Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Impostazioni TV-HD per vederla meglio (colore, contrasto e luminosità)

Pubblicato il: 2 settembre 2016 Aggiornato il:
Guida e modelli per calibrare la TV e modificare le impostazioni di colore, contrasto e luminosità in modo ottimale
regolare impostazioni tv Quando si va al centro commerciale e si capita nel reparto dei televisori, si può rimanere sorpresi della qualità visiva degli schermi, davvero luminosi e con colori perfetti, che sembrano nettamente migliori rispetto quello che abbiamo a casa.
La verità, invece, è che sulla maggior parte dei televisori, esistono impostazioni predefinite studiate apposta per un unico scopo: quello di vendere il televisore.
In sostanza ogni TV in vendita viene calibrata per distinguersi da quello accanto, con una diversa configurazione dei parametri di immagine.
Le TV in mostra nei saloni di esposizione dei negozi sono, di solito, con un'immagine molto luminosa e con colori molto intensi, ma queste impostazioni (spesso attivabili tramite la modalità Demo, Vivace o Negozio), che hanno un'ottima resa in ambienti luminosi, non possono andare bene a casa dove le impostazioni vanno cambiate con la modalità Cinema o Film, che è spesso quella più ottimizzata nei colori reali e nelle impostazioni gamma.
In questa guida vediamo quindi come calibrare la TV in modo che colori, contrasto e luminosità siano ottimali per la resa di ogni immagine.

LEGGI ANCHE: Quando e come la TV può essere monitor del PC?

Se non ci si vuole accontentare della modalità Cinema standard, nel menu di ogni TV è presente un pannello di configurazione dell'immagine con diversi parametri da modificare per fare in modo che TV e film si vedano bene con i colori giusti e reali.
Ci sono diversi modi per calibrare un televisore, i più efficaci sono quelli che prevedono l'utilizzo di un disco di calibrazione da inserire nel lettore Blu-Ray (come questo AVSHD.
Non potendo provare questa modalità (non ho un lettore BLuRay), vediamo molto più semplicemente quali sono le le regolazioni di base migliori per una TV HD, che dovrebbero essere identiche in ogni modello di televisore Sony, LG, Philips, Panasonic o altre marche.

Per aiutarci a configurare la miglior calibrazione possibile dei colori e delle immagini in movimento, è possibile scaricare un'app come THX TuneUP per Android e iPhone e poi collegare il cellulare alla TV e proiettare le immagini e l'app sullo schermo grande.
L'app è gratis anche se non compatibile con ogni telefono Android e non funziona con il Chromecast (bisogna usare un cavo HDMI).
L'applicazione è molto buona soprattutto quando si deve regolare il colore, perchè utilizza la fotocamera del telefono o del tablet per trasformare il dispositivo in un filtro rosso.
Si potrà poi configurare il colore sulla TV fino a che la scatola rossa scompare.

Procedendo invece in modo manuale, per evitare che le immagini siano troppo luminose e troppo intense di colore (troppa saturazione), si deve aprire il menu di Impostazione dell'immagine sulla TV per scegliere uno dei preset proposti che non sia quella del negozio e nemmeno quella che si chiama Vivace, Dinamica o Intensa.
Come accennato sopra, in quasi ogni TV la modalità migliore da usare è quella Cinema, che dovrebbe andare bene per tutto.
Se si volesse migliorare ancora, si può utilizzare, se presente, la modalità THX o ISF Esperto.
Si tratta modalità pre-calibrate istituite dagli organismi di normalizzazione che sono assolutamente ottimizzate, anche se con un limite, quello di non sapere nulla sull'ambiente in cui si trova la TV.
Non si possono, infatti, dare precise indicazioni sui valori da usare per ogni parametro delle impostazioni immagine visto che tutto dipende dalla luce e dai colori nella stanza in cui ci si trova.
In generale, si può modificare la modalità Esperto o quella Cinema calibrando adeguatamente le seguente impostazioni:

1) Luminosità: Su un televisore, la luminosità controlla la profondità del nero sullo schermo
Se si può collegare il PC alla TV o se la TV ha una presa USB in cui inserire una chiavetta o una hard disk esterno, si può visualizzare questa immagine di calibrazione e regolare il controllo della luminosità in modo che si veda solo a malapena l'ombra dietro il logo THX.
Un altro pattern di calibrazione è questo che prevede di regolare la luminosità fino a che non si vedono le righe a destra dalla 17.

