Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come sostituire l'hard disk per potenziare il PC in un'ora

Pubblicato il: 20 ottobre 2014 Aggiornato il:
Come sostituire un hard disk in poco tempo e senza perdere nulla, per potenziare il PC (fiss o portatile) e renderlo più veloce
sostituzione hard disk L'hard disk del computer è la parte interna che si rovina più rapidamente ed anche la componente hardware più lenta.
Inutile avere un processore 10 core super potente con scheda grafica di ultima generazione e 16 GB di RAM se poi c'è un hard disk vecchio e lento che fa da collo di bottiglia e rovina ogni prestazione.
D'altra parte, anche avendo un PC normale, vecchio di due o tre anni, non particolarmente potente, lo si può potenziare a livelli incredibili soltanto sostituendo l'hard disk con una nuova unità a stato solido SSD.
Si può comprare un nuovo hard disk di buon livello su Amazon a partire da 50 Euro, oppure, come già fatto notare in un altro articolo, comprare un disco SSD molto più veloce.
Quello che può scoraggiare nella volontà di sostituire l'hard disk, non è il prezzo, ma il fastidio e la fatica di dover reinstallare tutto, sistema operativo e programmi, sul nuovo disco.
Per fortuna, oggi, questo non è assolutamente un problema e seguendo questa guida, la sostituzione del disco in un computer diventa facile e indolore, sia su PC fisso che sul portatile, senza perdere nulla, senza particolari preparazioni, senza dover reinstallare Windows o altri programmi, in un'ora di lavoro o poco più.

Quello che è necessario per sostituire l'hard disk del computer in modo rapido e indolore sono quattro cose:
- Un secondo disco, hard disk o SSD (vedi differenze), che sia più capiente dell'hard disk originale.
Se il nuovo disco fosse più piccolo del vecchio come spazio disponibile, non è comunque un problema, l'importante comunque è che lo spazio occupato sul disco esistente non sia superiore alla capacità del nuovo SSD o hard disk.
In caso contrario sarà necessario cancellare i file inutili e avere un altro disco esterno o anche una penna USB in cui spostare i dati importanti.
- Una penna USB da usare come disco di ripristino
- Un programma per fare la clonazione del disco: di questo tipo di software ce ne sono almeno due molto efficaci, gratuiti e rapidi che faranno tutto il lavoro della clonazione in modo semplice e senza errori.

Per copiare l'hard disk su SSD in questa guida utilizziamo Macrium Reflect.
In alternativa si può usare tranquillamente e con gli stessi risultati anche Easus Todo Backup oppure anche l'ottimo programma AOEMI Backupper.

- Cavo di collegamento per il secondo Hard Disk: per collegare un nuovo disco al computer ci sono due opzioni: collegarlo, nel PC fisso, direttamente a una presa SATA libera dentro il case oppure collegandolo alla porta USB con un adattatore SATA-USB che si deve acquistare separatamente (sempre su Amazon se ne trovano molti).
La seconda opzione è obbligata per un computer portatile.
Se si sceglie di utilizzare un adattatore USB, è consigliabile, se il PC ha la porta USB 3.0, utilizzare un adattatore USB 3.0, molto più veloce del 200 o 300 per cento.

Prima di sostituire l'hard disk, installare Macrium Reflect, lanciare il programma e, prima di tutto, creare un disco di ripristino.
Questa è una precauzione importante per rimettere le cose apposto in caso di problemi.
La clonazione è un processo che non tocca i dati dell'hard disk principale, quindi se pure non riuscisse o fallisse non si perderebbe nulla, ma è sempre meglio avere una scialuppa di salvataggio in più.
Dopo aver installato Macrium Reflect, andare sulla barra dei menu e, su Altre attività, cliccare l'opzione per creare un supporto di ripristino.
Selezionare Windows PE, andare su Avanzate, selezionare la versione 5.0 e, successivamente, lasciare l'impostazione predefinata per l'opzione VIM.
Il disco di ripristino può essere una qualsiasi penna USB.

