Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Modi di riparare Windows 10 e creare disco di recupero

Pubblicato il: 28 agosto 2015 Aggiornato il:
Tutti i modi di ripristinare Windows 10 nel caso di errori e nel caso non si avvii più il computer; preparare ora un disco di recupero
riparare windows 10 Dopo un mese dall'uscita di Windows 10 sono già quasi 1000 milioni le persone che hanno aggiornato il loro computer, con una diffusione a macchia d'olio mai vista prima per Microsoft (anche perchè mai prima d'ora aveva rilasciato Windows come aggiornamento gratuito).
Una volta installato Windows 10 però non si deve fare l'errore che sicuramente è stato fatto in passato di rimanere senza un salvagente, senza cioè un disco di recupero e di riparazione nel caso le cose dovessero andare male.
Windows 10 migliora di molto le funzioni di recupero, ereditando da Windows 8 la funzione di resettare il sistema senza per cancellare i dati salvati nell'hard disk.
Per essere però tranquilli ed essere preparati a risolvere ogni tipo di problema è necessario anche preparare un disco di ripristino o riparazione, da usare per reinstallare da zero Windows 10 o per correggere errori che impediscono al computer di avviarsi.

Se il computer ha problemi ma si avvia, se gli errori sono stati causati da qualche programma o driver installato, si può provare la modalità di ripristino di configurazione di sistema.
In Windows 10 questa è disattiva per impostazione predefinita quindi occorre attivare il ripristino di sistema.

Se non funziona e se il computer si accende comunque correttamente, provare la funzione Reimposta PC.
Questa si trova in Impostazioni -> Aggiornamento e ripristino > Reimposta PC .
In pratica si procede nel reinstallare Windows 10 con l'opzione di mantenere tutti i file o di cancellare tutto.
In un altro articolo la guida dettagliata su come fare il reset di Windows 10 e cosa significa.

Un'altra opzione è lo strumento di Refresh di Windows 10 per ripulire il PC dai programmi installati.

Se Windows 10 è stato installato come aggiornamento di Windows 8.1 o Windows 7 e se non sono ancora passati 30 giorni, si può usare l'opzione per tornare a Windows 7 o Windows 8.1 da Windows 10.

Se il PC non si avvia invece le cose si fanno più complicate.
L'opzione per reimpostare il PC può funzionare ancora, ma è necessario, questa volta, utilizzare il disco di installazione che dobbiamo adesso preparare prima che qualcosa vada storto (oppure usando un altro computer)
Bisogna pertanto scaricare Windows 10 per masterizzare i file di installazione su un DVD o metterlo su una penna USB.
Per farlo, andare nella pagina Microsoft di download e scaricare il tool di download e creazione supporto.
Avviare il tool e scegliere di creare un disco di installazione per un altro computer.
Scegliere quindi lingua, versione e architettura del processore e creare la penna USB.
Nel caso si può anche scaricare Windows 10 con link diretto del file ISO da masterizzare poi su un DVD tramite un tool come Rufus.
In questo modo, se il PC non dovesse riavviarsi perchè pieno di errori, si potrà procedere con le opzioni di riparazione del disco di installazione.

Si potrà quindi avviare il computer da disco o da penna USB usando quello dove stanno i file di installazione di Windows 10.
Invece di premere il tasto per installare Windows 10, si deve cliccare il link in basso Ripara PC per trovare la funzione di reset, ossia Reimposta PC.
Dalla finestra si possono anche aprire le impostazioni avanzate per trovare altre modalità di riparazione e risoluzione dei problemi inclusi nel disco di installazione di Windows 10:
1) Ripristino configurazione di sistema che funziona se era attivo.
2) Recupero da immagine
Questa opzione funziona se era stato creato un disco di recupero come vedremo al prossimo paragrafo.
3) Riparazione dell'avvio, da usare se Windows 10 non riesce a avviare il PC.
4) Prompt dei comandi, per riparare Windows 10 manualmente, solo per utenti esperti.
5) Aprire le impostazioni di avvio

Per essere preparati nel caso di errori e problemi di avvio di Windows 10 vale la pena subito adesso creare un disco di recupero, da usare con la seconda opzione delle impostazioni avanzate.
Per trovare questa funzione è necessario scrivere sulla barra di ricerca "Crea unità di ripristino".
Si dovrà usare una penna USB con almeno 4 GB di spazio o 8 GB per i sistemi 64 bit.

Inutile dire che nelle impostazioni di Windows 10, alla sezione aggiornamento e sicurezza, è importantissimo attivare la funzione di backup automatico su un disco secondario.

Per finire, se non si ha una penna USB o un disco dove fare il backup, si può sfruttare il programma gratuito Aomei Onekey Recovery un fare un backup di Windows 10, di file e programmi su una partizione del disco, su uno spazio non allocato di almeno 30 GB.
Questo backup però sarà perso nel caso il disco dove si trova Windows si dovesse rompere.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
3 Commenti
  • Daniele
    3/9/15

    Buongiorno,mesi fa ho installato il programma Aomei Onekey Recover .Volevo chiederle se questo programma crea una immagine di ripristino completa dell'hardisk o se fa solo un backup dei fili di windows ed inoltre come posso tornare indietro per disinstallare il programma e cancellare la partizione creata.Grazie saluti

  • Claudio Pomes
    3/9/15

    sulle partizioni ti rimando a questo articolo http://www.navigaweb.net/2014/09/cosa-significa-partizionare-dischi-e.html . su aomei ti rimando qui http://www.navigaweb.net/2014/11/creare-una-partizione-di-ripristino.html

  • Giuseppe Ranieri
    16/11/15

    Io avevo installato windows 10 a settembre, da qualche giorno mi ha proposto l'aggiornamento "Aggiorna a Windows 10 Home, versione 1511, 10586", mi ha dato un problema e ora sempre che riprovo mi dice che è stato programmato un riavvio e non aggiorna mai alla nuova build (10586) come devo fare?