Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come Facebook ci ha rovinato la vita

Pubblicato il: 2 febbraio 2015 Aggiornato il:
Forse Facebook non è poi uno strumento così bello; ecco 10 modi con cui Facebook ci sta rovinando la vita
Facebook lati negativi Facebook ha migliorato la nostra vita o l'ha peggiorata?
Questa non è una domanda dalla risposta così scontata se ci si pensa bene, perchè se da un lato ha favorito le comunicazioni con i nostri amici anche lontani, dall'altro ci sta anche rovinando la vita, tenendoci con la testa china sullo smartphone in ogni momento a guardare cosa fanno gli altri, pensando a cosa pubblicare per farci notare.
Sul sito americano Mashable è stato pubblicato un bell'elenco semi serio su come Facebook ci rovinato la nostra vita invece di migliorarla, in 10 modi su cui vale la pena riflettere.

LEGGI ANCHE: Ripulire Facebook nascondendo notizie da siti, gruppi, app, pagine e amici noiosi

1) Nessuno ci fa più gli auguri di compleanno di persona
Fino a qualche tempo fa, prima di Facebook, il compleanno di un amico era sempre un occasione per fargli una telefonata (o almeno inviargli un SMS) anche per sapere come sta.
Oggi, con Facebook, gli auguri per il compleanno sono un messaggio automatico sul profilo dell'amico, spesso impersonali, sicuramente molto veloci.
Alla fine chi compie gli anni sarà soddisfatto non tanto per la qualità degli auguri ma per la quantità di amici che hanno cliccato il pulsante.
Lo stesso vale per altri eventi festosi come il Natale, fidanzamenti, promozioni a lavoro e qualsiasi altra occasione di festa.
E' vero che grazie a Facebook si ha l'occasione di fare gli auguri anche a persone che non vediamo mai o che nemmeno conosciamo.

2) Facebook ci fa litigare e fa uscire il peggio di noi
Quando si parla di argomenti scottanti come la politica, la religione o altri temi sociali, un conto è parlarne di persona in discussioni anche accese, ma mai polemiche, altro invece è parlarne con messaggi su Facebook, dove è facile offendere gli altri e dove si scoprono orientamenti e pensieri che mai ci saremmo aspettati dai nostri amici.
Un altro motivo di contrasto può venire dal mancato, ma aspettato commento o "mi piace" da parte di un amico che ci fa sentire "snobbati".

3) Invidia per lo stile di vita degli altri
Il vero motto di Facebook dovrebbe essere "l'erba del vicino è sempre più verde".
Tutti i nostri amici fanno viaggi meravigliosi, lavorano poco, hanno case stupende, vanno sempre a cena fuori, stanno sempre in giro a divertirsi e sono sempre ben conciati.
Non c'è nulla da fare, anche se quello che si vede su Facebook non è la realtà, quel brutto sentimento umano che è l'invidia diventa tanto naturale e quasi spontaneo.

4) I nostri film preferiti, i libri e gli show televisivi sono rovinati
Si va al cinema a vedere un film, ne usciamo contenti perchè ci è piaciuto, poi apriamo Facebook per vedere cosa dicono gli altri e scopriamo critiche che non ci sarebbero mai venute in mente, a volte cosi ben argomentate da farci anche cambiare idea.
Per non parlare di quando si aspetta di vedere la prossima puntata del nostro telefilm già visto e qualcuno che l'ha già vista lascia su Facebook un bel commento che ci rovina tutta la suspance.

5) Dieta rovinata
Le foto dei piatti cucinati dagli amici è una delle cose più frequenti che capita di vedere su Facebook, dove sembra che le persone mangino cibo cosi buono e speciale da rendere impossibile qualsiasi tentativo di dieta.

