Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Guida alle impostazioni di sistema avanzate di Windows

Pubblicato il: 8 maggio 2014 Aggiornato il:
Guida alle impostazioni delle proprietà di sistema di Windows e cosa significano le varie opzioni avanzate
guida proprietà di sistema Il pannello delle proprietà del sistema è una delle parti più importanti di Windows, sempre presenti fin dalle prime edizioni.
Anche se quella delle proprietà di sistema è una delle parti principali del sistema Windows ed anche una delle più complesse e delicate, che bisognerebbe capire e conoscere per essere davvero padroni del proprio computer.
La maggior parte delle impostazioni avanzate presenti nelle Proprietà di sistema non sono certamente cose che si ha bisogno di cambiare spesso e, nella maggior parte dei casi, probabilmente si dovrebbero lasciare quelle predefinite, ma è molto utile capirle e sapere cosa si può fare da quel pannello di controllo.

Per aprire le Impostazioni di sistema avanzate in Windows 8 basta premere col tasto destro del mouse sulla bandierina di Windows in basso a sinistra.
Se si utilizza Windows 7 si deve prima andare sul Pannello di controllo e cercare Sistema oppure si può premere col tasto destro del mouse su Computer e poi scegliere le proprietà.
Anche se può sembrare strano, la finestra che si apre è quasi puramente informativa riguardo al computer che si sta usando.
In un altro articolo abbiamo visto come cambiare le informazioni del computer: produttore, modello, logo....
Bisogna però cliccare su impostazioni avanzate per entrare nel vero pannello di proprietà.
Tra le varie schede, quella delle Avanzate è la più interessante, quella in cui si può cambiare la configurazione del computer facendo modifiche importanti.
La scheda è divisa in quattro sezioni: prestazioni, profili utente, avvio e ripristino e variabili di ambiente.
L'utente medio non avrebbe davvero bisogno di modificare nulla qui, tranne in alcune circostanze molto comuni.

Premere quindi su Impostazioni sotto la voce Prestazioni per decidere quali effetti visivi abilitare e quali disabilitare.
Gli effetti visivi sono anche belli a vedersi, ma consumano molta memoria e rendono il computer più lento.
Si può quindi scegliere di impostarli per le migliori prestazioni oppure seguire questa guida su come avere Windows 7 super veloce modificando opzioni inutili.
Per esempio, io disabilito sempre la fastidiosa animazione per minimizzare le finestre.
La scheda delle prestazioni è divisa in tre schede tra cui, di nuovo, quella delle Avanzate molto importante.
Da qui si possono cambiare le dimensioni del file di paging, la quantità di spazio disco da dedicare alla memoria virtuale.
Sui computer più vecchi e meno potenti è (anzie era) utile modificare questa quantità o disattivarlo completamente come spiegato nella guida sulla impostazione del file di paging o memoria virtuale di Windows.
Con i PC moderni che usano 4 GB di memoria RAM o più il file di paging perde importanza e può essere lasciato com'è.
Inoltre Windows 7 e 8.1 usano il file di paging solo quando realmente necessario e sono molto più intelligenti di XP a riguardo.
C'è ci dice che si può disabilitare il file di paging in genere in computer con molta RAM, ma non è consigliabile perchè alcuni programmi possono averne bisogno e andrebbero in crash se non la trovassero.
Per l'altra opzione riguardante la modalità di allocazione delle risorse del processore si deve lasciare su Programmi e scegliere di ottenere prestazioni migliori per i servizi soltanto se il computer è un server.
Nella terza scheda abbiamo la protezione esecuzione dei programmi che non si capisce bene cosa significa.
Questa protezione, chiamata DEP (Data Execution Prevention) è disponibile nelle versioni a 64 bit di Windows e impedisce che applicazioni virus possano sfruttare parti di memoria per il loro scopo malevolo.
Ovviamente non è da disabilitare mai (si può disabilitare solo usando programmi di tweaking) e si può lasciare la protezione attiva solo per programmi e servizi essenziali di Windows.
Se si vuole controllare quali processi vengono protetti da questa funzione, si può aprire il task manager (gestione attività), andare in "dettagli", cliccare sull'intestazione delle colonne col tasto destro, premere su Selezione colonna e aggiungere quella della Protezione esecuzione programmi.

Tornando alle impostazioni di sistema Avanzate, sulla scheda Avanzate, dopo le prestazioni si può cliccare su Impostazioni dei Profili Utente.
La funzione Profili utente non è molto utile per un uso casalingo del computer, è utile soprattutto per la creazione di profili comuni in un dominio Windows.

Le impostazioni Avvio e ripristino hanno due caratteristiche utili per un computer con il dual-boot, per scegliere il sistema operativo predefinito e modificare il periodo di tempo in cui viene visualizzato il menu di scelta.
È inoltre possibile scegliere se far riavviare Windows automaticamente dopo un crash con schermata blu e se scrivere informazioni sulla causa in un file di dump della memoria. Disabilitare il riavvio automatico è utile per avere il tempo di annotare il messaggio di errore.

Le variabili d'ambiente sono impostazioni comuni per le applicazioni, per lanciare rapidamente programmi specifici dalla casella Esegui.
Abbiamo visto in un altro articolo come cambiare le variabili d'ambiente TEMP e TMP su Windows per spostare i file temporanei spiegando a grandi linee cosa sono e come si usano.

Tornando alla finestra di impostazioni di sistema, andando oltre la scheda Avanzate abbiamo:
- Protezione, dove c'è il ripristino configurazione di sistema già spiegato in un'altra guida.
Tenere conto che su Windows 8.1 ci sono altre opzioni per ripristinare o reinizializzare Windows 8.
- La scheda Connessione remota è molto semplice e permette solo di scegliere se abilitare o no l'Assistenza remota e il desktop remoto (solo in Windows Professional).
Se non si utilizzano queste funzionalità, vanno disabilitate.
Anche se utili, è molto più facile usare programmi come Teamviewer o Chrome remote desktop per il desktop remoto.
- Cambiare Nome al PC può essere una cosa carina ma inutile, a meno che non si abbia una rete interna di computer.
Nome computer e Gruppo di lavoro sono importanti per creare una rete LAN di computer a casa o in ufficio e per condividere file e stampanti.
La descrizione del computer è del tutto inutile mentre l'ID di rete va messo solo in caso di dominio Windows.
- Hardware infine è una scheda con due pulsanti importanti: uno per accedere alla gestione dispositivi, l'altro per decidere come installare i futuri aggiornamenti dei driver scaricati da Windows Update, se con procedura automatica o manuale.

LEGGI ANCHE: Strumenti di amministrazione di "Gestione Computer" in Windows

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)