Passare ora alla clonazione del disco e collegare il nuovo disco al computer.
In Macrium Reflect, selezionare la scheda "Immagine disco" e cercare il disco dov'è installato il sistema operativo (in genere è il disco C:\ ed è contrassegnato in Esplora risorse da una piccola icona di Windows).
Selezionare il disco e cliccare su "Clonare il disco".
Nel menu successivo c'è l'opzione più importante, quella dove selezionare il disco di destinazione della clonazione.
Qui bisogna fare attenzione perchè se il computer ha più dischi o partizioni, si deve scegliere quello giusto, quello nuovo che si vorrà poi usare come hard disk primario.
Se si fa la clonazione sul disco sbagliato si perderanno tutti i dati al suo interno.
Controllare bene quindi la lettera assegnata al nuovo disco, selezionarlo e cliccare
Dopo aver ricontrollato di aver selezionato il disco di destinazione corretto, attivare l'opzione "copia partizioni selezionate" in basso a destra.
Andare avanti e scegliere la copia intelligente, lasciando stare la copia forense che è una clonazione settore per settore, anche dello spazio vuoto.
Si noterà che la partizione viene copiata in un rapporto 1 a 1, lasciando spazio inutilizzato sul nuovo disco, se è più grande di quello vecchio.
Si può premere il tasto "maximum size" per diminuire, eventualmente, la dimensione della partizione.
Terminata la clonazione, si può avviare il computer col nuovo disco.

Se si sta utilizzando un PC desktop, il modo più semplice per testare il nuovo hard disk è quello di spegnere il computer, aprire il case e scollegare i cavi dal vecchio disco, lasciando attaccati i cavi del nuovo.
Se si utilizza un computer portatile avrete bisogno di scambiare i dischi staccando quello vecchio e attaccando quello nuovo (l'alloggiamento si trova sul retro dove bisogna svitare il coperchio).
Se sul PC fisso, Windows non si avviasse correttamente, bisogna controllare, nel Bios, se le opzioni di avvio sono corrette (vedi come cambiare l'ordine di avvio del computer).
Se ancora ci sono problemi, attaccare il nuovo hard disk alla presa dov'era quello vecchio e riavviare il PC.
Se ancora non va, non c'è da preoccuparsi, prendere l'unità USB usata prima per creare il disco di ripristino, collegarlo al PC e avviare il computer (sempre cambiando l'ordine di avvio dal BIOS, scegliendo questa volta la presa USB).
Il supporto di ripristino di Macrium Reflect viene caricato automaticamente e permette di riparare l'avvio di Windows ripristinando l'MBR (Master Boot Record) e il BCD (Boot Configuration Data) in modo automatico.
Quando finisce la riparazione spegnere il computer, rimuovere l'unità USB e avviare dal nuovo disco.
Se la clonazione non fosse andata bene e il computer continua a non riavviarsi, rimettere il vecchio disco, staccare quello nuovo e ripetere l'operazione, magari usando un programma diverso come Easus Todo backup e una guida simile

LEGGI ANCHE: Spostare Windows su SSD senza reinstallare tutto

Una volta che tutto funziona è il momento di riattaccare il vecchio disco (se si sta usando un PC desktop).
Rispegnere quindi il PC, attaccare il vecchio disco a una presa libera, riaccendere e usare il vecchio disco come memoria per i dati fissi: immagini, musica, documenti, file scaricati ecc.
Sul vecchio disco, per stare più tranquilli, è meglio aspettare un po' di giorni prima di cancellare qualcosa come la cartella Windows.
In questo modo se qualcosa dovesse andare storto con il nuovo hard disk, è possibile ricollegare il vecchio disco funzionante.

Come già detto più volte, la sostituzione di un hard disk con un disco SSD è il modo migliore per potenziare il PC in modo visibile e quasi incredibile, molto più di quanto si può fare aumentando memoria o cambiando processore.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
10 Commenti
  • mipir
    23/10/14

    Ciao Claudio, ottima guida come tutto il blog del resto! Vorrei fare questa operazione sul mio notebook, tu parli di clonazione del disco, siccome io ho l' hard disk di 500 GB ripartito così: 100 GB (Disco locale C: dove risiede il SO) e il rimanente Dati, ora comprare un SSD di 500 GB è molto oneroso per le mie tasche, comprerei invece un SSD da 240GB e lì ci butterei la partizione del SO. Quindi posso clonare solo la partizione (del SO) anziché l'intero disco? Grazie mille!

  • Claudio Pomes
    23/10/14

    clonare una partizione si può fare, ma non per spostare il sistema operativo.
    Devi quindi copiare i dati su un hard disk esterno, riunire le partizioni del disco vecchio (la partizione con i dati viene azzerata) e poi clonarlo sull'SSD, il vecchio disco lo usi poi come secondario e ci rimetti i dati

  • mipir
    23/10/14

    Ok recepito! Grazie mille!

