire e che dovrebbe essere stato testato in modo adeguato.
Sui PC desktop assemblati, invece, per trovare l'aggiornamento del BIOS bisogna andare sul sito del produttore della scheda madre che, in alcuni casi, invece di fornire un file exe semplice da usare, chiede di flashare il bios installando il firmware da chiavetta USB e da prompt DOS, senza fornire piene garanzie di successo.
Sbagliare un aggiornamento del BIOS può provocare un malfunzionamento del computer che lo rende inutilizzabile ed anche difficile da riparare senza l'intervento di un tecnico specializzato.
Dopo aver spiegato perchè sarebbe meglio fermarsi, se fosse invece necessario o se comunque si vuol andare avanti, vediamo qui come si deve fare per fare un aggiornamento pulito e senza rischi del BIOS.

La prima cosa da fare è controllare la versione corrente del BIOS sul PC
Per farlo si può utilizzare un programma automatico come CPU-Z oppure Speccy.
Entrambi i programmi mostrano, nella sezione relativa alla scheda madre, il brand, il numero di versione e la data dell'ultimo aggiornamento.
Da prompt dei comandi DOS, si può vedere la versione del BIOS con il comando:
wmic bios get smbiosbiosversion
Su Windows si può anche cercare l'utility System Information nel menu Start ed eseguirla per trovare tutte le informazioni sul BIOS e la versione.

In alcuni PC si potrebbe leggere come Brand del BIOS "American Megatrends", che indica un tipo di Bios anche chiamato AMI BIOS, il più diffuso.
Per trovare la versione del BIOS giusta, però, non bisogna cercare sul sito del Brand, ma sul sito di quello indicato come produttore o Manufacturer della scheda madre.
Per esempio, se la scheda madre è di AsusTek, cercare su Google: asus "modello scheda madre" bios oppure, nel caso di un portatile, cercare il nome completo del modello che di solito è una sigla alfanumerica.
Sulla pagina di dettaglio della scheda madre, cercare la sezione del Supporto o "Support" per trovare una sezione di download di driver e del BIOS e scaricare l'ultima versione stabile se è superiore rispetto quella che abbiamo noi.
Prima leggere sempre le note di rilascio e tutti i dettagli per vedere, effettivamente, cosa cambia nell'aggiornamento e se c'è stato un effettivo miglioramento o correzione di problemi.
Per esempio, se si tratta di un update del BIOS che serve solo a supportare nuove CPU, come spiegato sopra, se non si prevede di cambiare CPU, forse si può ignorare l'update.

Scaricare, quindi, il file del BIOS che dovrebbe essere un formato di archivio ZIP.
Aprire l'archivio e cercare un file chiamato Leggimi.txt o readme.txt che contiene le istruzioni per l'installazione.
Ci sono quattro tipi di installazione del BIOS:
- file da flashare dal BIOS stesso (vedi come entrare nel BIOS)
- file da installare creare una penna USB DOS Live (usando il programma Rufus), avviare il computer da USB e poi eseguire la procedura descritta nel file di istruzioni.
- File exe da eseguire e installare direttamente da Windows, in modo facile e indolore.
- Programma di aggiornamento del computer che include anche il BIOS.
Nel terzo e ne quarto caso si può procedere senza troppa ansia e tutto dovrebbe andare bene.
Nei primi due casi, invece, bisogna essere un po' esperti e sapere cosa si sta andando a fare.

Per finire, mi raccomando di diffidare totalmente da qualsiasi tool esterno, non del produttore del computer, che promette di aggiornare il BIOS automaticamente perchè è sempre una truffa e non garantisce alcun successo della procedura.

LEGGI ANCHE: Come accedere a UEFI nei nuovi PC e come cambia dal BIOS

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
3 Commenti
  • paolus
    4/7/16

    ciao claudio, senti ho un problema alla partenza del pc mi da un errore di POST.
    ho provato a settare le funzioni a default nel UEFI ma niente da fare, una volta era gia stato rimesso A POSTO IL PC SEMPRE PER UN ERRORE DI PARTENZA AL BIOS, COSA MI CONSIGLIERESTI DI FARE?

  • Claudio Pomes
    4/7/16

    l'errore post è un errore hardware, hai qualcosa di rotto dentro, probabilmente la ram o qualche connessione della scheda madre

  • paolus
    4/7/16

    brutta storia e come me ne accorgo se e' un problema alla ram? non ho mai avuto nessun malfunzionamento di memoria quando uso windows.
    in pratica alla partenza il bios mi avverte che c'e' questo problema di post e non riesce a far partire il pc e mi fa scegliere se proseguire in un nuovo tentativo o andare alle opzioni.
    vado alle opzioni e premendo f10 mi manda alla scelta del device da bootare, seleziono hard disk e parte. sempre cosi' mi tocca fare.