Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come proteggere Android dai malware

Pubblicato il: 20 giugno 2016 Aggiornato il:
Perchè non serve un antivirus su Android? come evitare i malware e come controllare se ci sono virus in memoria sul cellulare?
malware su android In moltissimi modelli di smartphone Android, un po' come avviene anche nei PC portatili, viene oggi preinstallata un'app antivirus (spesso si tratta di CM security o di AVG), che è soltanto uno sponsor della società che lo produce.
Chi usa lo smartphone protetto da un antivirus potrebbe anche trovarlo efficace ricevendo avvisi di pericoli scampati o di minacce rilevate o rimosse.
Anche se qualcuno potrebbe dire il contrario, si tratta quasi sempre di fandonie e falsi avvisi, che magari vanno a bloccare script che comunque non andrebbero a intaccare il sistema.
In linea generale, su uno smartphone non è assolutamente necessario installare un antivirus e si può proteggere Android dai malware in modo semplice, col buon senso ed affidandosi alle risorse già presenti.
Nello stesso tempo però importante sapere che i malware per Android esistono eccome e sono anche piuttosto diffusi.
I malware per cellulari sono simili a quelli dei computer, si nascondono sotto false app (magari un gestore di foto o un'app che dice di migliorare le prestazioni), rimangono in background tutto il tempo e inviano dati a server esterni senza dirci nulla.
Le conseguenze possono essere rallentamenti del telefono, esaurimento più veloce della carica di batteria e, soprattutto, i nostri dati personali vengono diffusi su internet e, nei casi peggiori, possono essere importanti dati finanziari, password o foto private.
Tenere a mente questi 10 punti e Android sarà protetto da ogni malware.

1) Android ha il suo antivirus già integrato
Non bisogna però vivere nell'ansia di un malware che funzioni da backdoor per spiare la nostra vita privata e stare a scansionare la memoria con un antivirus tutti i giorni.
Android, infatti, ha già in se una funzione per la verifica di app pericolose, attiva di default, che si può controllare dalle Impostazioni Android nascoste nell'app Google alla sezione sicurezza.
La Verifica App fa in modo che l'installazione di applicazioni pericolose o dannose sia impedita.
Le opzioni di Verifica app sono due, una per attivare l'analisi di minacce, l'altra per rilevare app dannose.

2) Protezione delle app sconosciute
Oltre a questo, Android ha anche una protezione che impedisce il download di app da fonti esterne, ossia da siti web o da store che non sono il Google Play Store.
Questa protezione è utile per evitare che, a seguito di un tocco di troppo su un sito qualsiasi aperto dal browser, si possa installare automaticamente un malware.
Il Google Play Store invece è controllato e le app pubblicate dovrebbero essere tutte sicure.
Il condizionale è d'obbligo in questi casi, quindi anche dal Google Play Store, prima di installare un'app sconosciuta o poco popolare, meglio leggere qualche recensione e commento.
Per installare applicazioni da file APK o da store esterni bisogna attivare l'opzione delle sorgenti sconosciute in Impostazioni > Sicurezza.
Chi non è smanettone o sperimentatore di app speciali, può lasciare questa opzione disattiva e lasciarsi proteggere da installazioni esterne.

3) Il Browser protetto
Se il cellulare Android viene protetto dall'installazione di app dannose, gli unici pericoli di malware possono provenire, come del resto avviene anche sui computer, dai siti internet.
Quello che è importante è di utilizzare un browser web sempre aggiornato e affidabile come Chrome, Firefox o Opera.
Diffidare invece da browser minori come Dolphin, UCBrowser o altri legati ad aziende cinesi che non hanno buona fama e monitorano la navigazione su internet.
Inoltre l'apertura di siti internet da altre app è protetta su Android da un'app Google chiamata Webview, che si aggiorna automaticamente e spesso con le patch di sicurezza.
La cosa molto importante è sempre aggiornare le app Android quotidianamente e automaticamente.

4) Siti con virus
Navigando, per esempio, con Chrome su siti pericolosi, potrebbero aprirsi molti popup o schede che, a volte, bloccano la navigazione e chiedono l'installazione di applicazioni o altre cose.
Potrebbero anche comparire avvisi fasulli che ci dicono che il nostro smartphone è stato infettato e bisogna installare l'antivirus.
Quando succede questo, non bisogna aver paura di nulla e semplicemente chiudere queste schede o popup velocemente, senza installare mai assolutamente nulla.
Nel caso partisse un download automatico di qualcosa da siti dannosi, si noterà la freccetta che indica lo scaricamento di file nella barra di notifica.
Non toccarla assolutamente, andare in Tutte le app per cercare Download, scorrere la lista dei file scaricati e cancellare quello che forse è un malware.
Per stare tranquilli conviene fare la scansione con un antimalware come vedremo al punto 7.

