Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Cosa fare con gli aggiornamenti facoltativi di Windows?

Pubblicato il: 22 aprile 2015 Aggiornato il:
Conviene installare gli aggiornamenti facoltativi di Windows o possono essere ignorati?
aggiornamenti facoltativi windows Abbiamo detto più volte, come nell'articolo su come risolvere i problemi di installazione degli aggiornamenti di Windows Update, di quanto sia indispensabile, per motivi di sicurezza del computer, che Windows Update funzioni automaticamente e installi gli aggiornamenti importanti rilasciati ogni settimana da Microsoft.
Capita però, a volte, che Microsoft rilasci aggiornamenti classificati non come importanti, ma come facoltativi, che non si installano automaticamente ma richiedono l'intervento manuale.
Un utente normale che usa il PC potrebbe anche mai accorgersi di questi aggiornamenti facoltativi se non apre Windows Update e li seleziona per l'installazione.
Tra gli aggiornamenti facoltativi si trovano, solitamente, patch per risolvere piccoli bug che portano al crash del computer, aggiornamenti di strumenti minori, aggiornamenti dei driver, patch per i programmi Office e aggiustamenti di vario tipo, che non riguardando la sicurezza del computer, non sono considerati importanti e obbligatori.
Questi aggiornamenti sono molto poco frequenti e, di solito, dopo averli installati la prima volta, difficilmente capiterà di vederne, tranne in rari casi.
Il 22 Aprile 2015 è uno di questi rari casi, giorno in cui Microsoft ha rilasciato addirittura 34 patch per Windows 7, Windows 8.1 e Windows server 2012 (il numero può variare a seconda della versione, per esempio sul mio PC sono 21)

La domanda è: questi aggiornamenti facoltativi cosa sono, dobbiamo installarli o no?

In linea generale gli aggiornamenti di Windows andrebbero sempre installati.
Qualcuno potrebbe non essere così tranquillo visto che ci sono stati non pochi casi in cui un aggiornamento ha provocato problemi.
Per fortuna abbiamo visto che è possibile comunque disinstallare gli aggiornamenti di Windows che provocano errori in modo abbastanza semplice, anche perchè il sistema crea sempre un punto di ripristino prima della loro installazione.

Come detto sopra gli aggiornamenti facoltativi di Windows non sono considerati critici, non sono patch di sicurezza e sono opzionali quindi installati automaticamente.
In generale, sono aggiornamenti destinati a risolvere problemi in Windows.
Dal Pannello di controllo, mettere la vista a icone e aprire Windows Update per scoprire quanti aggiornamenti facoltativi sono disponibili.
Per sapere a cosa servono e cosa fanno si può selezionare uno degli aggiornamenti facoltativi, e cliccare sul link Ulteriori informazioni che si trova nella colonna sul lato destro della finestra.
Ad esempio ho notato che uno di essi risolve problemi di connettività Wi-Fi, uno il problema automatico della luminosità, un altro la capacità di stampa e altri molto specifici come quello per supportare la copia di file mkv da un telefono Windows Phone.

Come detto sopra, conviene, ogni tanto, controllare se ci sono nuovi aggiornamenti facoltativi per poi installarli.
Chi pensa però di non voler rischiare problemi sul suo computer di lavoro o su un server, se non ha problemi e non soffre di blocchi improvvisi o malfunzionamenti, possono essere ignorati e lasciati dove sono.

LEGGI ANCHE: Scaricare patch e aggiornare Windows e Office manualmente

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
3 Commenti
  • silvio
    26/4/15

    Se si sceglie in Windupdate di essere avvisati che gli aggiornamenti sono rilasciati ( importanti e facoltativi )
    si opera sempre ( ogni mese in genere, max 2 volte mi pare ) manualmente. C'è una controindicazione a questa procedura rispetto a quella indicata dell'impostare aggiornamenti Automatici ?

  • Claudio Pomes
    26/4/15

    Va bene, la notifica torna utile certamente

  • Claudio Pomes
    26/4/15

    Va bene, la notifica torna utile certamente