Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Nascondersi alle pubblicità online di Google, Facebook e Youtube

Aggiornato il:

Cercare su Google e cliccare su Facebook senza che aziende di pubblicità possano tracciare preferenze e siti visitati

Privacy tracciamento click La questione privacy è certamente il problema più attuale e sentito riguardante internet.
In altri articoli abbiamo visto come configurare le opzioni di Firefox per avere privacy durante la navigazione su internet (vedi anche le opzioni privacy con Chrome e la privacy su Internet Explorer) ma ogni configurazione potrebbe essere inutile se è vero (e purtroppo lo è) che alcuni siti web superano le restrizioni dei browser e catturano comunque informazioni (anonimamente) tracciandole per scopi commerciali.

Per migliorare la situazione e proteggersi contro le invasioni delle agenzie pubblicitarie su internet, la soluzione migliore è l'uso di alcuni plugin che permettono di non farsi tracciare online dai siti bloccando la raccolta di dati personali.
Solo per Firefox esiste poi un'ottima estensione che permette di bloccare siti web come Google, Facebook, Bing, Youtube e Yahoo nel loro tentativo di tracciare i dati ed i click degli utenti.

Privacy Badger per Chrome e per Firefox è un add-on specializzato nel blocco dei tracciamenti dei siti più popolari al mondo.
Come si può capire dal nome, questo componente aggiuntivo è stato creato per proteggersi dall'invadenza di Google e Facebook e di altri siti nel registrare le abitudini di navigazione su internet.
Privacy Badget diventa importante per Facebook, per nascondere la propria attività all'algoritmo interno del social network.
Dopo la sua installazione, esso duplica i link in questi siti e permette all'utente di scegliere se cliccare sul link tracciabile oppure se navigare in privato.
L'idea di base quindi è quella di rimuovere la funzionalità di rilevamento dei click.
Vale la pena notare che questa è solo una difesa di base perchè i siti possono continuare comunque a tracciare i movimenti degli utenti su internet tramite altre tecnologie.
Se però si usa Firefox e non si è maniaci della privacy, questo componente aggiuntivo alza notevolmente il livello di protezione.

Dopo aver installato l'estensione, si deve riavviare il browser e navigare su Google o su Facebook per notare la presenza di un doppio link sotto ogni voce.
Le icone versi indicano i link sicuri mentre quelli rossi sono tracciati dal sito.
Entrando nelle opzioni dell'add on si possono modificare alcune impostazioni, abilitando o meno il controllo sui vari siti indicati.
Ci sono opzioni avanzate che, se abilitate, possono provocare errori di caricamento di Google Facebook e gli altri.
Problemi possono esserci anche mettendo la crocetta su Block All links che, può provocare malfunzionamenti soprattutto per i siti Facebook e Youtube.

Ricordo ancora che, per avere privacy totale, in linea generale, la strada più sicura è quella dei programmi per navigare in modo anonimo su internet mentre quella più pratica sono i plugin anti-tracciamento citati sopra.
Può essere interessante notare infine che Internet Explorer è, sorprendentemente, il browser più privato se si abilitano la protezione dal monitoraggio ed il filtro smartscreen.

Continuando il discorso, è interessantissimo il nuovo plugin Ghostery per Firefox e Chrome. Si tratta di un altro add-on che consente di guardare, in tempo reale, chi tiene traccia dei dati di navigazione dell'utente per scopi di targeting comportamentali. Ogni volta che il plugin rileva dati inviati a un tracker viene segnato in rosso se è un inserzionista e in grigio se è un sito Web, i legami tra i due sono colorati di blu.
Navigando su alcuni siti famosi come Corriere o Repubblica oppure anche normali blog, si può notare come i pallini rossi siano tanti. Sono lieto di vedere che Navigaweb.net viene rilevato neutro, senza connessioni traccianti e completamente sicuro per la privacy dei visitatori.

Con l'occasione, colgo l'occasione di dire che Google ha cambiato la sua privacy e dal 1 Marzo comincerà ad usare i dati della cronologia utente per i suoi scopi commerciali.
Se non si fosse felici di questo, si può accedere al proprio account Google, andare dove è scritto "Cronologia Web", sotto Servizi, e cancellarla e disabilitarla.

Posta un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail. Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento). Selezionare su "Inviami notifiche" per ricevere via email le risposte Info sulla Privacy