Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Aggirare ogni Paywall sui siti web

Pubblicato il: 3 marzo 2016 Aggiornato il:
Se si incontra un sito con Paywall (come Corriere.it) che richiede abbonamento, si può aggirare il blocco con un semplice trucco
come superare ogni paywall Anche se per alcuni può sembrare strano, la maggior parte dei siti internet non è che stia navigando nell'oro.
Gli introiti, per tutti i siti di notizie ed i blog, vengono solo dalla pubblicità online che però può essere facilmente ignorata o bloccata dagli utenti.
Avevo parlato di questo problema in un precedente articolo, segnalando come bloccare la pubblicità online può causare la morte dei siti internet o, almeno, quelli più piccoli.
Per affrontare il problema, alcuni dei siti di news più grossi del mondo come il Wall Street Journal, il Financial Times, il New York Times o anche il nostro Corriere della Sera hanno implementato un sistema di Paywall.
Anche se possono esserci differenze tra un paywall ed un altro, tutti hanno in comune il fatto di bloccare l'accesso gratuito agli articoli ed altri contenuti, subito o dopo che l'utente ne ha visualizzati alcuni.
Con il paywall si dovrà quindi scegliere se pagare l'abbonamento mensile oppure semplicemente chiudere quel sito e leggerne un altro che, per me, è ancora la cosa migliore visto che tanto non mancano le alternative.

Per come la vedo io, il paywall non è una soluzione valida al problema su come monetizzare i siti web di notizie, perchè comunque si perdono molti visitatori che abbandoneranno il sito invece di pagare.
Inoltre basta una ricerca su Google per trovare alcuni trucchi più o meno efficaci per superare questi paywall e aggirare ogni tipo di blocco a pagamento.

Per quanto riguarda il nostro Corriere della Sera sul sito Corriere.it, non c'è davvero da alcuna difficoltà per aggirare il Paywall.
Sicuramente volutamente, il Corriere ha adottato un Paywall davvero timido e debole, che permette di essere aggirato con una facilità incredibile, semplicemente aprendo una finestra in incognito del browser.
Per esempio in Chrome, dopo aver esaurito i 20 articoli al mese gratuitamente visibili sul Corriere, premere insieme i tasti CTRL-Maiusc-N per aprire una scheda in incognito, aprire il sito Corriere.it e ricominciare come se nulla fosse.
Facile pensare che questa possibilità di aggirare il pagamento dell'abbonamento sia stata lasciata apposta per non perdere troppo traffico e lasciare che si abbonino soltanto coloro che hanno soldi da buttare o che sono veramente poco bravi con queste cose.
Può quindi tornare utile un'estensione per Chrome o Firefox che apra automaticamente il sito in modalità incognito o privato.

Per altri siti (soprattutto per i giornali americani) e nel caso di Paywall più intelligenti e protetti che davvero bloccano la connessione a un sito web e la lettura degli articoli se non si paga un abbonamento, c'è invece un trucco davvero efficace.
Il trucco anti-paywall funziona bene usando come browser web Firefox, installando queste due estensioni:
- RefControl
- User-Agent Switcher
Entrambe le estensioni hanno due pulsanti da visualizzare nella barra in alto a destra (se non comparissero, aprire le opzioni di Firefox e personalizzare l'interfaccia).
Altrimenti si può usare il menu Strumenti che compare premendo il tasto Alt in Firefox e configurare le estensioni nella finestra dei componenti aggiuntivi.
Nelle opzioni di RefControl, premere su Aggiungi sito e scrivere l'indirizzo del sito con Paywall, poi come Azione cliccare su Personalizza e scrivere accanto l'indirizzo https://www.google.com/.
Nelle opzioni di User Agent Switcher invece aggiungere l'user agent di GoogleBot ossia:
Mozilla/5.0 (compatible; Googlebot/2.1; +http://www.google.com/bot.html)
A questo punto, attivare l'user agent dal pulsante dell'estensione scegliendo quello di Googlebot ed aprire il sito che veniva bloccato partendo dalla sua homepage per navigarlo senza alcun blocco.

L'aggiramento del Paywall dovrebbe funzionare anche su Chrome con le estensioni User-Agent Switcher e Referer control.

Per Google Chrome si può anche creare un'estensione personalizzata che automatizza lo sblocco di ogni sito con Paywall.
Le istruzioni sono disponibili sul sito Elaineou.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)