Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Sono a rischio i bancomat con la fine di Windows XP?

Pubblicato il: 27 marzo 2014 Aggiornato il:
Bisogna preoccuparsi, come dicono alcuni giornali, del fatto che i nostri prelievi dai bancomat sono a rischio con la fine di Windows XP?
rischio per la fine di XP sui bancomat Leggevo qualche giorno fa un ridicolo articolo sul giornale di cattiva informazione Libero riguardante un allarme per i prelievi tramite bancomat a causa della fine del supporto di Windows XP, quindi mi sono un attimo documentato.
Sappiamo già che la fine del supporto di Windows XP l'8 Aprile, provocherà la vulnerabilità di tutti i computer da parte di hacker che potranno approfittare di ogni nuovo bug.
La paura di un Armageddon relativo alla fine di XP ha portato a scrivere, a qualche giornalista amante di apocalissi, che i bancomat che usano XP saranno preda di qualsiasi hacker mettendo a rischio i nostri prelievi, come se le banche fossero gestite da cretini.

Le statistiche crude dicono che il 95% dei bancomat nel mondo hanno sotto Windows XP e che la maggior parte continuerà ad avere XP anche dopo l'8 Aprile.
Il fatto che dovrebbe tranquillizzare tutti è che sotto un bancomat c'è molto di più.
Intanto non si tratta di XP normale ma di Windows XP Embedded, una versione molto limitata che non è proprio così facile da hackerare.
I computer dei bancomat che usano XP sono inoltre equipaggiati con strumenti di protezione hardware e software che sono praticamente impossibili da superare.
I bancomat comunicano tra loro utilizzando dati criptati riducendo ulteriormente la portata del loro essere violato.

Anche ammesso comunque che Windows XP diventasse immediatamente una facile preda di hacker e pirati informatici, quello che molti giornali non dicono è che la versione XP Embedded che è installata nei POS e nei bancomat italiani non finiscono assolutamente il supporto da parte di Microsoft.
Come riportato nel blog ufficiale infatti Microsoft continuerà a rilasciare aggiornamenti di protezione e patch per Windwos XP Embedded almeno fino al 2016 e fino al 2019 per la versione POSReady.

Oltre a questo va sottolineato come, poichè i bancomat si collegano tramite VPN e non hanno accesso aperto a (o da) Internet, le storie di possibili intrusioni e furti informatici segnalati da articoli apocalittici da alcuni giornali poco seri e irresponsabili sono assolutamente false.
Come già scritto nella guida su come continuare a usare XP dopo l'8 Aprile 2014, se un PC non accede a internet non è davvero in pericolo anche se fosse pieno di buchi.
Certamente i sistemi ATM potranno sempre essere compromessi e manipolati, ma si tratta di casi estremamente difficili e rari.
La maggior parte dei furti di dati nei bancomat sono fatti tramite l'uso di dispositivi di skimming (lettori di carte segrete) che, come visto in vari servizi in TV (cercare le Iene ed i bancomat per esempio), sono assolutamente indipendenti dal sistema operativo usato su quei computer.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • rico
    28/3/14

    Tutto quello che mi fa fare la VPN aziendale è... quasi niente, ricerca google (con HTTPS), e i siti aziendali, il resto è negato e impenetrabile (PC con Windows XP).
    A meno di non usare alcuni proxy, che però escludono l'accesso ai siti aziendali.
    Se Libero dice che è possibile hackerare XP connesso in VPN, lo dimostri o smentisca.
    O è "Libero" solo di sparare caxxate?.