Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Usare cellulare o tablet a letto senza rovinarsi il sonno

Pubblicato il: 11 novembre 2014 Aggiornato il:
Perchè è possibile usare lo smartphone o il tablet a letto, senza problemi per il sonno e per il riposo
usare lo smartphone a letto Abbiamo già parlato di quanto gli schermi di computer e smartphone possono rovinare il sonno a causa della loro luce blu.
Per questo molti studi clinici consigliano di non usare lo smartphone o il tablet a letto prima di andare a dormire, se non si vogliono avere problemi ad addormentarsi e durante il sonno.
Per fortuna questo non è vero in senso assoluto ed è ancora possibile usare il telefonino o lo smartphone a letto prima di dormire, senza rovinarsi il sonno e il riposo.
La cosa importante è limitare le luci blu dello schermo LCD che è la principale responsabile dei problemi di sonno.
La spiegazione scientifica dice, in estrema sintesi, che la luce degli schermi elettronici può interferire con la produzione di melatonina, che controlla il cicli naturali sonno-veglia.

La Mayo Clinic ha però trovato la luminosità minima da usare per non interferire con la melatonina.
Il segreto è quello di abbassare la luminosità dello smartphone o del tablet almeno a 30, tenendo il dispositivo ad almeno 14 cm dal viso durante l'utilizzo.
I ricercatori hanno trovato questi valori sperimentando l'uso di due tablet e uno smartphone in una stanza buia, misurando diversi gradi di luminosità e varie distanze dal volto di una persona.
Il risultato è che quando le impostazioni di luminosità sono state abbassate e gli schermi sono sufficientemente distanti dagli occhi, viene ridotto il rischio che la luce possa sopprimere la secrezione di melatonina e disturbare il sonno.
In sostanza, se si vuol leggere un libro o giocare sul tablet a letto, non c'è alcun problema, a patto che si abbassi la luminosità, magari al minimo, tenendolo distante abbastanza dagli occhi.

A supporto di questo modo di usare il cellulare a letto ci sono alcune applicazioni.
In altri articoli abbiamo trovato e provato app automatiche per Android per cambiare luminosità dello schermo ed anche un'app che crea un filtro per riposare gli occhi la sera, senza abbassare la luminosità.
Per PC si può usare F-Lux che modifica luminosità e colorazione dello schermo a seconda dell'ora.
Dal 2016 si può attivare la modalità notte su iPhone e iPad

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
2 Commenti
  • TDK
    12/11/14

    Per Windows Phone 8.1 cosa c'è di simile a F.lux?
    Oppure quali sono le impostazioni da settare per avere un risultato ottimale?

  • Claudio Pomes
    12/11/14

    semplicemente luminosità al minimo, F lux non c'è per Windows Phone mentre per iPHone c'è solo se è sbloccato