Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

ROOT-are quasi tutti gli smartphone Android (HTC, Samsung, LG e altri) con i toolkit

Pubblicato il: 10 marzo 2014 Aggiornato il:
Con KingoApp Toolkit e Nexus Toolkit si possono sbloccare con root tutti gli smartphone e i tablet Android (anche i Samsung Galaxy, LG G2 e HTC One) con due click
root samsung galaxy, lg e htc Il Root di Android è la procedura di sblocco dei permessi del sistema operativo per usarlo come amministratore.
Usare come amministratore uno smartphone o un tablet Android significa poterlo usare come un vero computer, senza limitazioni.
In parole pratiche questo si traduce nella possibilità di personalizzare il sistema a proprio piacimento, di installare le numerose app per cellulari solo con Root e anche per cambiare ROM ossia cambiare versione di Android rinnovando o cambiando radicalmente il proprio telefonino.
ROOTare Android può essere un'operazione difficile o facile a seconda del cellulare su cui si vuole operare.
Per fortuna comunque, per la maggior parte dei modelli di smartphone e tablet più popolari, esistono programmi che basta solo installare e usare in modo semplice, per ottenere i permessi di root con un paio di click.

NOTA: Prima di fare queste operazioni, anche se tutto dovrebbe andare bene, bisogna fare il backup dei dati del telefonino o del tablet.
Questo perchè il root richiede lo sblocco del bootloader che provoca la perdita di tutti i dati e che resetta la memoria del dispositivo.

1) NEXUS ToolKit
Tanto per cominciare, chi ha uno smartphone o tablet Nexus 5, Nexus 7, Nexus 7 3G, Nexus 7 (2013), Nexus 10, Nexus 4, Galaxy Nexus, Nexus S può usare il tool Nexus Toolkit.
Si può scaricare il toolkit sul sito di WugFresh e installarlo sul PC.
Durante l'installazione, verrà chiesto quale dispositivo Nexus si vuol rootare e quale versione Android è in esecuzione.
Per sapere la versione Android installata andare in Impostazioni -> Info sul telefono -> Versione Android.
Sul dispositivo bisogna attivare il debug USB nelle impostazioni - > Opzioni sviluppatore.
Se il toolkit richiede di scaricare una versione più recente di SuperSU o Recovery TWRP, è sufficiente premere OK.
Una volta che i download sono finiti, si vedrà una finestra piena di pulsanti.
Da qui cliccare prima l'installazione dei driver e seguire le istruzioni.
Una volta fatto il backup dei dati, procedere con lo sblocco del bootloader premendo Unlock e seguendo le istruzioni.
Se il bootloader fosse già sbloccato, saltare questo passaggio.
Adesso si può rootare il dispositivo: selezionare l'opzione Custom Recovery sotto And also flash: e poi premere sul pulsante Root.

LEGGI ANCHE: Sblocco con Root Nexus 5, 4 e 7 facile e veloce per avere una guida passo passo senza usare Nexus Toolkit.

2) KingoApp Toolkit
Questo toolkit è ancora più semplice da usare e funziona per ROOT-are tanti tipi di cellulari e tablet Android tra cui: i dispositivi Nexus 4, Nexus 5 e Nexus 7, Sony Experia, Samsung (Galaxy S, Galaxy S2, Samsung Galaxy S3, Galaxy S4, Samsung Galaxy Note, Note 2, Note 3, Samsung Galaxy Ace) poi i dispositivi HTC (HTC One, HTC Wildfire, HTC Sensation, HTC Thunderbolt, HTC Magic, HTC Hero, HTC Legend, HTC Desire), gli LG (LG G2, LG Optimus) e poi anche i Huawei, Lenovo, Motorola, Asus e altri.
KingoApp è il miglior toolkit disponibile oggi, estremamente facile da usare e con interfaccia chiara.
Dopo aver scaricato e installato sul PC il programma KingoApp, collegare il cellulare o il tablet al PC tramite cavo USB con il Debug USB attivato.
Assicurarsi, come già detto sopra, di avere un backup di tutti i dati importanti perchè saranno cancellati nella procedura di root.
Solo chi ha uno smartphone HTC e Sony deve prima sbloccare il bootloader con un tool separato sempre fornito da KingoAPP (Per Sony e per HTC)
Immediatamente, si può premere il tasto ROOT per rootare e sbloccare il dispositivo collegato al computer, in un click.

Con questo programma è anche molto facile rimuovere il root e ribloccare Android

L'unico problema di questi programmi è che se qualcosa non funziona si può davvero rimanere col cerino in mano perchè non si vede nulla di quello che accade.
Prima di usare questi strumenti, leggere bene l'articolo generale su come fare il root Android e fare una ricerca sui possibili problemi che questa procedura può portare sul proprio modello di smartphone o tablet.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • Carolyn Green
    7/7/16

    I Alcatel ed è marshmallow versione di Android. Può sradicare il dispositivo utilizzando il vostro software? Provo sradicare altri strumenti di radicazione (https://www.search4roots.com/) con il mio Samsung Galaxy S4 e funziona così bene.