Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Come usare Ccleaner: 10 trucchi e funzioni nascoste per diventare esperto

Pubblicato il: 2 gennaio 2013 Aggiornato il:
10 trucchi e suggerimenti utili per usare le funzioni nascoste di Ccleaner ed usare al meglio lo strumento di pulizia
Guida Ccleaner Tutti conoscono CCleaner, forse uno dei programmi più utilizzati sia dagli esperti che dagli "ignoranti" dell'informatica, sia sui computer di casa che su quelli aziendali e degli uffici, anche perchè completamente gratuito.
Ccleaner, che non ha bisogno certamente di ulteriore pubblicità, è uno dei programmi di manutenzione per Windows più affidabili e potenti, capace di fare pulizia sul disco e cancellare le tracce di dati temporanei, i file obsoleti e le chiavi di registro invalide senza creare problemi di stabilità al sistema.
Tutto funziona con un solo pulsante per avviare l'analisi e correggere i problemi.

Ccleaner però nasconde anche una varietà di funzioni e vale quindi la pena scrivere una guida per spiegare come usarlo bene, per automatizzare i processi di pulizia e per aumentare le zone del computer in cui cercare file spazzatura..
In questo articolo, vediamo come usare Ccleaner in modo più esperto e sfruttare il massimo da questo piccolo grande software.

1) Selezionare cosa eliminare
CCleaner cancella moltissimi dati per impostazione predefinita, ma si potrebbe voler evitare, ad esempio, di cancellare la cache del browser usato per navigare su internet.
Tutti i browser salvano alcuni file ogni volta che si visita un sito web in modo da velocizzare la navigazione in futuro.
Quando si rivisita un sito, questo viene caricato più velocemente se le immagini e altri file sono memorizzate nella cache del sistema e nei cookie.
La cancellazione di questi dati libera spazio, preserva la privacy impedendo ad altri occhi di vedere quali siti erano stati visitati nei giorni scorsi, ma rallenta la navigazione web e costringe gli utenti a dover riscrivere le password salvate o reimpostare la configurazione delle applicazioni web.
Il consiglio è quello di levare la crocetta a "password salvate" e "cookie" (sui cookie però, vedere punto 2) se non si vogliono perdere i salvataggi di eventuali web apps usate.

Nella sezione Windows, sotto le voci relative a Internet Explorer, ci sono altre opzioni che vale la pena considerare di togliere dalla pulizia.
Ad esempio la Cache delle anteprime di Esplora Risorse, che tiene in memoria le miniature delle immagini salvate nelle cartelle, può non essere conveniente da svuotare anche perchè, per ricreare tale cache ci vorrà parecchio tempo.

Molte altre opzioni possono creare dubbi:
Basti pensare che MRU sono gli elementi recenti usati dai programmi, che non occupano spazio e, a meno di problemi di privacy, conviene deselezionare.
Si possono inoltre rimuovere dalla pulizia: le password di rete, la cache dei font, la cache DNS, i collegamenti del Menu Start e sul desktop, la cache posizione e dimensione finestre.

2) Escludere Cookies importanti
CCleaner cancella tutti i cookie per impostazione predefinita, ma, come detto sopra, sarebbe meglio mantenerli per evitare la perdita di configurazioni personalizzate dei siti web più visitati.
Pur lasciando i Cookie selezionati nelle regole di pulizia, andare nella schermata delle Opzioni e scegliere quali cookie conservare.
Ad esempio, i cookie di siti come Google.it, Facebook.com, Navigaweb.net o altri siti preferiti possono essere spostati nella colonna di destra selezionandoli e premendo il pulsante con la freccia.

3) Attenzione al Pulitore di Registro
CCleaner include il pulitore di registro, il cui uso però è assolutamente sconsigliato.
Il registro di Windows contiene centinaia di migliaia di voci quindi la rimozione di un qualche centinaio di tali elementi non darà alcun beneficio.
Anche se Ccleaner è molto attento e affidabile, i pulitori di registro possono accidentalmente rimuovere importanti chiavi creando quindi danni al sistema.
Un discorso più ampio è stato fatto nell'articolo "Pulitori di registro (Registry Cleaner): più problemi che benefici".
Detto questo, CCleaner è uno di quelli più sicuri e prima di rimuovere qualsiasi cosa chiede di creare un backup per ripristinare le voci di registro eliminate nel caso di problemi.

