Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come Google aggiorna Andoid per tutti anche senza nuove versioni

Pubblicato il: 14 gennaio 2014 Aggiornato il:
Come Google aggiorna Android su tutti gli smartphone e tablet senza rilasciare nuove versioni del sistema, tramite la sua app Google Play Services
come si aggiorna Android Uno dei difetti principali di Android è sempre stata la sua eccessiva frammentazione, nel senso che esistono tanti modelli di cellulari, ciascuno con una versione diversa dall'altro.
Capita quindi, per fare un esempio, di avere un Samsung Galaxy S3 con Android 4.2, un Galaxy Ace con Android 2.3.6 e un altro modello con Android 4.0.
Se la Samsung non rilascia una versione aggiornata del sistema operativo, gli utenti che hanno un cellulare con Android 4.0 non potranno provare nè la versione Jelly Bean (4.2) nè la versione KitKat (4.4).
In teoria potrebbero sempre installare una ROM Custom Android, ma per farlo è richiesto lo sblocco con root e di smanettare un po'.
Allora, per limitare questa frammentazione, Google ha deciso che gli aggiornamenti di Android siano sempre meno importanti e che le nuove funzionalità siano incluse nelle applicazioni proprietarie di Google stessa.

Questo è il vero piano di Google per combattere la frammentazione Android: aggiornare gran parte del sistema operativo e le sue applicazioni senza passare per i produttori di dispositivi, cellulari o tablet.
Grazie a questo piano, gli smartphone più vecchi, di qualsiasi marca essi siano, compresi quelli cinesi e quelli sottocosto, non diventano subito obsoleti come avveniva invece agli inizi di Android.

Premesso che questo discorso vale dalla versione 4 di Android, abbiamo potuto notare come le ultime versioni, 4.2, 4.3 e 4.4, non sono stati altro che aggiornamenti minori (mentre Android 4.1 è stato importante per aver reso l'interfaccia più veloce).
Prima di questi, quando Android 4.0 Ice Cream Sandwich uscì per sostituire la versione 2.3, portò un'interfaccia compeltamente ridisegnata, miglioramenti delle prestazioni e anche API limitate ad Android 4.0.
Quello è stato un po' il punto di svolta di Android, con alcune applicazioni come anche Google Chrome che non funzionano su dispositivi con la versione Android precedente alla 4.0.
Rispetto ad Android 4.0 e Android 4.1, le versioni più recenti di Android si possono considerare aggiornamenti minori e tutti i dispositivi degli ultimi due anni che hanno queste versioni sono ancora oggi buoni e per nulla obsoleti (a meno che non hanno problemi di memoria limitata).

Per questi cellulari Google aggiorna Android senza cambiare versione al sistema operativo, tramite l'applicazione nascosta e inclusa in tutti i dispositivi, Google Play Services.
Tramite questa app Google riesce a inserire nuove funzioni al cellulare senza passare per il produttore e senza aggiornare il sistema.
Ad esempio, Google ha aggiunto la funzione di gestione dispositivi Android per quasi tutti i dispositivi Android grazie ad un aggiornamento di Google Play Services.
Google ha anche aggiunto la funzionalità di controllo anti-malware sulle applicazioni installate rendendo i dispositivi più sicuri.
Google ha anche aggiunto nuove API per gli sviluppatori per ottimizzare l'uso della batteria dei servizi di geo-localizzazione.

Google ha anche diviso il sistema in più applicazioni rilasciandole sullo store Google Play per tutti.
Ciò significa che molte parti di Android possono essere aggiornate singolarmente installando una nuova applicazione, anche su vecchie versioni di Android.
Per esempio abbiamo visto come sia possibile avere Android 4.4 KitKat su ogni smartphone installando le nuove app Google.
Gmail, Google Calendario, Google Tastiera, Hangouts, Chrome, Google Maps, YouTube, Google+, la ricerca sono tutte le applicazioni che possono ancora essere installate su vecchi dispositivi e che si aggiornano allo stesso modo.
Per capire la differenza tra Android e iOS di Apple, basta pensare che per avere un aggiornamento di un'applicazione di sistema come Posta, Calendario, Messaggi e Safari bisogna attendere una nuova versione del sistema operativo iOS per iPhone o iPad.
Su Android invece queste app predefinite vengono aggiornate tramite lo Store, automaticamente, per tutti.

Ovviamente ci sono cose che non è possibile portare sui dispositivi più vecchi se non con un aggiornamento di sistema come, ad esempio, il supporto più account utente, la riduzione di utilizzo di memoria o i nuovi standard hardware come il Bluetooth 4.0 o LTE.
Tuttavia, questi aggiornamenti di sistema sono sempre meno rilevanti e chi possiede o chi vuol comprare uno smartphone con Android 4.1 o 4.2 non ha nulla da invidiare rispetto a chi ha uno smartphone con la versione 4.4 perchè la maggior parte delle funzionalità sono le stesse.
Se comunque si vuole sempre avere l'ultima versione, il modo più facile è quello di comprare uno smartphone Google della serie Nexus, come il Nexus 5, l'ultimo uscito o il Moto G di Motorola che, come sappiamo, è di proprietà Google.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)