Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

E' ora consigliato cancellarsi da Yahoo Mail

Pubblicato il: 5 ottobre 2016 Aggiornato il:
Visto che Yahoo Mail è sotto controllo dal governo USA, meglio ora chiudere l'account a cambiare servizio di posta
cancellarsi da yahoo Quando stavamo ancora controllando se il nostro account Yahoo è stato hackerato ed è stato incluso nelle liste diffuse pubblicamente con i dati personali di oltre 500 milioni di account dati in pasto a chiunque, ecco un'altra pessima notizia su questa azienda ormai completamente alla deriva.
Yahoo avrebbe infatti, secondo un rapporto da Reuters (che non è stato smentito dall'azienda), fornito i dati personali di tutti i suoi clienti all'unità di Intelligence degli Stati Uniti creando addirittura un software personalizzato programmato per fare la scansione di tutti i messaggi di posta elettronica ricevuti dagli utenti in modo da intercettare facilmente informazioni sai funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti.
Lo strumento è stato sviluppato nel 2015, su richiesta del governo USA, rispettando un ordine segreto per controllare centinaia di milioni di account Yahoo mail.
Secondo alcuni esperti, questa sarebbe la prima volta per una società americana che lavora su internet di accettare la domanda di spionaggio da parte del governo.

Lo strumento di ricerca e-mail era così segreto che nemmeno il team di sicurezza di Yahoo ne era a conoscenza.
Solo l'amministratore delegato Marissa Mayer e pochi altri hanno deciso di conformarsi alla direttiva piuttosto che respingerla.
Ed ora è chiaro il motivo delle dimissioni del capo sicurezza Yahoo, Alex Stamos, dopo aver scoperto che Mayer aveva autorizzato il programma di sorveglianza.
La risposta di Yahoo a queste accuse è stata lapidaria e sono una chiara conferma: "Yahoo è una società rispettosa della legge, ed è conforme alle leggi degli Stati Uniti.".
Altre aziende tra cui Apple e Google, interpellate sull'argomento, hanno invece negato di aver ricevuto simili richieste dal governo americano.

Questo tipo di notizia è, obiettivamente, sconvolgente.
Un conto è sapere che in caso di sospetti, le autorità possono richiedere l'accesso alle email inviate da me per controllare (che non è bello lo stesso ma si può sorvolare se non si ha una vita criminale), un altro conto invece è che tutte le email vengono controllate a prescindere, la cosa è più che fastidiosa, inammissibile.
Per questo motivo, anche per una questione di principio e come consigliato dall'autorevole Edward Snowden (ex tecnico informatico NSA), è il momento di cancellarsi da Yahoo e da tutti i suoi servizi, tra cui Flickr (e Tumblr se questo l'account era stato creato da Yahoo Mail).
Cancellare l'indirizzo di posta elettronica da Yahoo Mail ed eliminare per sempre l'account è piuttosto semplice, anche se richiede un periodo di tempo di 3 mesi prima che sia definitivo.
Per cancellare l'account Yahoo e chiuderlo per sempre basta solo andare in questa pagina, inserire la password e confermare.
Il problema, per chi usa Yahoo Mail, può essere quello di recuperare tutti i messaggi e trasferirli altrove.
Per fortuna questa operazione è piuttosto facile ed abbiamo due possibilità:
- Importare Yahoo Mail in Outlook.com
- trasferire l'account Yahoo in Gmail
il mio consiglio, comunque, è di non chiudere subito l'account Yahoo, ma di lasciarlo attivo per qualche tempo, usando l'inoltro automatico dei messaggi ricevuti su Gmail o Outlook, almeno fino a che si è sicuri che non si perderà alcun messaggio importante

Un altro problema che può derivare dalla chiusura di un account Email è quello relativo all'accesso in altri siti come Facebook, Twitter ed altri, se viene fatto attualmente con un account Yahoo Mail.
In questo caso sarà necessario modificare manualmente, uno ad uno, l'indirizzo email principale nelle impostazioni dell'account di ciascun sito a cui si è registrati.
Questa operazione non si può fare in modo automatico.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
9 Commenti
  • Vincenzo
    5/10/16

    Leggendo questo articolo mi viene da sorridere (e anche tanto)... E tu pensi che Google, Apple, Microsoft, non hanno fatto lo stesso???? Se è la legge americana che glielo impone perchè non dovrebbero accettare una richiesta del genere??? Il fatto è questo... Yahoo ha ammesso questa pratica e ora viene data in pasto ai media... Adesso faranno cadere il colosso dei motori di ricerca a vantaggio degli altri che in silenzio forniscono i nostri dati alle autorità americane, e noi tutti felici e contenti. Tutto qui e fine della bella storiella... Magari l'anno prossimo qualcun altro (quando il fallimento sarà vicino come per Yahoo) avrà il coraggio di fare simili ammissioni e noi tutti di nuovo a stupirci...!!! Sono anni che gli americani sanno tutto di noi... Non ci stupiamo per questo, perchè siamo proprio noi a fornire i nostri dati...!!! ;)

  • Claudio Pomes
    5/10/16

    Non sono d'accordo, gli altri fino a prova contraria non hanno fatto lo stesso e quello che fa Yahoo è molto grave, addirttura un software che scansione tutte le email; per me è assurdo

  • Vincenzo
    5/10/16

    Certo Claudio... Il problema è che sicuramente lo fanno anche i concorrenti... Solo che non lo dicono... Se è una legge che impone ai provider di fornire i dati degli utenti, di che stiamo parlando??? Lo fanno tutti, solo che lo negano per non perdere clienti... ;)

  • Claudio Pomes
    5/10/16

    Yahoo è stata scoperta prima dell'ammissione; che lo fanno gli altri può essere pure, ma per ora è solo un'idea tua. nessuna legge impone ai provider di fornire dati degli utenti

  • Vincenzo
    5/10/16

    Questo articolo porta la date del 20 Marzo 2008... E già si sapeva di Google... Idea mia??? Non credo proprio... ;)
    http://punto-informatico.it/2228919/PI/News/google-consegna-dati-degli-utenti-al-governo-usa.aspx

  • Claudio Pomes
    5/10/16

    Google e Microsoft hanno oggi negato di aver ricevuto una simile richiesta e che nel caso avrebbero detto no; questo è quanto sappiamo

  • Enrico
    5/10/16

    Questo è in gran segreto il mio blog preferito che seguo da anni senza commentare. Complimenti per il lavoro svolto. Detto ciò, uscendo un po' dall'argomento, secondo me la prima spia in assoluto è proprio Windows 10; ecco perchè sono passato a malincuore ad Ubuntu che (forse) mi spia meno. Poi c'è il cloud: siamo proprio sicuri al 100% che i dati siano criptati? Che senso ha caricare giga di file, se magari l'indomani il sito chiude? Adesso c'è la storia di Yahoo che non riuscendo a contrastare Google (Android) chiuderà i battenti.

  • Twilight
    5/10/16

    Aveva ragione Pasolini quando diceva che saremmo arrivati ad un punto in cui non ci sarebbe stato più rispetto per nessuno, un altro esempio in tal senso sono quelli che ti chiamano in casa ad ogni ora del giorno per propinarti contratti o merci varie

  • rico
    6/10/16

    @twilight: quando le compagnie mi chiamano in casa, esordisco con un "Mi dica", poi appoggio delicatamente la cornetta sul tappetino e li lascio parlare, dopo cinque minuti chiudo. Ormai non mi chiamano più, hanno capito che sono IO a far perdere tempo a loro, non viceversa :)