Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Configurazione e avvio del nuovo telefono o tablet Android (Samsung, Google o altre marche)

Pubblicato il: 26 dicembre 2014 Aggiornato il:
Passi guidati alla configurazione al primo avvio di un nuovo cellulare o tablet Android (Samsung, google o altre marche) per usarlo correttamente
configurazione android primo avvio Chi ha ricevuto un nuovo telefono o tablet Android in regalo o se fosse stato appena acquistato, qualsiasi marca o modello esso sia (Samsung, LG, Google, HTC, Huawei o altri) deve configurarlo per iniziare a usarlo correttamente da subito in ogni sua funzionalità e farlo rendere al meglio.
Anche se c'è una gran varietà di dispositivi Android con diverse specifiche procedure di avvio, in generale sono tutti uguali e, anche se i menu possono cambiare da marca a marca, le caratteristiche base sono le stesse per tutti ed è quindi possibile scrivere una guida univoca che valga in linea generale.

1) La SIM Card
Prima di tutto bisogna inserire la SIM card che, in molti modelli, si trova su uno sportellino laterale apribile tramite una specie di chiavetta inclusa nella confezione del telefonino.
Lo slot potrebbe essere quello di una microSIM quindi, se si ha una SIM normale, o si prova a tagliarla seguendo qualche guida da cercare su Google, oppure bisogna andare al più vicino negozio dell'operatore telefonico e chiedere una nuova MicroSIM, pagando purtroppo 10 Euro.

2) Batteria
La maggior parte dei dispositivi viene venduta con un po' di carica della batteria e può quindi essere subito acceso e usato.
Nelle istruzioni viene però consigliato di eseguire subito un ciclo di carica completo da 10 o 12 ore.

2) Account Google
Alla prima accensione di un telefono Android viene richiesto di accedere con un account Google e seguire la procedura guidata di configurazione necessaria per installare le app dal Google Play store che è il market ufficiale di ogni smartphone Android.
Volendo può essere possibile registrarne uno nuovo, ma è molto più conveniente, se già si usa Gmail o qualsiasi altro servizio Google, usare quell'account in modo da poter sfruttare la sincronizzazione delle app Google anche sul PC.
A seconda del produttore, ci possono anche essere altri passaggi: ad esempio Samsung chiede di creare un suo account in modo da avere accesso al suo app store e poter aggiornare automaticamente le applicazioni preinstallate.
La configurazione iniziale richiede la connessione a internet quindi, se non si ha a disposizione una rete wifi a cui accedere, bisogna rimandare e prima connettersi alla rete dati mobili 3G o 4G (se si ha un piano di abbonamento dati).

3) Aggiornare le app e il sistema
Prima di iniziare, aprire il Google Play Store e l'eventuale altro store di applicazioni proprietario per verificare la presenza di aggiornamenti delle app preinstallate.
Inoltre, aprire la lista di app, andare su Impostazioni e scorrere cercando Info sul telefono per verificare se ci sono aggiornamenti di sistema da installare.

4) Recuperare la rubrica e altri dati del vecchio telefono
In un altro articolo c'è la guida per trasferire rubrica, foto e app dell'iPhone sul nuovo smartphone Android.
Siccome Android basa la sua rubrica su Gmail, conviene importare i contatti della SIM sulla rubrica di Gmail, come spiegato nella guida su come sincronizzare la rubrica su Android, trasferire e salvare i contatti.

LEGGI ANCHE: Passare da iPhone a Android, guida al cambio di cellulare

5) Personalizzare la schermata Home
Una volta pronti, si può utilizzare il nuovo telefono o tablet e approfittare di uno dei punti di forza di Android: la personalizzazione.
Si possono quindi aggiungere applicazioni alla schermata iniziale, aggiungere widget, cambiare sfondo, cambiare icone e tanto altro.
In generale, per fare queste cose basta toccare e tenere premuto su un punto vuoto dello schermo.
Per aggiungere app invece basta aprire la lista completa, premere su un'icona tenendo premuto e spostarla col dito sulla schermata principale.
Su Android si può anche sostituire l'interfaccia predefinita con una tutta nuova e completamente diversa (vedi i migliori launcher per Android), anche se questo è meglio farlo successivamente, dopo aver preso familiarità.

6) Gestione batteria
Prima di andare a installare tutte le applicazioni che si vogliono, c'è ancora una cosa da controllare: la gestione della batteria.
Nelle impostazioni conviene disattivare tutte le funzionalità che non si intende tenere attive in ogni momento come bluetooth, wifi e gps e poi attivare la luminosità automatica.
Queste funzioni possono essere gestite tramite interruttori sulla barra di notifica o sul widget "controllo risparmio energia" che dovrebbe essere già presente.
Per attivare o disattivare la connessione internet del telefono è invece necessario andare nelle Impostazioni, alla voce Utilizzo dati.
E' anche una buona idea andare nel menu delle impostazioni avanzate del WiFi avanzate (andando nelle impostazioni WiFi, toccare i tre puntini in alto a destra) e disabilitare la ricerca di reti anche quando il WiFi è disattivato.
Per quanto riguarda il GPS invece Android ha due tipi di localizzazione: una precisa col GPS da usare solo quando si utilizza il navigatore satellitare Google Maps o altri, l'altro invece basato su un servizio Google che può essere lasciato attivo perchè a basso consumo.

7) Imparare le basi di Android
- I tre puntini in alto a destra, di solito, portano alle impostazioni di ogni applicazione.
- La barra di notiifica Android in alto si tira giù col dito e permette di vedere gli avvisi di nuovi messaggi o chiamate perse.
- Il quadrato o doppio quadrato in basso a destra (o a sinistra) permette di scorrere le ultime app usate.
- Il tasto indietro, in basso a sinistra (o a destra), chiude le applicazioni.
- Google Now è un assistente virtuale che fornisce informazioni personalizzate, da configurare a parte.
- opzioni principali nelle impostazioni Android
- In molte applicazioni, il menù principale compare strisciando il dito dal lato sinistro dello schermo verso destra o premendo il tasto con tre righe in alto a destra.
- Misure di sicurezza essenziali per Android da attivare.

8) Installare applicazioni
Sullo store Google Play è possibile cercare le applicazioni e scaricarle gratis a meno che non siano a pagamento.
Per iniziare, ho descritto le App Android essenziali da avere sul nuovo cellulare o tablet e la classifica delle migliori 10 App Android gratuite.
Ogni app installata può essere lanciata dalla lista generale di applicazioni che compare toccando il pulsante in basso al centro o in basso a sinistra.

Per finire, in un altro articolo, sono segnate 7 cose da fare subito sul nuovo smartphone Android.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)