  • tommaso
    13/6/15

    io ho solo un disco fisico nel laptop con quattro partizioni primarie (C, RECOVERY, HP_TOOLS, SYSTEM). Con macrium posso clonarlo esattamente così com'è, nel disco di destinazione, con tutte le sue partizioni?. grazie

  • DeusXs {Anima Creativa}
    9/10/15

    Salve Claudio, bella guida. Io avrei un caso particolare, premesso che utilizzo Windows 7 e che a breve vorrei passare al 10, oggi ho dovuto comprarmi un nuovo hard disk per sostituire il vecchio, più piccolo ed ormai anzianotto. Evidentemente ho dovuto già formattarlo ma ora mi sto ponendo il dubbio di come sto procedendo e come procedere, ed è qui che vengo al sodo.

    Il vecchietto da 500GB è partizionato, dal costruttore HP, in:
    - System da 100GB, invisibile
    - HP(C:) da 350GB, con Windows, programmi e dati importanti
    - FACTORY_IMAGE(D:) da 15GB per il ripristino allo stato di acquisto
    - VolumeDATA(X:) da 100GB per pochi ma sostanziosi giochi e copie di back up importanti di lavoro

    Il novello disco, in previsione di Windows10, l'ho partizionato invece cercando di seguire la stessa filosofia, come segue:

    - W10(S:) da 160GB, equivalente di System, per trasferirci Windows7 in previsione del 10
    - R10(D:) da 15GB equivalente dell'immagine di fabbrica per il Recovery
    - TOTEM (X:) da 750GB

    Quest'ultima partizione vorrei suddividerla, a sua volta, in altre due parti: l'equivalente di C:, da 250GB, per tutti i programmi, inclusi programmi particolari, come DAZ3D, Cinema 4D, Skyrim... che usano dati essenziali al loro fuzionamento {che per mantenere una stabilità nel loro funzionamento e organizzare meglio i dati a portata di mano e che quindi non posso relegare in HD esterni}, dati i quali avrebbero poi spazio nei rimanenti 500GB.

    Il vecchietto rimarrebbe interno per dati importanti ma non di uso frequente.


    La mia domanda, scusandomi per la bizzarra lunghezza della mia premessa, è...

    ...come posso fare per trasferire separatamente le varie partizioni nel seguente ordine SYSTEM in S10, FACTORY_IMAGE in R10 poi HP(C:) e solo alla fine la partizione dei dati? Come dovrei applicarvi la procedura da te esposta?



    Lo so che sembra una barzelletta con tutte queste partizioni apparentemente bizzarre quanto i loro nomi, ma ormai sto impazzendo con sta marea infinita di dati, che intendo finalmente organizzare al meglio per le mie abitudini sia di lavoro sia di ludo senza dover davvero finire con l'uscire di testa.


    Spero di poter ricevere risposta al mio quesito, ho il terrore che il vecchietto non regga più Windows 7 e i browser che lo stanno sfiancando, e che finisca nel mio cimitero degli hard disk...


    Grazie di cuore.

  • Claudio Pomes
    9/10/15

    non avendo mai fatto questo tipo di operazione non so risponderti; dico solo che la clonazione del disco funziona bene per una partizione, altrimenti avrai problemi.

  • Jennifer Kristoff
    17/10/15

    So che l'articolo è di un anno fa, ma mi trovo nella condizione di dover sostituire l'hd - nello specifico, ho comprato un nuovo pc e voglio usare l'hd di questo come storage - e volevo porti una domanda: quando ho installato Windows 7, come una scema non ho pensato di impedirgli di creare la partizione "riservata al sistema" e ora me la ritrovo insieme a quella "principale".
    Seguendo questa guida, è possibile clonare anche quella particolare partizione? O devo rischiare e cercare di cancellarla, per poi clonare solo quella "principale" lasciando stare l'altra, che rimarrebbe vuota?

  • Claudio Pomes
    19/10/15

    clonare il disco vuol dire clonare tutte le sue partizoni; la partizione riservata non va toccata

  • Jennifer Kristoff
    19/10/15

    Perfetto. Grazie mille e scusa se la domanda può sembrare scema, ma è la prima volta che provo a clonare l'HD e ho preferito fare una domanda in più che un eventuale passaggio in meno.

  • Vincenzo Candela
    7/5/16

    Ciao, ho un notebook Asus S56CB, con licenza Windows 8.1, aggiornata a Windows 10. Si è guastato completamente il disco fisso, naturalmente ho perso tutti i dati. La mia domanda è la seguente, posso recuperare la licenza d'uso originaria di Windows 8.1, ho debbo acquistare una nuova licenza?