Navigaweb.net
Programmi Sicurezza Windows Guide PC iPhone Android Immagini Musica Rete Facebook Giochi Windows 8

Data:

Come usare il task manager Il Task Manager di Windows rappresenta lo strumento di primo soccorso per la risoluzione dei problemi.
Come visto, se il pc si blocca o se il computer va lento, la prima cosa da fare è aprire il task manager e controllare se c'è un processo o un programma che sta occupando troppa CPU o troppa memoria.
In Windows 7, il task manager è stato chiamato, in italiano, Gestione attività ed è un po' più potente rispetto quello di Windows XP.
Ci sono diverse cose che è possibile controllare sul Task Manager di Windows 7 ed è quindi interessante guardare i diversi trucchi meno conosciuti per svolgere attività di diverso tipo con la "Gestione Attività".

Per aprire rapidamente il Task Manager, cliccare col tasto destro sulla barra delle applicazioni e selezionare "Avvia Gestione Attività".
Si può anche aprire il task manager premendo Ctrl + Shift + Esc.
Non si tratta proprio di trucchi speciali, ma di 10 modi di usare la Gestione Attività su Windows 7 per scoprire cosa fa il computer, per vedere come utilizza le sue risorse e per usare gli strumenti che mette a disposizione.

1) Organizzare e muovere finestre
La scheda Applicazioni del Task Manager di Windows mostra le finestre dei programmi aperti.
Facendo un click col tasto destro su una di esse si può minimizzare o massimizzare, mostrare o nascondere la finestra.
È anche possibile, e questo è il trucco, selezionare più finestre tenendo premuto CTRL e poi premere col tasto destro su una di esse per attivare le altre opzioni ed affiancare in verticale o orizzontale o sovrapporre le finestre selezionate.

2) Vedere quali applicazioni hanno usato più potenza del processore (CPU).
La scheda Processi mostra l'uso che i processi attivi fanno delle risorse del computer, in tempo reale.
Per vedere quali processi hanno usato più CPU sul computer si deve abilitare la colonna Tempo che è nascosta.
Premere allora sul menù Visualizza, poi su "Colonne" e selezionare quella Tempo (CPU).
Cliccare sulla colonna Tempo CPU per ordinare i processi in base al tempo in cui hanno impiegato più risorse.
Esso non indica il tempo da quando quel processo è attivo ma per quanto tempo è stato quello che ha consumato più risorse.
Il primo sarà sempre il processo di inattività.
Questo indica comunque solo le risorse CPU utilizzate dai programmi in esecuzione e non dai programmi già chiusi.

3) Gestire le priorità dei processi
Windows elabora delle priorità per definire l'importanza di un processo rispetto ad un altro.
Un processo ad alta priorità diventa il primo ad usare la CPU quando ne ha bisogno mentre uno a bassa priorità dovrà attendere il suo turno, con la percentuale di CPU che rimane disponibile.
Se si vuole che un'applicazione abbia alta priorità, la si può modificare nel Task Manager.
Dalla scheda processi in Gestione Attività, premere col tasto destro su un processo, ed impostare una priorità.
Per trovare rapidamente il processo legato ad un programma aperto, cliccare col tasto destro sull'applicazione nella scheda Applicazioni del Task Manager e selezionare Vai al processo.
Giocando con le priorità abbiamo visto in altri articoli alcuni programmi e strumenti per Velocizzare l'esecuzione dei programmi ad alta priorità su Windows.

4) Nei computer multi-core, si può limitare l'uso dei processori per alcune applicazioni.
Windows assegna ad ogni processo la possibilità di utilizzare tutte le CPU. Tuttavia, alcuni programmi e specialmente i videogiochi più vecchi, non funzionano correttamente se devono girare su tutti i core della CPU.
Per limitare una l'uso delle risorse ad una sola CPU per un programma, cliccare sul processo e selezionare Imposta affinità e scegliere quali CPU devono eseguire quel processo.

5) Modificare le impostazioni di compatibilità
Se un'applicazione o un programma non funziona in Windows 7, si può provare ad eseguire tale programma con le impostazioni di compatibilità direttamente dal Task Manager.
Basta selezionare un processo, cliccare col tasto destro e selezionare Proprietà per attivare la modalità Compatibilità.

6) Vedere a quale servizio è collegato un processo.
Nel Task Manager di Windows 7, se si clicca su un processo col tasto destro, si può premere su "Vai a Servizi" per trovare quello che ne è responsabile.
Questo è particolarmente utile per vedere cosa c'è dietro ogni singolo processo "svchost.exe" e vedere quale servizio occupa più CPU.
E' anche possibile il percorso inverso, nella scheda Servizi, scoprire quale processo ne è legato (click col tasto destro e poi su "Vai a processo").
Per saperne di più si può leggere l'articolo Che cosa è svchost.exe e come trovare il servizio che usa il 99% della CPU.

7) Icona di monitoraggio CPU sulla barra delle applicazioni.
Il Task Manager può essere utilizzato per monitorare l'utilizzo della CPU in tempo reale dall'icona vicino l'orologio.
Quando si apre Gestione attività, si può notare un'icona verde che si riempie in base all'uso della CPU.
Se si vuole mantenere quella notifica facendo però sparire la finestra del task manager, si deve premere su Opzioni ed abilitare "Nascondi se ridotto a icona".
Ora si può iconizzare il task manager e nasconderlo, mantenendo l'icona di monitoraggio.
Se l'icona fosse nascosta, premere sulla freccetta verso l'alto sull'angolo a destra del desktop, premere sul quadrato verde del monitoraggio risorse e trascinarlo, tenendo premuto, accanto l'orologio.

8) Inviare un messaggio ad un altro utente connesso
Nella scheda Utenti del Task Manager sono indicati tutti coloro che stanno usando il computer, anche da remoto.
Soprattutto nelle aziende e negli uffici, può accadere che più persone contemporaneamente si colleghino allo stesso server da postazioni differenti in remoto e possono così inviarsi messaggi.

9) Dal Task Manager si può entrare nel Monitoraggio risorse dal pulsante sulla scheda Prestazioni.
In un altro articolo la guida all'uso del monitoraggio risorse in Windows 7 per analizzare i processi.

10) Vedere la velocità della rete.
Nella scheda Rete, si può abilitare, nel menu Visualizza -> Colonne, il controllo in tempo reale della velocità effettiva dei byte inviati e ricevuti.

Con Windows 8 il task manager avrà ancora più funzioni, è stato completamente ridisegnato e sarà sicuramente spiegato in futuro.

Se non si fosse soddisfatti del Task manager standard, si può sempre installare uno dei programmi per gestire processi e attività su Windows in modo potenziato.


Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.