Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Cosa cambia ora che Whatsapp è di Facebook

Pubblicato il: 20 febbraio 2014 Aggiornato il:
Facebook compra Whatsapp l'app di messaggi più usata al mondo, per la clamorosa cifra di 16 miliardi di dollari; tutti i dettagli
Facebook acquista Whatsapp In genere su questo blog non trattiamo notizie di questo tipo, a meno che non si tratti davvero di qualcosa di clamoroso come in questo caso.
Facebook ha stipulato un accordo per comprare WhatsApp, l'app di messaggistica più popolare in Europa, usata da mezzo mondo per inviare messaggi con lo smartphone.
L'acquisto vale ben 16 miliardi di dollari pagati in contanti e azioni ed è, di gran lunga, la più grande acquisizione che abbia mai fatto la società Facebook.
Mark Zuckerberg, co-fondatore e CEO di Facebook ha ben ragione di essere soddisfatto per aver fatto suo Whatsapp, soprattutto per l'enorme database di numeri di telefono registrati dalle persone.

L'accordo è stato raggiunto con Facebook che, per prendere Whatsapp, accetta di pagare 12 miliardi di dollari in azioni e 4 in contanti, più un supplemento di 3 miliardi di azioni vincolate ai fondatori e ai dipendenti di WhatsApp che porterebbe il prezzo totale dell'affare a circa 19 miliardi.
La borsa non ha preso bene questo accordo visto che le azioni Facebook hanno perso oltre il 4,5% del valore dopo l'annuncio.
La cifra di 16 miliardi infatti potrebbe sembrare eccessiva per Whatsapp, soprattutto perchè Facebook ha anche un'app come Messenger che funziona in modo simile.
In pratica ogni utente Whatsapp ha valore di 35$ per Facebook.

Ma cosa cambia ora che Whatsapp è di Facebook?
WhatsApp è un'applicazione di messaggi istantanei che è stata fondata da Koum e Brian Acton, due ex dipendenti Yahoo, nel 2009.
Whatsapp, diversamente da applicazioni di chat come Skype e l'ex MSN Messenger, non si basa su login e password decisi dagli utenti, ma sul numero di telefono.
Per aggiungere un amico (che ovviamente è iscritto) alla rubrica whatsapp e quindi poterlo contattare con un messaggio non è necessario avere la sua autorizzazione, basta solo avere il suo numero di telefono cellulare.
Ci sono attualmente più di 450 milioni di persone, soprattutto europee, che utilizzano il servizio ogni mese, una base utenti più grande di social network come Twitter o LinkedIn.
In Italia Whatsapp viene usato praticamente da tutti gli utilizzatori di uno smartphone Android, iPhone o Windows Phone ed è nettamente l'app di messaggi più usata.

WhatsAppm ora che è di Facebook, continuerà a funzionare in modo indipendente come è stato per Instagram.
Forse in futuro sostituirà Facebook Messenger e si fonderà con essa, ma per ora non cambierà nulla per gli utenti che usano Whatsapp.
Probabilmente, sempre in futuro, Whatsapp diventerà anche del tutto gratuita ora che è di Facebook, che da parte sua potrà godere di un'intera rubrica di 450 milioni di numeri di telefono registrati in Whatsapp, che si troveranno automaticamente anche su Facebook.
In sostanza, forse, si può dire che questa acquisizione sia un modo per aumentare la base utenti registrati a Facebook e, soprattutto, per impossessarsi dei cellulari degli utenti di tutto il mondo, di qualsiasi marca e qualsiasi modello, in modo che diventerà impossibile fare a meno di essere dentro il social network più potente e ricco del mondo.

Tutti i dettagli dell'acquisizione storica di Whatsapp sono sul blog di Facebook.

LEGGI ANCHE: 10 App migliori per inviare messaggi: WhatsApp e alternative gratuite

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • bella zio
    3/2/15

    WhatsAppm