6) Pensavo che erano tipi forti e invece guarda che fine hanno fatto!
Se è vero che, visto Facebook, si può provare invidia verso qualcuno, è anche vero che per qualcuno si può davvero provare delusione vedendo quanto invece è noioso nei suoi pensieri.
Magari era un ragazzo che ci piaceva tanto qualche anno fa oppure il collega di lavoro che sembrava un vincente e degno di stima, che invece su Facebook mostra tutta la sua pochezza.

7) Ti rendi conto di quanto sei noioso.
Guardando quanto è noioso chi pensavamo fosse un tipo forte, può farci pensare al fatto che forse anche noi non siamo poi così divertenti.
COme ci rimaniamo quando pubblichiamo un pensiero o una battuta di spirito e nessuno commenta o fa un "mi piace"?
E se questo succede spesso? forse gli altri ci ignorano?
Non è sicuramente qualcosa che fa piacere.

8) Sindrome dell'esclusione
Quindi i nostri amici sono andati a cena fuori insieme e, dalle foto pubblicate, sembra si siano davvero divertiti.
Siamo contenti per loro, ma perchè noi non siamo stati chiamati e invitati a uscire?
Alla fine la "rosicata" su Facebook è sempre dietro l'angolo e, a conti fatti, può darsi che gli amici persi siano più dei nuovi amici.

9) Tra bufale, pubblicità e truffe, non si sa più a cosa credere.
Ogni giorno capita che qualche amico condivide notizie molto forti, strane o incredibili, che infatti poi si rivelano bufale.
Nello stesso tempo le pubblicità, ben occultate in mezzo ai post normali, ci mostrano metodi infallibili per perdere peso, avere denti più bianchi, trovare la ragazza o trovare lavoro.
Alla fine si finisce col pensare dubbia ogni cosa, vanificando l'obiettivo di Facebook di essere un canale di informazioni attendibili.

10) Quanto tempo perso
L'utente medio americano trascorre 40 minuti al giorno su Facebook e, secondo me, quello italiano anche di più.
Tutto tempo a leggere notizie forse fasulle, a guardare foto e commenti degli amici che ci fanno solo innervosire, a pensare qualcosa di valido o divertente da scrivere.
Prima di mangiare si fa la foto al piatto, prima di festeggiare si fa la foto di gruppo e durante le vacanze, invece di riposarci, facciamo foto da mostrare agli altri.
Alla fine è tanto il tempo perso che poteva essere buono per dormire, lavorare, leggere un libro o fare altre attività sicuramente più produttive.

LEGGI ANCHE: Cosa non fare su Facebook: il codice di comportamento

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
4 Commenti
  • kooma
    2/2/15

    ......ma prenderlo con più leggerezza, no?

  • realista
    3/2/15

    io potrei perdere tempo su facebook se inventassero le giornate di 100 ore. per come sono adesso le ore, c'è troppo da fare tra dormire, lavorre e coltivare HOBBY VERI....tra cui l'informatica, saper sempre di piu su tutto, dalla elettricità agli integratori, alle energie alternative ai siti cinesi dove trovi le cose a UN QUARTO del prezzo a cui si è abituati ai negozi. cioè x me son cose piu importanti che andar su facebook. cosa triste è che poi la maggioranza dei miei amici neanche ci cucca.....

  • Emanuele
    3/2/15

    Facebook segue le stesse "regole" di tutte le altre cose concrete o astratte della vita, quindi il problema non è il mezzo in se ma l'utilizzo che se ne fa; onestamente nessuno dei punti elencati nell'articolo mi tocca da vicino pur usando facebook quotidianamente insieme ad altre mille attività su internet e al pc che svolgo. Le regole basilari che dovrebbero adottare tutti sono equilibrio, moderazione e sfruttare bene le potenzialità del mezzo senza cadere in frivolezze inutili, purtroppo la maggioranza degli utenti hanno scarse conoscenze e/o sbagliano totalmente il metodo.

  • Simona M
    16/3/15

    Alcuni fanno ridere, altri son tristemente veri...ma, personalmente, rimane un social network che mi piace.