Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows 10 Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Giochi

Minacce e Malware più pericolosi su internet

Aggiornato il:
Lista e descrizione delle 10 minacce informatiche via web più pericolose e più diffuse a cui occorre fare attenzione
minacce Virus popolari I malware non dormono mai su internet e possono colpire qualsiasi computer Windows all'improvviso, senza dare preavvisi e con metodi sempre nuovi.
Virus e malware possono colpire i PC Windows e di recente anche i computer Mac, con l'esplicita intenzione di rendere la vita difficile ai navigatori del Web in modo da truffarli e rubargli soldi.
Il problema dei virus è che la maggior parte delle persone che non ne ha mai avuto a che fare non penserebbe mai, erroneamente, di poterne essere colpito.
La cattiva notizia è che anche un utente esperto di informatica che usa un PC protetto con antivirus ed altri programmi di sicurezza, può cadere vittima di una minaccia online provocata da un malware o da un sito truffa.
In questo articolo vediamo come riconoscere le minacce informatiche più diffuse, così da non farsi trovare impreparati ed ottenere subito un metodo per contrastarli e eliminarli.

LEGGI ANCHE -> Quale antivirus offre più protezione, con buone prestazioni

1) Ransomware

Ransomware

Il virus senza ombra di dubbio più pericoloso è il ransomware, che può presentarsi sotto diverse forme ma con un funzionamento simile.

Si tratta di un malware davvero ingegnoso che combina un tentativo di truffa con un virus vero e proprio che rende inutilizzabile il PC colpito, bloccando anche i file personali.
Sul computer compare un messaggio a tutto schermo (non rimovibile) con un avviso su presunte attività illegali provenienti da quel computer e di una multa da pagare per tornare in possesso del PC.
Il virus ha diverse varianti con messaggi provenienti dalla polizia postale, dalla guardia di finanza, dalla SIAE, dai carabinieri o dal Centro nazionale anticrimine informatico, inoltre è capace di bloccare i file "presi in ostaggio" tramite cifratura, sbloccabili solo dopo aver pagato il riscatto.
I file cifrati restano tali anche in caso di rimozione del virus, quindi il rischio di perdere dati personali è molto elevato.
Il virus della tipologia ransomware (che prende il computer in ostaggio se non si paga), può essere rimosso seguendo la guida delle cose da fare quando un PC viene infettato da un virus.
Ovviamente non dobbiamo mai pagare e attenerci alle istruzioni fornite, meglio fare pulizia del PC e se necessario formattarlo, recuperando i file persi tramite un backup (che va sempre attivato).
Un esempio di questo virus che aveva ingannato molti utenti italiani qualche anno fa è quello della Polizia postale, con un avviso su presunte attività illegali provenienti da quel computer e di una multa da 100 Euro da pagare per tornare in possesso del PC.

Come si prendono questi virus?
Il primo veicolo d'infezione sono i siti con tantissime finestre pubblicitarie, specie quelle che compaiono all'improvviso sotto la finestra o in un'altra scheda o che bloccano qualsiasi azione all'utente finché non si fa clic da qualche parte (i siti di streaming sono pieni di queste minacce); un secondo metodo d'infezione sono le email con allegati sospetti.

2) Worm

Worm

Se pensate che le email siano sempre sicure, sbagliate di grosso!
Al di là delle email di spam (che possiamo tranquillamente ignorare o buttare nel cestino), alcuni virus si mascherano da email legittime, superano i filtri antispam e arrivano nella casella di posta elettronica degli utenti, mascherando la minaccia in allegati da leggere (PDF o Word di solito).
Basta un semplice clic sul file allegato per avviare l'infezione: il PC inizia a rallentare, possono comparire finestre pubblicitarie o siti poco raccomandabili e, cosa più preoccupante, il worm si diffonde automaticamente tra tutti i contatti delle email e i PC presenti in rete LAN.
Una delle minacce più pericolose in tal senso è stata WannaCry, che sfruttava una debolezza di Windows per diffondersi velocemente tramite LAN.
Anche in questo caso possiamo rimuovere il worm leggendo la guida delle cose da fare quando un PC viene infettato da un virus.
Come si prendono questi virus? 
Il veicolo principale restano le email infette, ma se un PC della nostra rete LAN è stato infettato da un Worm, esso si diffonderà in tutti i PC sani a velocità elevate, quindi potremmo ritrovarci infetti senza aver fatto nulla sul nostro PC (basta solo accenderlo e connetterlo alla rete!).