4) Gestione programmi di avvio automatico
Tra le parti più importanti di Ccleaner c'è, nella sezione Strumenti, quella con le opzioni di Avvio.
Essa comprende non solo la possibilità di deselzionare i programmi che si avviano automaticamente all'avvio di Windows ma anche altre cose importanti come i plugin e le estensioni dei browser, i processi pianificati e le voci del menu contestuale.
In particolare è interessante la possibilità di poter disabilitare i componenti aggiuntivi da Internet Explorer e di poter disabilitare alcune opzioni inutili dal menu contestuale che compare quando si preme il tasto destro del mouse.
Ogni voce può essere semplicemente disabilitata e non eliminata in modo permanente così diventa possibile riabilitarla quando si vuole.

5) Pulire Dischi con la "Bonifica Drive"
Quando Windows o un altro sistema operativo elimina un file, in realtà non lo cancella dall'hard disk, semplicemente elimina i puntatori al file dicendo al sistema che quello spazio può essere sovrascritto.
I programmi di recupero file possono ricreare tali puntatori e rendere di nuovo accessibili ed utilizzabili tali file anche se sono stati cancellati dal cestino.
CCleaner può cancellare definitivamente tali file tramite lo strumento di bonifica dello spazio libero che permette, effettivamente, di liberare un sacco di spazio dal disco.
La bonifica spazio libero è anche una delle voci avanzate della sezione Pulizia in Ccleaner, se si vuole che questa operazione sia frequente (però in questo modo la pulizia dei file ci mette molto più tempo).
Maggiori dettagli su questa operazione sono nell'articolo "Cancellare lo spazio libero del disco e rendere non recuperabili i file".

6) Eliminare in modo sicuro i file
È possibile eliminare i file in modo sicuro utilizzando lo strumento di cancellazione di Cleaner su ogni file che si cancella da Windows.
In opzioni -> impostazioni, si può selezionare il tipo di cancellazione Sicura con sovrascrittura ad un passaggio tenendo però conto che, in questo modo, ogni eliminazione sarà più lenta.
Questa opzione è utile solo per motivi di privacy.

7) Includere cartelle file e programmi alla lista di pulizia.
Se si utilizza un programma che non è incluso nella lista delle applicazioni CCleaner, o si vuole che una cartella venga svuotata regolarmente, è possibile aggiungerle alle regole di pulizia di Ccleaner.
Per aggiungere una cartella personalizzata, aprire la sezione Opzioni e utilizzarle nella scheda Includi.
Fare attenzione però ad aggiungere cartelle o file a questa lista altrimenti potrebbero cancellarsi dati importanti.
Scaricando un file aggiuntivo, è possibile aggiungere nuove regole di pulizia a Ccleaner in modo rapido e semplice.

8) Escludere file
Allo stesso modo, se CCleaner dovesse andare a cancellare qualcosa che non si vuol eliminare, si può creare un'eccezione e specificare una cartella come esclusione.
È possibile escludere un intero disco, una cartella, un file o una singola chiave di registro.
Andare quindi in Opzioni -> Esclusioni ed aggiungere cartelle o file che non devono essere toccate in nessun modo.

9) Gestione Programmi Installati
CCleaner ha, tra gli strumenti, il gestore dei programmi installati che ha qualche funzione in più rispetto il disinstallatore predefinito nel Pannello di controllo di Windows.
È inoltre possibile salvare l'elenco dei programmi installati in un file di testo per tenerne memoria o cancellare voci di programmi disinstallati male.

10) Programmare la pulizia con Ccleaner
Come visto in un'altra guida, è possibile effettuare una pulizia del disco automatica con Ccleaner creando un nuovo collegamento sul desktop con destinazione il comando C:\Program Files\CCleaner\CCleaner.exe /AUTO /SHUTDOWN che, quando premuto, spegne il computer facendo la pulizia dei file.

Chi non l'ha mai usato, può scaricare l'ultima versione di Ccleaner dal sito ufficiale.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
Un Commento
  • Aryetti
    10/4/15

    L'articolo è stato utile e semplice, mi resta però il dubbio se basti escludere la cartella dei preferiti dalla rimozione in CCleaner per evitare che ogni volta mi riordini la cartella secondo l'ordine alfabetico (e comunque, non dovrebbe essere che aggiungendo la specifica cartella CCleaner NON la svuota? L'opzione a cui mi riferisco dice proprio "ESCLUSIONI Seleziona file, cartelle e voci di registro che CCleaner escluderà dalla rimozione" ma a me più che non venire rimossa interessa che non venga proprio calcolata da CCleaner, che in genere me la riordina secondo l'ordine alfabetico).
    Ringrazio in anticipo. Saluti.