Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

L'estensione che tiene Chrome leggero e veloce senza ammazzare il PC

Pubblicato il: 18 maggio 2015 Aggiornato il:
The Great Suspender è l'estensione che tiene Chrome leggero e veloce, impedendogli di bloccare o paralizzare il PC anche con tante schede aperte
estensione da installare sempre Abbiamo elogiato spesso Google per il suo browser Chrome, sempre aggiornato e ogni mese con qualche nuova funzione che lo rende sempre più indispensabile per chi lavora e naviga su internet.
Chrome è oggi talmente fornito di applicazioni e plugin che definirlo solo un browser diventa anche riduttivo.
Google Chrome è oggi quasi un sistema operativo vero, capace di sostituire Windows su alcuni PC chiamati Chromebook.
Il rovescio della medaglia di tanta multi-valenza ed estensibilità è la sua pesantezza.
Quando usato in modo completo, con estensioni, applicazioni e aprendo tante schede, 10 o anche di più, contemporaneamente, Chrome è capace di ammazzare anche il PC più nuovo, divorandosi tutta la memoria RAM e costringendo l'utente a interrompere quello che stava facendo, aprire il task manager di Chrome e chiudere in modo forzato le schede che occupano più memoria.
Questa grandezza pachidermica di Chrome è il principale difetto di questo browser web, che costringe il computer a rallentare, sprecare energia e spingere le ventole al massimo.
Per fortuna c'è una grande soluzione al problema grazie a un'estensione, non nuova ma sempre più apprezzata di questi tempi, che tiene Chrome leggero e veloce in ogni momento, senza più correre il rischio di vederlo bloccare il PC, lasciandoci aprire quante schede vogliamo senza problemi.

L'estensione salva-chrome si chiama The Great Suspender, che funziona davvero in modo semplice, sospendendo le schede che non si stanno guardando dopo un certo periodo di tempo.
Se quindi abbiamo aperto 10, 15 0 anche 30 schede di siti diversi e iniziamo a concentrarci su una o due di queste, L'estensione sospende tutte le altre, se non le abbiamo cliccate per 10 minuti.
Sospendere una scheda in Chrome significa rimuoverla dalla memoria, senza però chiuderla.
Di fatto la scheda viene terminata facendo sparire il sito che si stava guardando.
Se però si torna su quella scheda e si clicca in un punto qualsiasi, quella pagina web viene ricaricata immediatamente.
Le schede sospese sono riconoscibili dalla linguetta della scheda, un po' sfumata.

La sospensione delle schede è davvero efficace nel tenere Chrome veloce e leggero perchè impedisce il sovraccarico di memoria.
Inoltre è utile nel caso si voglia tenere aperto Chrome senza sprechi di memoria mentre si gioca o si lavora con altri programmi.

Nelle opzioni di The Great Suspender, accessibili premendo col tasto destro del mouse sul pulsante dell'estensione in alto a destra, si può impostare il periodo di tempo di inattività dopo il quale sospendere la scheda (io ho messo un'ora).
Si può inoltre impedire la sospensione di schede su cui si sta scrivendo o dove si sta compilando un modulo, si può creare una lista di siti da non sospendere mai, si può richiedere di ricaricare il sito automaticamente, solo cliccando la scheda e di attivare la sospensione soltanto quando la batteria del portatile è quasi scarica.
Un'altra opzione è quella dello "Screen Capture" che permette di tenere l'ultima immagine del sito che si stava guardando sulla scheda sospesa (e non uno sfondo grigio semplice).

Se quindi si ha spesso il problema di un browser Chrome che paralizza o ammazza le prestazioni del computer, questa è la soluzione più efficace.

LEGGI ANCHE: Come Velocizzare Google Chrome

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
2 Commenti
  • realista
    18/5/15

    ma questo trucco è per chi ha poca ram.... ma ormai sui pc costa pochissimo metterci 8 o 16gb....

  • Claudio Pomes
    18/5/15

    costa pochissimo non è vero visto che serve architettura e sistema a 64 bit e poi non è solo questione di memoria ma anche di energia sui portatili