Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Creare un profilo Facebook professionale per cercare lavoro

Pubblicato il: 2 novembre 2012 Aggiornato il:
Linee guida per ripulire il profilo Facebook e renderlo professionale e interessante per il datore di lavoro
profilo lavoro Facebook Facebook è uno strumento internazionale per farsi trovare su internet cosa che ha i suoi vantaggi ed anche alcuni svantaggi.
Tutte le volte che si conosce una nuova persona, si va subito a controllare il suo profilo Facebook per vedere cosa scrive e cosa fa nella vita.
Se quindi ci si candida per un posto di lavoro è facile immaginare come il datore di lavoro, incuriosito dal curriculum, vada ad approfondire la conoscenza cercando il nome su Facebook e sbirciando tutto quello che è pubblicamente visibile.
Facebook, essendo uno strumento di indagine formidabile, può quindi diventare un problema per chi cerca lavoro.
Al contempo però può essere sfruttato in modo furbo per impressionare chi lo guarda.

Se si sta cercando lavoro è quindi importante, secondo me, tenere un profilo Facebook semi-professionale trovabile e visibile, che sia visibile pubblicamente solo nelle sue parti migliori, nascondendo e bloccando ogni tipo di aggiornamento opinabile o sconveniente.
Si tratta quindi di migliorare il profilo pubblico scrivendo cose intelligenti e, al contempo, usare le impostazioni di privacy per mostrare gli aggiornamenti di stato, le opinioni personali o polemiche e le foto solo agli amici più stretti.

Il trucco sta nel tenere protetti tutti i nuovi aggiornamenti di stato di default, in modo che non siano visibili pubblicamente e solo quando si scrive qualcosa di intelligente che non riguardi sport, politica o rapporti romantici, pubblicare con visibilità pubblica.
Inoltre, per far risaltare gli aggiornamenti di stato "seri", conviene anche evidenziarli sul diario premendo il tasto con la stellina che porta la notizia in evidenza.
Per impedire che tutti gli aggiornamenti siano pubblici basta andare nelle impostazioni di privacy e cambiare la parte centrale mettendo su "Amici" o "Personalizzati"
Una volta fatta questa modifica, si può sempre rendere pubblico un contenuto pubblicato sul proprio profilo cliccando sul menu a tendina "Amici" o "Personalizzato" accanto al pulsante Pubblica.
Negli aggiornamenti pubblici occorre evitare di dire parolacce, di fare errori grammaticali o di ortografia, schierarsi troppo apertamente dal punto di vista politico o religioso, lanciare slogan da stadio ed evitare di scrivere frasi che possono urtare la sensibilità di chi le legge.
In questo modo si può apparire su Facebook come una persona intelligente ed equilibrata e si evita ogni possibilità di risultare antipatici a possibili datori di lavoro.
Certamente, evitare di lamentarsi del lavoro attuale o del capo ufficio delle precedenti esperienze lavorative.

Tutti questi credo siano buoni consigli per chi sta cercando lavoro e sfruttare Facebook a proprio vantaggio.
Ma come si fa se in passato sono stati scritti tanti contenuti e aggiornamenti di stato non proprio professionali?
Non è necessario andare a cancellare e controllare ogni contenuto scritto perchè, per fortuna, c'è un'opzione sulle impostazioni della privacy di Facebook per bloccare la visibilità pubblica dei vecchi post.
Basta quindi cliccare dov'è scritto Gestisci la visibilità dei vecchi post per coprirli e non farli vedere a chi non è amico.

Una volta ripulito il profilo, sono importanti 6 cose:
- Avere nome e cognome veri senza soprannomi strani.
Bisogna rendere facile agli altri di trovare il proprio profilo Facebook quindi è importante usare il proprio nome vero.
Per scegliere il nome utente, cliccare sul menù delle Impostazioni account e fare la modifica nelle Impostazioni generali.

- Avere una foto del profilo, sempre visibile a tutti, che sia informale, anche sorridente, ma comunque con espressione intelligente.
Lo stesso discorso vale per la copertina del diario.

- Rendere il proprio profilo cercabile a tutti.
Se si vuol usare Facebook a proprio vantaggio quindi non bisogna assolutamente nascondersi ma apparire al meglio e farsi trovare.
Dalle impostazioni della privacy, cliccare sul tasto modifica accanto la scritta: "Inserzioni, applicazioni e siti Web" e consentire la ricerca pubblica.
Il vantaggio è quello di usare Facebook come fosse un sito personale, ottenendo pubblicità gratuita per se stessi.
Se il futuro datore di lavoro vorrà cercare il nome del candidato su Facebook, potrà ttrovare un profilo pulito e professionale, e non avrà motivi nè pretesti per rifiutare un colloquio o un'assunzione.

- Tenere aggiornata la storia professionale
Facebook non è assolutamente simile a Linkedin è non è progettato per creare rapporti di lavoro.
Resta il fatto però che su Facebook si possono scoprire più cose di una persona che in qualsiasi altro modo.
Nella sezione delle informazioni generali del profilo è possibile compilare il proprio curriculum con gli studi fatti e le esperienze di lavoro precedenti che diventa importante tenere aggiornate.
La cosa buona è che per ogni esperienza professionale o studio aggiunto, si può impostare una visibilità diversa quindi, se si preferisse tenere privata qualche informazione, è possibile farlo.
In un altro articolo, è spiegato nel dettaglio

- Fare attenzione a cosa si condivide con i Mi piace leggendo la guida su come nascondere "Mi piace" e informazioni personali sul diario Facebook

- Controllare i tag sulle foto è sempre consigliato, a maggior ragione se si vuol rendere il proprio profilo più professionale e serio.
Oltre ad impedire che si possa venir taggati in situazioni sconvenienti, bisognerebbe anche modificare la visibilità delle foto già pubblicate (vedi guida privacy di Facebook).

Non conviene quindi cancellarsi da Facebook magari per creare un nuovo profilo super protetto perchè Facebook può essere usato furbescamente per apparire una persona migliore.
Non è che bisogna usare Facebook come fosse Linkedin, il social network del lavoro, perchè si tratta di strumenti completamente diversi, ma si può comunque trarre un vantaggio d'immagine non indifferente.
Ovviamente poi, tutto questo vale anche per altri profili di social network come Twitter e Google+.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)