3) Trojan

Trojan

Anche se caduti un po' in disuso, i trojan restano ancora adesso una delle minacce più pericolose per qualsiasi PC su cui gira Windows.
Questi virus sono in grado di nascondersi abilmente all'interno di programmi legittimi (possono simulare sia l'aspetto sia l'icona, spesso funzionano correttamente per non destare sospetti) e, al momento opportuno, prendono il controllo del PC scaricando nuovi virus, modificando i file di sistema, rimuovendo ed installando nuovi programmi inutili e spiando ogni file e azione svolta dall'utente.
Ci sono tante varianti di trojan: da quelli che disabilitano completamente l'antivirus e qualsiasi strumento di scansione a quelli che prendono il controllo della Webcam e ci spiano di nascosto.
Per fortuna molti antivirus riescono ad intercettarli prima che possano far danni, in ogni caso la rimozione è abbastanza semplice leggendo la guida delle cose da fare quando un PC viene infettato da un virus.
Come si prendono questi virus? 
Il mezzo di diffusione principale restano le crack, sia quelle per ottenere una licenza gratis di Windows sia quelle per ottenere programmi e videogiochi a pagamento gratis (molto ambiti).

Si installano le crack come se nulla fosse, si sfrutta il programma o il sistema senza pagare e si va avanti, senza alcun sospetto; al momento opportuno ci ritroviamo con il PC compromesso, con il trojan che ha fatto danni senza nemmeno far scattare l'antivirus.
Meglio evitare completamente le crack e acquistare ciò che ci serve.

4) Generatori di criptovaluta

criptovaluta

Una delle minacce più recenti per i nostri PC con Windows sono i generatori di criptovaluta, dei programmi all'apparenza legittimi (molti antivirus non li bloccano o non scattano quando ne rilevano uno) che si piazzano in memoria ed iniziano a sfruttare le nostre risorse hardware (CPU ma in particolare GPU, specie se la nostra scheda video è recente e molto potente) per poter generare criptovaluta (moneta virtuale con valore via via sempre più elevato, ma mano che si genera moneta), che finirà dritto nelle tasche dello sviluppatore o di chi ha creato il programma.
Questa minaccia viene inserita di nascosto in alcuni programmi free, così da generare un utile costante allo sviluppatore senza nemmeno sfruttare l'app.
Una cosa è se siamo noi a sfruttare il nostro PC per generare criptovaluta, una cosa e se qualche sviluppatore decide ci prendere le risorse del nostro PC per generare soldi per sé (il PC inevitabilmente rallenterà, specie con i giochi e con i programmi più pesanti visto le risorse occupate).
Dai nostri test uno dei pochi antivirus gratuiti in grado di localizzare e bloccare i generatori di criptovaluta è Comodo, che possiamo scaricare qui -> Comodo Antivirus.
Come si prendono questi virus?
Anche se non sono dei veri virus, queste componenti fastidiose possono essere presenti su qualsiasi programma gratuito, ma li troviamo anche sui siti modificati appositamente per generare criptovaluta ad ogni visita dell'utente.
L'unico modo per evitarli è avere un buon antivirus che blocchi questi generatori di criptovaluta anche quando navighiamo su Internet oppure quando un programma gratuito decide di "finanziarsi" sfruttandoli sui PC ignari.

5) Applicazioni Android false
Le applicazioni per i cellulari Android possono essere scaricate da Google Play o anche da altri siti.
Come già scritto nell'articolo sui rischi sulla sicurezza dei cellulari smartphone, alcune applicazioni possono essere dei virus in piena regola.
In certi casi, come è avvenuto per Angry Birds: Star Wars, l'app con il malware ha lo stesso nome di un'app famosa e popolare.

6) La minaccia porno
Questo tipo di truffa può davvero mettere paura i meno esperti perchè fa leva sull'intimità delle persone.
Si riceve quindi un'email con scritto, solitamente in lingua inglese, che siamo stati registrati in un video mentre vedevamo siti per adulti e che sarà diffuso a tutti i nostri amici e contatti se non paghiamo una certa somma.
Ovviamente questa è una falsa minaccia, non c'è alcun video ed il messaggio è uno standard mandato a caso un po' a chiunque cercando di beccare quello che si sente in colpa ed ha paura per una possibile umiliazione pubblica.
Per difendersi da questo tipo di minacce, non serve altro che mettere un adesivo sull'obiettivo della webcam, togliendolo solo quando effettivamente se ne ha bisogno.

7) La minaccia romantica
Su siti come Facebook o altri social dove si usa il nostro nome reale, potrebbe capitare di essere contattati da avvenenti ragazze che si mostrano, da subito o dopo un po' di conversazione, disponibili ad un appuntamento amoroso.
Purtroppo, dopo aver detto qualcosa di compromettente o dopo aver inviato qualche foto intima, sarà chiesto di inviare soldi ad un certo indirizzo altrimenti tutta la chat e le foto saranno inviate a moglie e familiari.
Questa è sicuramente un ricatto pericoloso, da cui ci si può difendersi solo con la diffidenza verso chi si mostra troppo bello e troppo disponibile.

Conclusioni

Come si può vedere, le minacce informatiche via web si presentano sotto forme diverse e, spesso, insospettabili, capaci di superare anche anche i più potenti antivirus e antimalware.
In un altro articolo vi invitiamo a leggere la nostra checklist di sicurezza online per vedere se il PC è protetto.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte
Info sulla Privacy