5) Link pericolosi ricevuti in chat o app di messaggi.
L'altro modo per un malware di infettare uno smartphone è quello dei messaggi in chat su Whatsapp, Facebook o altre app simili, che possono provenire da un amico col PC o col cellulare già infetto.
Come già raccomandato tante volte, mai aprire link sconosciuti ricevuti via email o via chat e, nel caso si fosse molto curiosi, prima controllare se un sito è pericoloso con i metodi già visti.
Anche in questo caso si potrebbe finire col far partire il download di qualcosa da cancellare come visto al punto 4 e da controllare con antimalware come vediamo al punto 7.

6) Non scaricare musica o altri file da siti a caso trovati dopo una ricerca
Il download di musica, video, suonerie o sfondi può essere molto pericoloso perchè si tratta di cose molto cercate dietro cui si può nascondere un malware.
Per stare tranquilli bisogna evitare di scaricare qualsiasi cosa usando il browser internet e sempre usare le app controllate da Google Play.
Ad esempio, abbiamo visto qui in un altro articolo le app regolari per scaricare musica MP3 su Android e iPhone senza rischi.

7) Scansione Antimalware
La scansione anti-malware su un cellulare Android è diverso dall'antivirus che invece rimane in esecuzione tutto il tempo.
Il controllo della scansione opera solo in quel momento in cui viene eseguito, non rimane sempre attivo, non rallenta le prestazioni, non scarica la batteria e permette di rimuovere eventuali veri virus dalla memoria del telefono.
Ci sono molte applicazioni anti-malware sul Play Store, ma solo poche sono buone.
Il mio consiglio è di utilizzare l'affidabile e popolare app Malwarebytes anti-malware per Android che è gratis, veloce, semplice da usare.
Ogni volta che si naviga su un sito strano o si vede il telefono scaricare qualche file non richiesto oppure se è stata installata un'app da siti esterni da Google Play, vale la pena fare una scansione.
Per stare tranquilli ed avere sempre lo scanner pronto, vale la pena installare Malwarebytes subito.

8) Perchè l'antivirus su Android è inutile?
In un altro articolo avevo già elencato le migliori app antivirus per Android come 360 Security, Kaspersky Internet Security, Avast antivirus, CM Security ecc che hanno la funzione di antimalware ed anche quella di funzionare come antivirus tutto il tempo in esecuzione.
Un'app antivirus per Android però, contrariamente a quanto avviene in un PC Windows, non fornisce alcuna protezione in tempo reale (che come visto al punto 1 è già integrata), perchè non ha accesso al sistema cosi a basso livello.
In teoria, se l'app avesse il permesso di controllare il sistema in fondo, potrebbe davvero essere efficace.
In pratica però, per una questione di permessi che su Android sono bloccati proprio per prevenire problemi di malware, l'antivirus ha zero efficacia e spreca memoria e batteria facendo finta di proteggere il cellulare.
Di fatto, potremmo dire che gli antivirus su Android sono app fuffa se non truffa.

9) Utilizzare la modalità provvisoria per disinstallare applicazioni
Nel caso più grave in cui si finisce col dispositivo infettato, per il quale sembra impossibile anche fare un controllo con Malwarebytes, bisogna ricordarsi che Android può essere avviato in modalità provvisoria.
La modalità provvisoria non carica app esterne all'avvio e garantisce l'uso di un sistema integro e pulito da malware.
Da qui si potranno poi disinstallare le applicazioni che si pensa siano responsabili del malware o resettare la memoria in caso di necessità.

10) Mantenere il software di sistema aggiornato
Chi ha uno smartphone Nexus vedrà, ogni mese, la comparsa di un aggiornamento di sicurezza del sistema, che bisogna sempre installare.
Chi usa cellulari di altre marche anche deve controllare che ci siano aggiornamenti di sistema, spesso rilasciati per motivi di sicurezza.
Con ogni aggiornamento, eventuali bug che esistono sono corretti e questo lascia molto meno margine a qualsiasi malware di entrare nel sistema.
In quasi ogni smartphone si può controllare se ci sono aggiornamenti andando in Impostazioni > Info sul telefono.
In questa schermata si può anche leggere il livello patch di sicurezza Android se disponibile.

LEGGI ANCHE: Misure di sicurezza essenziali per Android da attivare

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)