Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Creare un disco virtuale VHD in Windows

Pubblicato il: 8 gennaio 2016 Aggiornato il:
Come montare un file VHD o creare un nuovo disco virtuale VHD in Windows da usare come fosse un drive esterno o un altro hard disk del computer
creare disco virtuale in Windows In Windows 7, Microsoft aveva introdotto un nuovo modo di fare il backup del computer tramite il tool di Backup e ripristino.
Fondamentalmente, come già spiegato, si può creare un'immagine di sistema in Windows come disco ripristino e riparazione, facendo il backup di tutti i dati in un altro disco che può essere interno o esterno.
La stessa modalità è stata anche mantenuta nel sistema di backup di Windows 10, dov'è stato introdotto un nuovo strumento chiamato Cronologia File, utile anche a recuperare ogni file perso e cancellato.
Per tutti e due gli strumenti il requisito richiesto per funzionare è la presenza di un altro disco.
Questo perchè così il computer si può ripristinare anche se l'hard disk principale si dovesse rompere.
Nel caso della creazione di un'immagine del sistema, Windows ingloba tutti i dati di backup in un grande file di tipo VHD che viene posizionato nella cartella WindowsImageBackup.
Il file VHD può essere aperto e usato su qualsiasi computer in cui viene trasferito.

Dopo questa premessa, vediamo in questo articolo come:
1) Montare un file VHD (per es. quello del backup) come disco virtuale in modo da avere a disposizione i file del backup e poterli ripristinare manualmente ogni volta che serve.
2) Creare un nuovo disco virtuale di tipo VHD per poter fare i backup di Windows sullo stesso unico disco dove poter tenere sempre una doppia copia dei file importanti a disposizione.
Certamente, in questo modo, si perde il backup nel caso di rottura dell'hard disk, ma si ottiene comunque un disco utilizzabile per recuperare ogni file in ogni momento.

1) Montare il file VHD
Per questa operazione, aprire il Pannello di Controllo di Windows e poi andare in Strumenti di amministrazione per aprire Gestione Computer.
Cliccare su Gestione Disco nel menù a sinistra, poi cliccare sempre su Gestione Disco col tasto destro per far comparire l'opzione "Collega file VHD".
Premere quindi su Sfoglia, selezionare la cartella dove si trova il file VHD che si vuol montare e premere OK.
Se si attiva l'opzione Sola lettura, non sarà possibile aggiungere, modificare ed eliminare file al disco virtuale.
Una volta finito il collegamento, Windows lo mostrerà in esplora risorse come fosse un disco attaccato al computer, con la sua lettera di unità, colorato di blu.
Da Esplora risorse di Windows, si potranno vedere tutti i file all'interno dell'unità VHD che sarà trattata come fosse una penna USB o un drive esterno, per copiare e spostare file sul disco principale.
Per staccare il disco rigido virtuale VHD, andare in Gestione Disco e, nella parte bassa della finestra, cliccare col tasto destro sulla zona grigia dell'unità (dovrebbe essere Disco 2) per far comparire l'opzione che stacca il VHD.

2) Creare un disco virtuale VHD da zero
Da Gestione Computer, premere col tasto destro su Gestione Disco e usare questa volta l'opzione "Crea file VHD".
Si aprirà una finestra in cui è possibile specificare la dimensione del file VHD, il formato e la posizione in cui salvarlo.
Come formato, scegliere il VHDX che è più sicuro, stabile e che può avere una dimensione più grande e dinamica (cioè aumenta da sola mano a mano che si aggiungono file).
Ora, in Gestione disco, si vedrà un altro disco (Disco 2 nel mio caso) con sopra scritto Non inizializzato e non allocato. Nella sezione grigia del nuovo disco virtuale, cliccare col tasto destro e selezionare Inizializza disco e scegliere se utilizzare MBR e GPT (MBR è compatibile con tutte le versioni di Windows quindi va bene).
Premere col tasto destro nell'area bianca che dice non allocato, selezionare Nuovo volume semplice, scegliere la dimensione del nuovo volume.
Come si farebbe con ogni disco reale, anche col disco virtuale è possibile creare più partizioni se si vuole, scegliere una lettera di unità da assegnare alla partizione e formattare il disco in NTFS o FAT32 (meglio NTFS se si utilizza il disco rigido virtuale per i file di backup dal computer).
Aprire ora Esplora risorse di Windows per trovare il nuovo disco virtuale trattato e visto come fosse una penna USB.
Come spiega questa guida Microsoft si può anche avviare il computer dal disco vituale VHD.

Oltre a queste due procedure, in passato avevo anche spiegato come fosse possibile clonare il disco di Windows in un disco virtuale VHD.
Addirittura è possibile installare un'altra versione di Windows su hard disk virtuale su un unico PC.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
4 Commenti
  • kooma
    9/1/16

    Ciao, questo sembrerebbe fatto apposta per me. Ho Windows 10 versione 1511 ma non ne sono del tutto soddisfatto perché lavoro molto con programmi di grafica e con questa versione molti di loro non funzionano più. Allora se avessi un disco virtuale con Windows 8 potrei lavorarci ancora. Il guaio è che non ci capisco molto, anche se tu sei chiaro nelle spiegazioni, ma temo di fare danni.....come posso fare? Grazie moltissime.

  • Claudio Pomes
    9/1/16

    non fare niente, windows 10 è meglio di win8.

  • kooma
    9/1/16

    Se lo dici tu....però tanti programmi non li posso più usare. Comunque grazie per la cortesia.

  • Claudio Pomes
    9/1/16

    tanti programmi quali? usa la modalità di compatibilità http://www.navigaweb.net/2015/09/far-funzionare-tutti-i-programmi-in.html