2) Contrasto: questa impostazione regola la differenza tra il punto più luminoso e quello più scuro dell'immagine.
In genere, sugli schermi LCD LED è da tenere sempre abbastanza basso.
Si può provare la calibrazione usando questa immagine, cambiando contrasto fino a che non si vedono bene e chiaramente gli otto rettangoli grigi, la vostra contrasto va bene.
Un altro pattern per calibrare il contrasto è questo, dove bisogna aumentare il contrasto solo fino a quando sono visibili le righe 230-234.
Un altro modo di regolare il contrasto, molto semplice, è di vedere un film con bande nere sopra e sotto.
Queste barre orizzontali devono essere nere e più scure anche del nero che si vede quando scorrono i titoli di coda.
Aumentare quindi la luminosità fino a quando le bande nere appaiono grigie e poi ridurla fino a che non sono nere.
Tenere conto che cambiando contrasto si modifica anche luminosità quindi sarà necessario tornare poi a controllare se la luminosità va bene.

3) Colore: Questa impostazione regola la saturazione del colore, ossia quanto è intenso, se questo è troppo alto, i colori rovinano i contorni delle immagini mentre troppo basso si ha una TV in bianco e nero.
Il modo migliore per calibrare questo parametro è di provare filtri speciali tramite un'app come quella THX vista sopra.
Altrimenti si può creare un ambiente moderatamente luminoso ed andare a occhio, aumentando il colore fino a che non si vedono i contorni non più definiti.
Su alcune TV come quelle LG si può calibrare il colore tramite la funzione Picture Wizard, molto comoda.
Altrimenti è possibile clibrare la luminosità usando questo modello e guardandolo con un occhiale a filtro blu.

4) Tinta o Hue è l'impostazione che controlla la tinta dell'immagine tra gli estremi rosso e verde.
Di solito rimane fisso su 0, a meno che non si notino dei colori tendenti al rosso o al verde.

5) Nitidezza ha sempre a che fare con il contrasto e con i bordi delle figure nelle immagini.
le immagini ad alta definizione, di solito, hanno bisogno di poca o nessuna valorizzazione della nitidezza.
Se si vuole un modello di regolazione si può usare questo.

6) Retroilluminazione è invece la regolazione della luce dello schermo, che per il risparmio energetico conviene tenere non al massimo, anche se si sacrifica un po' la brillantezza delle immagini.

Fare attenzione, comunque, che regolando una di queste impostazioni modifica anche le altre, quindi bisogna sempre ri-verificare i vari valori ed andare avanti fino a che non si è soddisfatti.
Su alcune TV ci sono anche altre opzioni migliorative come il contrasto dinamico e l'effetto soap opera o "Trumotion" che conviene assolutamente disattivare.
Idealmente bisognerebbe anche modificare l'impostazione della luminosità di giorno e di notte.
La qualità dell'immagine varia a seconda del momento della giornata (se la TV è in una stanza con la finestra) quindi si dovrebbe preferire un'immagine più luminosa durante il giorno ed una più scura di notte.
Se possibile si può utilizzare un preset di giorno ed una di notte, oppure, senza modificare il parametro della luminosità, utilizzare l'opzione di risparmio energetico.

Volendo si può anche provare a regolare lo schermo della TV collegandolo ad un computer ed utilizzando gli strumenti di regolazione del monitor.

LEGGI ANCHE: Controlla la TV con il cellulare Android con le app telecomando

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • realista
    3/9/16

    ottimo articolo ben fatto!!
    una ulteriore prova per calibrare lo schermo, è attaccarlo al pc o notebook ...in teoria se ben ricordo ogni driver video sia ati che nvidia ha i suoi parametri per calibrare lo schermo.... e si potrebbe calibrare la cosa NON da software ma dal televisore, ergo si avrebbe una specie di tool all in one per ottimizzarsi la tv.