Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Giochi

Controllare la cronologia Google Maps e disattivarla

Aggiornato il:
Come vedere, cancellare e disattivare la cronologia delle posizioni in Google Maps che registra tutti i nostri spostamenti dallo smartphone
cronologia posizioni google Se si utilizza uno smartphone Android o un iPhone con Google Maps attivo in background e se non è stata fatta alcuna modifica alle impostazioni, allora è attivo anche il tracciamento delle posizioni di Google.
La cronologia di Google Maps, infatti, non è solo quella che elenca le ricerche fatte di posti e indirizzi, ma anche quella dei luoghi in cui effettivamente andiamo ogni giorno, per lavoro, per svago o in vacanza.

Se è attivo il servizio di localizzazione di Google Maps, ogni spostamento che si fa viene registrato da Google che crea quindi una cronologia delle posizioni che se non è mai stata vista prima, può essere davvero sorprendente (ed anche inquietante) per la sua precisione e accuratezza.

LEGGI ANCHE: Spostamenti e posti in cui andiamo sono registrati e tracciati su Android

La cronologia di Google Maps può essere controllata sul PC dalla pagina della cronologia Google Maps.
Questa visualizza un calendario e una cartina in cui sono segnati, con pallini rossi, i posti dove si è stati ieri o negli ultimi mesi.
La cronologia delle posizioni è una timeline con dati giornalieri e mensili estratti da Google Maps, quando il servizio di localizzazione dello smartphone è attivo.
Dal calendario in alto a destra è possibile controllare e rivedere tutti gli spostamenti fatti giorno per giorno, guardare i posti in cui si è stati in passato si possono vedere quindi dove eravamo, per esempio, il 18 Marzo 2013 o un altro giorno specifico.
In un certo senso questa cronologia di Google Maps può essere interessante e utile per ricordarsi dei posti in cui siamo stati come in un registro viaggi, che rimane in forma assolutamente privata e non condivisa con altre persone.

Se non si volesse usare questa cronologia e se si vuole mantenere una maggior privacy dei posti in cui si va, senza disattivare la geolocalizzazione del cellulare e senza rinunciare a Google Maps come navigatore satellitare, si può sempre disattivare la funzionalità andando al sito delle attività Google https://myactivity.google.com.

Qui è possibile cancellare riferimenti specifici dalla cronologia per un giorno o un periodo andando, sul menù a destra, alla sezione "Elimina attività per".
Scegliere quindi il periodo di cui si vogliono rimuovere tutte le tracce, e poi selezionare, nel menù a tendina "Tutti i prodotti" e selezionare Maps.
Se si seleziona Sempre nel campo Elimina per data, viene svuotata completamente la cronologia di Google Maps.

Per disattivare completamente la registrazione che Google Maps fa nella sua cronologia con posti in cui andiamo e tutti i nostri spostamenti, andare invece, sempre dalla pagina MyActivity, a Gestione attività per trovare quindi la sezione dedicata alla cronologia delle posizioni e spegnere l'interruttore.
Inoltre, e questo è stato scoperto di recente, è anche necessario disttivare l'interruttore della pagina Attività web e app, nella pagina di controllo delle attività

La cronologia di Google Maps può essere visualizzata anche dallo smartphone Android o da un iPhone.

Su Android, aprire l'app Google Maps, toccare il menù e poi su Cronologia per trovare tutti i posti in cui siamo stati.
Toccare quindi su Altro per trovare le impostazioni che permettono di disattivare la cronologia delle posizioni.
Questo non impedisce allo smartphone di sfruttare i servizi di geolocalizzazione, ma si dice a Google di non registrare le posizioni.

Su iPhone, aprire Google Maps e tocare su Cronologia per vedere tutti i posti registrati da Google Maps durante i nostri spostamenti.
Per disattivare la cronologia,, toccare il Menu e poi Impostazioni, andare in Contenuti personali, scorrere verso il basso fino a "Impostazioni posizione" e controllare se è attiva la localizzazione.

Permettere Google o altre aziende di conoscere la nostra posizione può sembrare un po' invasivo, ma penso anche sia molto utile in determinate situazioni, ad esempio per sapere quali posti interessanti si hanno intorno, per dire a un amico dove siamo con Google Maps o per avere un servizio antifurto sempre attivo come Trova il mio Android.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy

'