Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come collegare dischi al PC via USB: adattatori SATA, case e docking station

Pubblicato il: 28 febbraio 2013 Aggiornato il:
Come attaccare un disco vecchio ad un computer, dall'esterno: usando adattori USB-SATA, Case o custodie e Docking Station Hard disk
Docking Station hard disk USB Una volta si collezionavano cd, poi sono diventati DVD e oggi nei cassetti e negli armadi iniziano a fare la loro comparsa veri e propri Hard Disk, ossia dischi fissi che erano dentro computer vecchi.
Il fatto è che ormai la maggior parte delle persone ha cambiato almeno 3 o 4 computer quindi è facile che abbia conservato i dischi dove sono memorizzate forse le foto digitali diventate ormai tantissime, la musica, la collezione di film o di videogiochi.
Dopo aver spiegato come si possano combinare più dischi in un solo unico volume, vediamo adesso come si fa a collegare un hard disk al computer per accedere ai dati, anche temporaneamente, dall'esterno, senza doverlo innestare dentro.
Sapere questo è anche importante per recuperare velocemente i dati di un computer rotto o per usare diversi hard disk come fossero CD, senza dover aprire tutto il PC (a meno che ovviamente non sia danneggiato proprio il disco fisso).
Cercare di trapiantare su un computer il disco di un altro PC inolrte può presentare problemi pratici di diverso tipo.
Bisogna infatti vedere se c'è lo slot libero in cui inserirlo all'interno del Case, bisogna controllare che tipo di attacco ha e se è compatibile col cavo del computer e che tipo di interferenza può provocare.

Disco con attacco SATA La prima cosa da sapere è che gli hard disk dei computer sono di due tipi: quelli IDE sono modelli più vecchi mentre quelli SATA sono quelli in vendita attualmente.
La differenza è nel tipo di attacco; molto lungo per i dischi IDE, più piccolo per i dischi SATA o Serial ATA.
Ci sono poi dischi da 2,5" e da 3,5".
Dopo aver estratto il vecchio disco, la prima cosa da fare è identificarlo.
I dischi 2,5" (2.5 "si riferisce alla larghezza del disco) sono quelli dei computer portatili che hanno in genere meno di 1 centimetro di spessore; quelli da 3,5" sono invece i dischi dei PC desktop ed hanno circa 3 centimetri di spessore.
I dischi SATA, qualsiasi dimensione abbiano, sono comunque tutti con lo stesso attacco quindi possono essere facilmente collegati a qualsiasi PC o portatile anche tramite adattatore USB-SATA.
cavi adattatori SATA Un hard disk può essere trattato come un disco esterno senza problemi.
Un disco IDE invece ha un attacco con 2 lunghe file di pin e per collegarlo ad un PC sarà quasi sicuramente necessario un adattatore.
La soluzione più semplice per collegare qualsiasi hard disk ad un computer quindi è munirsi di economico adattatore USB (vedi su Amazon)
Ci sono anche adattatori universali capaci di gestire sia i dischi IDE che quelli SATA.
Esistono anche connettori chiamati eSATA usati per gli hard disk esterni ma non è granché efficiente perché manca di alimentazione elettrica.

Da quanto detto si capisce abbastanza bene che un hard disk è sempre uguale, sia esso interno che esterno.
L'unica cosa in più che si compra quando si acquista un disco rigido esterno è il case, la scatola che contiene l'hard disk.
Quindi, se si avesse un vecchio disco e lo si volesse trasformare in un hard disk esterno, non bisogna fare altro che comprargli una custodia con attacco USB che si trova abbastanza facilmente Su Amazon a 20 Euro circa.
In alternativa, se si dispone già di un disco esterno, lo si può tranquillamente smontare, estrarre dal case ed inserire un altro hard disk, magari temporaneamente per accedere ai dati.
Se anche non fosse delle stesse dimensioni lo si può lasciare aperto per l'occasione.

Una terza soluzione assolutamente innovativa ed interessante se si hanno diversi hard disk vecchi che possono ancora essere usati è l'acquisto di una "Docking Station" (vedi immagine in alto)
Si tratta di una specie di "mangiacassette" che si collega al computer ed in cui si possono inserire e disinserire hard disk velocemente.
I modelli sono disponibili sia per unità di tipo IDE che di tipo SATA e alcuni possono anche gestire due unità alla volta cosa utile se si vuol fare la copia di uno sull'altro in modo diretto (un po' come se si faceva con lo stereo a doppia cassetta o col videoregistratore).
Personalmente, ho circa 4 dischi SATA di varie dimensioni, in cui sono salvate foto, video e musica oltre che vecchi backup dei computer.
Al momento li collego al computer con un adattatore oppure posso usare il case che li trasforma in hard disk multimediale (con un software di gestione da usare per vedere film alla TV).
Penso comunque che la soluzione più comoda sarebbe certamente il dock per hard disk, più semplice e senza cavi.
Il costo di una Hard Disk Docking Station USB può andare dai 20 ai 60 Euro circa (su Amazon ci sono).

In un altro articolo è inoltre spiegato come installare un secondo hard disk dentro il computer, cosa ideale per fare backup automatici.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • felix
    20/11/15

    salve, se compro un adattatore sata con due cavi usb (uno per l'alimentazione, l'altro per collegarlo alla porta usb del pc), posso collegare un hd ad un altro pc?
    lo chiedo perchè vorrei fare la formattazione a basso livello di un hd e devo collegarlo ad altro pc.
    grazie