Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

8 consigli su Windows da non seguire che non migliorano il PC

Pubblicato il: 30 ottobre 2013 Aggiornato il:
8 Consigli più sbagliati riguardo il miglioramento delle prestazioni del PC, da non seguire, sicuramente oggi inutili se non anche dannosi
consigli da non seguire su Windows Windows è un sistema operativo molto complesso, grande, di cui la maggioranza delle persone ignora gran parte delle sue funzionalità.
I più curiosi e quelli che ci tengono ad imparare l'uso del computer leggono guide e cercano spesso trucchi o consigli per far andare meglio il PC e spingere Windows al massimo delle sue potenzialità.
In alcuni casi, in blog autorevoli come Navigaweb, si possono trovare utili guide, in altri casi invece si può cadere in cattivi consigli, in roboanti procedure che, nel migliore dei casi, non hanno alcun effetto e danno solo l'illusione di un miglioramento che, in realtà, non c'è.
In questo articolo vediamo i consigli più sbagliati riguardo il miglioramento delle prestazioni del PC, consigli da non seguire, che potevano valere per le vecchie versioni di Windows, sicuramente oggi inutili se non anche dannosi.
Diciamo allora che per migliorare un PC Windows non c'è bisogno di:

1) Cancellare i file nella cache regolarmente accelera il computer le cose
Ccleaner è uno dei programmi più popolari per PC, un tool che serve a cancellare i file inutili dal computer, quelli temporanei ed anche la cache dei programmi usati.
In alcuni casi, Ccleaner può davvero velocizzare un vecchio computer quando vengono cancellate grandi quantità di dati inutili, questo non significa che occorra usare Ccleaner ogni giorno.
Cancellare la cache dei browser o pulire i file temporanei ogni giorno o anche una volta a settimana non darà alcun miglioramento alle prestazioni del computer, anzi si rallenta la navigazione web che non può beneficiare dei file in cache.

2) Attivare ReadyBoost per accelerare i PC moderni
Come spiegato in passato, ReadyBoost è una funzione per migliorare Windows 7 usando una penna USB.
Nei computer moderni comunque, dopo aver usato questa funzione pper un lungo periodo nel mio computer, posso dire che su un PC con più di 2GB di RAM, ReadyBoost è davvero inutile e ininfluente.
Sui PC più vecchi potrebbe forse ancora dare una mano.

3) Deframmentare il disco manualmente
In Windows 98, gli utenti erano obbligati ad eseguire manualmente l'utilità di deframmentazione disco per non vedere il PC rallentare troppo.
Nelle ultime versioni di Windows non c'è più bisogno perchè la deframmentazione del file system sull'hard disk è automatica, quindi non bisogna più usarla.
Tenere presente che se si usa un computer con unità a stato solido, questa non deve mai essere deframmentata.
Vedi anche: Cose da non fare mai su un computer con unità SSD

4) Disattivare il file di paging per aumentare le prestazioni
Quando Windows si esaurisce la memoria RAM, passa i dati su un file di paging scritto sull'hard disk che agisce come memoria virtuale.
Alcuni "geek" e smanettoni di Windows hanno diffuso il consiglio che siccome il file di paging è lento, allora era meglio disabilitarlo ed obbligare Windows ad usare solo la RAM.
Il trucco doveva secondo loro funzionare perchè si basava sul'assunto che Windows non fosse capace di gestire bene la memoria.
In realtà il file di paging è vitale per un computer con poca RAM ed i test hanno dimostrato che disattivando il file di paging non offre alcun miglioramento delle prestazioni.
L'unico caso per cui si dovrebbe rimuovere il file di paging è su un computer con molta RAM e poco spazio disco.

5) Abilitare i core della CPU in MSConfig
Un trucco piuttosto credibile che si trova su alcuni siti spiega che siccome Windows non può utilizzare tutti i core del processore, si può velocizzare il tempo di caricamento del sistema, aumentando in MSConfig la quantità di core utilizzati durante l'avvio.
L'opzione in MSConfig sta nelle opzioni di avvio avanzate.
In realtà però Windows utilizza sempre la massima quantità di core che il processore CPU dispone.
Tecnicamente, un solo core viene utilizzato all'inizio del processo di avvio, ma i core aggiuntivi sono rapidamente attivati successivamente.
L'opzione che consente di impostare un numero massimo di core, quindi, serve semplicemente a limitare la quantità di core utilizzati in avvio.

6) Pulire i dati di Prefetch per aumentare la velocità di avvio
La funzione di Prefetch funziona come una sorta di cache dei programmi che Windows salva nella cartella C:/Windows/Prefetch.
Questo aiuta le applicazioni ad aprirsi più rapidamente.
Alcuni smanettoni di Windows hanno frainteso questa funzione credendo che Windows carichi i file in fase di avvio del computer rallentando il boot del sistema.
In realtà i file di prefetch sono caricati solo all'avvio del programma associato, contendo i dati degli ultimi 128 programmi recentemente lanciati.
Se si pulisse regolarmente la cartella Prefetch, i programmi impiegherebbero più tempo ad aprirsi.

7) Disabilitare o ritardare l'avvio dei servizi Windows
Questo è forse uno dei consigli più gettonati sui blog di tecnologia, tanto che anche su Navigaweb c'è un articolo su come velocizzare il PC Windows disabilitando i servizi di background.
Al tempo in cui Windows era più pesante (Come Windows Vista) ed i computer avevano meno memoria, disabilitare servizi inutili aveva senso.
Oggi, su un PC Windows 8 o Windows 7, con 4 GB di RAM o più, un servizio disabilitato non ha alcuna influenza nelle prestazioni complessive del computer.
Anche l'opzione "Automatico (avvio ritardato)" non accelera davvero il tempo di boot.
Questo perchè i servizi comunque necessari al sistema devono avviarsi quindi ritardandoli si rallenterà il caricamento di Windows.
La funzione "Avvio ritardato" è utile soprattutto per gli amministratori di sistema che hanno bisogno di creare una dipendenza tra un servizio ed un altro.

8) Disabilitare QoS per aumentare la banda di rete e attivare l'opzione delle finestre delle cartelle in un processo separato sono due degli altri celebri trucchi inutili per Windows già spiegati in passato.

In altri articoli, per i veri smanettoni, possiamo trovare cose che funzionano:
- Velocizzare Windows 7, 8 e Vista con 10 opzioni nascoste
- Windows 7 super veloce con modifiche di sistema e disabilitando servizi, funzioni e opzioni inutili
- Rendere Windows 8 più veloce possibile

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)