Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Come bloccare le App su iPhone

Aggiornato il:

Come proteggere le applicazioni installate su iPhone bloccandone l'accesso non autorizzato

Blocco iPhone Il nostro iPhone custodisce moltissime informazioni e dialoghi personali, che sicuramente non vogliamo vengano lette da persone non autorizzate. Se abbiamo l'abitudine a lasciare spesso il nostro telefono in giro per casa o in ufficio, possiamo apporre un ulteriore filtro per bloccare applicazioni su iPhone, così che, anche nel caso in cui qualcuno riesca a sbloccarlo, non dovremo temere che possano leggere i nostri messaggi su WhatsApp o accedere a Facebook senza il nostro consenso.
Rispetto ad Android (dove ci sono tantissimi metodi e app per bloccare le applicazioni), su iPhone dovremo "arrangiarci" con gli strumenti che la stessa Apple ci ha messo a disposizione, così da poter bloccare applicazioni su iPhone in maniera efficace, senza quindi ricorrere a dubbie app esterno o a metodi poco ortodossi e poco inclini alla filosofia Apple.


Schermata di blocco iPhone

Il primo metodo, molto semplice ed efficace, per bloccare le applicazioni su iPhone prevedere l'attivazione della schermata di blocco, così che ogni volta che spegniamo lo schermo del nostro telefono e lo riaccendiamo, ci verrà chiesto il codice di sblocco o la password biometrica (impronta o volto).
Se non l'abbiamo ancora attivato, portiamoci nel menu Impostazioni, facciamo tap su Touch ID e codice oppure su Face ID e codice (sugli iPhone più nuovi), quindi selezioniamo la voce Abilita codice.
Sbloccare iPhone

Nella nuova schermata inseriamo un codice personale a sei cifre; in alternativa selezioniamo Opzioni codice per passare a un codice numerico a quattro cifre, un codice numerico personalizzato o un codice alfanumerico personalizzato.
Dopo aver inserito il codice forniamo i dati biometrici per lo sblocco rapido (ti verrà chiesta l'impronta o i dettagli del volto, in base all'iPhone in uso). Confermati i dati biometrici, potremo bloccare l'iPhone in qualsiasi momento, così da bloccare efficacemente le nostre applicazioni. Chiunque sbloccherà il telefono, dovrà inserire il nostro codice personale oppure risultare registrato a livello biometrico per poter accedere alle nostre app.

Se abbiamo dei problemi a configurare Touch ID o Face ID, vi consigliamo di leggere la guida ufficiale Apple su Touch ID e la guida ufficiale Apple su Face ID.

Nota: di base il blocco di iPhone viene applicato anche all'interno di alcune app di sistema come sistema di sicurezza aggiuntivo (per esempio quando acquistiamo o installiamo app su App Store). Alcune app di terze parti integrano anche il blocco all'accesso tramite Touch ID o Face ID, non dobbiamo far altro che controllare nelle impostazioni dell'app per poter sfruttare questo sistema di sicurezza.

Blocco app tramite "Tempo di utilizzo"

Cosa possiamo far se invece desiderassimo bloccare le app dopo la schermata di blocco? Può capitare infatti di lasciare il telefono in custodia a qualche amico o parente, ma vogliamo evitare assolutamente che vada a "sbirciare" nelle nostre chat o nei nostri gruppi su Facebook. In questo caso dovremo sfruttare la funzionalità di controllo chiamata Tempo di utilizzo, pensata come forma di controllo parentale ma che possiamo sfruttare a tutti gli effetti come sistema di blocco per le app.

Per attivare questo innovativo blocco delle applicazioni, portiamoci nell'app Impostazioni, facciamo tap su Tempo di utilizzo, quindi selezioniamo la voce Attiva l'opzione "Tempo di utilizzo". Dopo aver selezionato Continua, premiamo su E' il mio iPhone, così da sbloccare le opzioni amministrative del sistema.
Tempo d'utilizzo iPhone

Facciamo tap sulla voce Utilizza codice "Tempo di utilizzo", scegliamo un codice PIN a 4 cifre univoco, da utilizzare per poter accedere alle app che andremo ad aggiungere al sistema. Dopo aver impostato il codice, torniamo nel menu precedente e selezioniamo il pulsante Limitazioni app. Il sistema ci richiederà il codice impostato poco fa, inseriamolo e selezioniamo la voce Aggiungi limitazione di utilizzo.
App iPhone

Purtroppo il sistema non permette di scegliere le singole app, ma possiamo bloccare solo la categoria a cui essa appartiene (per esempio per bloccare Facebook, WhatsApp e altre app simili è sufficiente applicare il limite alla categoria Social Network).
Impostate le categorie da bloccare, fai tap in alto a destra su Avanti e, nella nuova schermata, impostiamo il limite d'uso più basso possibile, ossia 1 minuto, e attiviamo la voce Blocca al termine del limite.
App blocco

Ora non resta altro da fare che pigiare su Aggiungi in alto a destra per abilitare il sistema di blocco supportato dall'iPhone.

A partire dall'attivazione del tempo di utilizzo, sarà sufficiente utilizzare le app designate per un minuto (ogni giorno), dopodiché il sistema bloccherà l'accesso e richiederà il PIN creato poco fa per poter continuare ad accedere. Ogni giorno quindi avremo solo un minuto di "scoperto": dovremo solo avere l'accortezza di far passare velocemente questo minuto, così che tutte le app che desideriamo bloccare siano accessibili in seguito solo per chi conosce il codice di sblocco. Se desideriamo cambiare il codice di sblocco o rimuoverlo, è sufficiente portarsi nuovamente in Impostazioni -> Tempo di utilizzo e selezionare la voce Modifica codice "Tempo di utilizzo", così da mostrare il piccolo fumetto in cui scegliere se cambiare il codice oppure rimuoverlo definitivamente.

Conclusioni

Anche se non sono disponibili app per il blocco delle applicazioni sensibili, l'iPhone offre degli strumenti integrati molto semplici da configurare e sopratutto efficaci, al netto delle limitazioni (per esempio dovremo sempre aspettare un minuto ogni giorno per rendere effettivo il blocco delle app tramite la funzione Tempo d'utilizzo).

Chi invece possiede uno smartphone Android, può scegliere tra tantissime app e sistemi integrati in grado di bloccare l'accesso alle applicazioni sensibili, come abbiamo visto nella nostra guida alle App per bloccare l'apertura di applicazioni su Android. Se invece volessimo migliorare la schermata di blocco sui device Android, vi raccomandiamo di leggere l'articolo su come Cambiare blocco schermo Android con le app lockscreen.

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte Info sulla Privacy