Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Cose da sapere sulla Garanzia di smartphone Android e altri tipi

Pubblicato il: 28 ottobre 2016 Aggiornato il:
Quali tipi di Garanzia per gli smartphone e come usufruirne per riparare il cellulare in caso di problemi e difetti
garanzia cellulari Una questione molto delicata e molto importante quando si compra un nuovo smartphone è quella della garanzia.
Sono in molti ad essere preoccupati riguardo la garanzia di un cellulare, soprattutto se questo è molto costoso ed ancor di più di questi tempi visto che i dispositivi elettronici si rompono con molta facilità.
Purtroppo usufruire della garanzia è piuttosto difficile, in alcuni casi si può scoprire che il danno non è coperto, in altri che bisogna spedirlo chissà dove per ripararlo ed essere costretti a rimanere senza telefono per giorni, in altri ancora non si sa bene a chi rivolgersi e si viene rimbalzati senza pietà tra produttore e venditore.
Una cosa certa è che non bisogna mai buttare lo scontrino o la ricevuta di acquisto e che conviene sempre conservare la scatola e tutti gli accessori inclusi, per poter così darlo indietro se possibile.

Quando si compra un nuovo smartphone Android, o anche iPhone o altri tipi, bisogna controllare che tipo di garanzia c'è.
Su smartphone e tutti i dispositivi elettronici ci può essere una di questi 4 tipi di garanzia:
- La Garanzia Legale, che è obbligatoria per qualsiasi dispositivo elettronico per legge, di 24 mesi.
Questa garanzia copre i difetti di conformità del telefono e ne risponde direttamente il venditore che può quindi sostituire o riparare, se può, il prodotto.
Questo tipo di garanzia funziona, di solito, per difetti immediatamente riscontrabili e non per problemi che avvengono successivamente.
Resta il fatto che un venditore, nel caso di problemi software e di configurazione, dovrebbe sempre aiutare chi ha comprato il telefono.

- La Garanzia Commerciale dura 12 mesi e riguarda i problemi venuti alla luce dopo l'utilizzo normale dello smartphone, segnalati entro due mesi al venditore dal momento in cui si verificano.

- La Garanzia Italiana dura 24 mesi, ma copre solo prodotti esclusivamente destinati al mercato italiano, ossia quando la scatola, il manuale ed il certificato di garanzia è italiano.
Per avvalersi della garanzia italiana ci si deve rivolgere direttamente al centro di assistenza del produttore del telefonino.

- La Garanzia Europea è quella invece dei prodotti importati e, spesso, quando si compra online da siti di shopping internazionali.
Dura anche questa 2 anni, a meno di diversi accordi di solito segnalati sul sito in cui si compra.
Per usare la garanzia europea ci si deve recare al centro di assistenza del produttore e sperare che essa sia accettata.
Altrimenti diventa necessario spedire lo smartphone nel paese in cui questo può essere riparato, dopo aver contattato, tramite il sito ufficiale, il produttore.
Se si compra dalla Cina, è ovvio che i tempi possono essere molto lunghi.

Per riparare un cellulare gratuitamente in garanzia è necessario che il problema o difetto improvviso sia incluso tra quelli coperti dal certificato.
Questo certificato si trova sempre nella scatola del prodotto ed andrebbe conservato.
Di sicuro nessuna garanzia copre danni causati da utilizzo improprio come quelli provocati da urti, cadute, acqua ecc.
Nel caso sia necessario spedire un prodotto indietro, vale la pena fargli una foto che possa testimoniare lo stato attuale del telefono, che deve essere integro e in buono stato (perchè in caso di urti la garanzia svanisce).
Un buon esempio di cosa copre un certificato di garanzia standard è sul sito Huawei
Come detto sopra, serve sempre lo scontrino, da spedire insieme al prodotto.
I tempi di riparazione non sono mai inferiori a una settimana ed in certi casi può passare anche un mese prima di rivedere il proprio smartphone riparato.
Di sicuro, per legge, nessun produttore o venditore può negare la riparazione in garanzia, per i danni coperti dal certificato.

Sul sito del ministero è disponibile, per chi vuole davvero sapere tutto, il Codice del Consumo.
Nel caso di problemi con un venditore che non volesse riconoscere la garanzia, si può sempre inviare segnalazione al sito dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
Tenere conto poi che per gli acquisti con Partita IVA non vale il Codice del Consumo e la garanzia dura sempre solo un anno.
Sui cellulari usati e ricondizionati, la garanzia può durare massimo un anno.

Una menzione speciale la merita, in questo discorso, il negozio online Amazon, che per ogni prodotto venduto direttamente da Amazon (e non da negozi esterni dentro Amazon che invece possono avere diverse politiche) prevedere una sua garanzia davvero comodissima.
Come, credo, nessun altro venditore al mondo, la garanzia Amazon rimborsa l'intera cifra spesa entro due anni.
In pratica, e ne ho usufruito io stesso, se è stato comprato uno smartphone Android o di altro tipo su Amazon, anche quelli cinesi o di qualsiasi marca, se questo si rompe per motivi misteriosi, lo si può restituire e riottenere tutti i soldi indietro.

Per quanto riguarda le garanzie dei produttori di telefoni, vediamo qui i siti italiani in cui trovare i centri di assistenza e numeri di telefono per i principali produttori:
- Centro assistenza Samsung
- LG richiesta riparazione
- Assistenza HTC
- Assistenza Sony
- Motorola Supporto
- Ricerca centro assistenza Huawei
- iPhone Assistenza
- Centri assistenza Lumia (Microsoft)

Per finire, un'ultima parola sulle possibilità di garanzia estesa che possono essere proposte, a pagamento, dal venditore.
Se posso dare un consiglio, meglio rifiutarla sempre.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • rico
    30/10/16

    Sono sicuro che Amazon rimborsa tutto. Ma finchè non accetta PayPal, non compro nulla da loro.
    @paola castini, i prestiti avventurosi sono ciò che ci ha fatto sprofondare nella crisi fin dal 2008. Quindi NO,GRAZIE.