Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Quanto sono migliori gli schermi curvi delle TV e degli smartphone?

Pubblicato il: 15 gennaio 2014 Aggiornato il:
Come funzionano gli schermi curvi di televisori e smartphone? permettono di vedere meglio le immagini?
LG TV schermo curvo La novità tecnologica di questi giorni sono gli schermi curvi che vengono montati sui televisori ed anche sugli smartphone.
I televisori con schermo curvo possiamo già ammirarli nei centri commerciali mentre per gli smartphone bisognerà attendere la vendita di LG Flex e del Samsung Galaxy Round che sono stati appena presentati al Consumer Electronics Show (CES 2014).
Per chi fosse interessato possiamo dare maggiori dettagli su questa nuova tecnologia curva, per capire se offre vantaggi e perchè, parlando di televisori, dovrebbe essere meglio dello schermo normale.

Le superfici curve funzionano bene perchè si basano sulla forma dell'occhio umano, che non è piatto ma rotondo.
La pupilla si muove un po' indietro quando viene spostata di lato mentre sta più avanti quando si trova al centro dell'occhio.
Inoltre la pupilla stessa ha una forma leggermente ricurva come un ovale con due vertici alle due estremità.
Per questo motivo, se la distanza con lo schermo leggermente curvato, che si sta guardando è sempre la stessa, sarà meglio.
I televisori curvi sono realizzati con questa intenzione in mente, per evitare che, quando si guarda un grande schermo, il campo visivo sfumi ai bordi rendendo i colori meno vivaci.
Con uno schermo curvo, teoricamente, mantenendo una distanza sempre uguale dalla pupilla, dovrebbero essere corretti tutti questi problemi.

Il campo applicazione più impressionante della tecnologia a schermo curvo è lo schermo flessibile della TV OLED LG.
In questo televisore è possibile impostare la curva come si vuole, o anche appiattirla completamente.
Questo tipo di versatilità, insieme con le enormi dimensioni dello schermo (55 pollici), sono una combinazione potente che porta sia brillantezza che eleganza.
La concorrenza porterà probabilmente nuove funzionalità a questi televisori, magari con un sistema di calibrazione automatico che rileva il grado di curvatura necessaria a seconda di dove si è seduti.
La vera magia sono i proiettori realizzati per le superfici curve, che possono proiettare immagini abbastanza grandi da impressionare per brillantezza.

Il problema con gli schermi curvi è che soffrono degli stessi sintomi della tecnologia 3D passiva (vedi qui la differenza tra modelli di TV 3D, attivi e passivi).
In pratica, dal punto di vista della qualità dell'immagine, non si noterà alcuna differenza se vista su uno schermo curvo o uno normale a meno che non si dispone di una TV veramente grande o se si sta seduti molto vicini allo schermo.
In sostanza, una TV da 55 pollici curva, oltre che molto costosa (attualmente), non migliorerà di molto l'esperienza visiva anche se potrà essere un oggetto da esibire con fierezza in casa.
Di fatto lo schermo curvo è solo un espediente estetico, a meno che non si acquisti davvero un proiettore o una Tv da 70 pollici o più.

Per quanto riguarda gli smartphone la questione invece è diversa; lo schermo curvo non serve a migliorare la visione delle immagini, ma piuttosto a diversificare le azioni del multitouch e, soprattutto, a creare una forma più ergonomica del cellulare grazie alla forma avvolgente che si aderisce al viso morbidamente.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • serjio
    16/1/14

    Tutto giusto però non è stata menzionata la differenza di qualità dell'immagine su pannelli OLED a mio parere la vera rivoluzione ...