Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Aggiornamento OSX Yosemite per tutti i Mac con tante nuove funzioni

Pubblicato il: 17 ottobre 2014 Aggiornato il:
Aggiornamento ufficiale per tutti i Mac a OSX Yosemite, la nuova versione che si integra meglio con iPhone e iPad ed ha molte nuove funzioni
aggiornamento mac osx 10.10 Apple ha rilasciato la nuova versione del suo sistema operativo OS X 10.10, chiamato OSX Yosemite che viene dopo OSX Mavericks e che si può scaricare e installare gratuitamente.
Come ogni aggiornamento di sistema di un computer usato per lavorare, anche per il Mac è necessario essere piuttosto cauti e controllare che tutto, applicazioni e strumenti importanti, funzioni bene anche dopo l'installazione.
Apple ha lavorato bene, questa volta, rilasciando OSX Yosemite dopo un lungo periodo di beta test, correggendo quindi tutti i problemi più rilevanti e rendendo stabile il suo sistema operativo.
Chi quindi ha un Mac non più vecchio di 5 anni, può tranquillamente andare avanti e aggiornare il sistema OSX a Yosemite.
Il processo di aggiornamento è tranquillo e facile, basta solo scaricare Yosemite dall'App Store Apple.
Il download è di circa 5 GB è l'aggiornamento non impiega più di mezz'ora se non meno sui Mac più nuovi.
I requisiti sono gli stessi di OSX Mavericks quindi non ci sono problemi di incompatibilità.

LEGGI ANCHE: Installazione pulita di OSX Yosemite su Mac da penna USB

Le caratteristiche principali, le nuove funzioni di OSX Yosemite e i cambiamenti più importanti su Mac sono i seguenti:

1) Nuova interfaccia diversa da Mavericks, con molti menù traslucidi e più colori in generale.

2) Spotlight viene aggiornato in Yosemite e diventa molto più utile di quanto non fosse prima.
Si avvia ancora con i tasti Command + Barra spaziatrice e si possono cercare applicazioni, strumenti, siti web, contenuti nell'iTunes Store, film, notizie, posti sulla mappa e tanto altro.

3) iCloud, il servizio di cloud storage di Apple, è ora molto più simile a Dropbox e rende possibile accedere ai file in una vista a cartelle, caricare tutto quello che si vuole e accedervi su tutti gli altri dispositivi.

4) I Widget nel Centro di notifica sono simili ai widget dell'iPhone, dove installare estensioni dalle Preferenze di sistema o da programmi esterni che arriveranno.
Si potrà quindi vedere la sezione Oggi, il meteo e tutte le informazioni personalizzate a seconda dei widget installati.

5) Un'App più potente di posta dove è possibile aggiungere note alle foto prima di inviarle e dove si possono firmare PDF e documenti senza caricare altre app.
Se si inviano file di grandi dimensioni a qualcuno, si può usare la funzione Mail Drop, che carica i file in iCloud.

6) Handoff
Handoff è una funzione tutta nuova con cui è possibile passare dall'applicazione che si sta utilizzando su iOS al suo equivalente sul Mac e riprendere da dove si era interrotto.
Per esempio, se si sta scrivendo un'e-mail in Mail su iOS, si può continuare a scrivere sul Mac mentre se si riceve una telefonata, si può rispondere dal Mac.
Quando si utilizza un'applicazione su iPhone o iPad supportata da Handoff, compare un simbolo sull'icona dell'applicazione.
Handoff funziona anche tra dispositivi mobili, per esempio tra iPhone e iPad.
Non tutti i Mac supportano Handoff che ha bisogno del Bluetooth 4 LE.
Si può verificare il supporto a Handoff nel System Profiler alla sezione Bluetooth.

7) Airdrop permette di scambiare e trasferire file tra dispositivi iOS e Mac.
Quindi, se si avesse bisogno di inviare rapidamente un file all'iPhone, basterà aprire AirDrop su entrambi i dispositivi.

8) Safari si presenta in una nuova versione, con una singola barra degli strumenti, un'interfaccia più simile a Safari su iOS, dove è anche possibile aprire sessioni di navigazione private senza chiudere le altre schede.
Il nuovo Safari è più veloce e più leggero, sincronizzato col Safari dell'iPhone e dell'iPad (come già fanno Chrome e Firefox).

LEGGI ANCHE: Nuove opzioni nascoste in Yosemite per ottimizzare il MAC

Il vantaggio principale di OS X 10.10 Yosemite è, sicuramente, l'integrazione più stretta tra Mac e dispositivi mobili iOS 8, iPhone e iPad.
Poiché Yosemite è un aggiornamento gratuito, non ci sono molti motivi di non installarlo soprattutto perchè non sono segnalati bug o errori rilevanti.
Le uniche segnalazioni di problemi riguardano il fatto che alcuni programmi esterni come Chrome e Firefox occupano molta memoria RAM e CPU, più di quanto facevano in Mavericks
Altri hanno lamentato prestazioni video più lente in Yosemite, probabilmente a causa della nuova veste grafica più pesante.
Questo significa che chi ha un vecchio Mac (di 4 o 5 anni fa) potrebbe ancora aspettare prima di aggiornare il sistema, rimanendo in attesa che Yosemite venga ottimizzato nei prossimi mesi con un aggiornamento 10.10.1.
Ovviamente non vale la pena aggiornare, se non ha problemi e si trova bene, per chi ha un Mac con sistema operativo precedente a Mavericks per i quali, forse, Yosemite non è nemmeno supportato.

In conclusione, Yosemite è un aggiornamento sicuro che non crea problemi, utilissimo a chi ha anche un iPhone e un iPad, buono per tutti gli altri, con tantissimi cambiamenti e nuove funzioni, molte delle quali nascoste e tutte da scoprire.
Sotto, il video di presentazione della Apple

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • Erika Trevisan
    15/1/15

    da quando ho fatto l'aggiornamento non riesco più a ricevere file da altri dispositivi :( help!