Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Disabilitare il "Core Parking" per sfruttare la CPU al massimo

Pubblicato il: 16 luglio 2012 Aggiornato il:
Cosa significa CPU Parked e come utilizzare al massimo i Core della CPU tenendoli sempre attivi.
Sfruttare la CPU al massimo Sui computer con Windows 7 e Windows Server 2008 c'è una funzionalità abbastanza sconosciuta chiamata "Core Parking" o, in italiano, Parcheggio dei nuclei.
Questa è un'impostazione di risparmio energetico per cui, su un pc dotato di processore multi-core, alcuni nuclei vengono temporaneamente disattivati quando il carico sul sistema è basso.
Questa funzionalità si attiva ogni volta che si sceglie una combinazione di risparmio energetico diversa da quella delle prestazioni massime, dove il Core Parking è disattivato per impostazione predefinita (vedi le Nelle opzioni avanzate di rispamio energetico di Windows 7).

Se si lavora in un ambiente dove non c'è problema di risparmio energetico e di calore e si usa il computer per videogiochi, programmi di grafica o altri programmi più pesanti che sfruttano molto il processore, può essere una buona idea sfruttare al massimo la CPU, disabilitando il Core Parking.

Si può notare che i Core del proprio processore vanno in stato Parked, aprendo il Monitoraggio risorse di Windows 7, alla scheda CPU, notando l'uso dei Core sul lato destro della finestra.
Il sistema di risparmio energetico di Windows 7 attiva e disattiva i Core della CPU in modo quasi istantaneo; siccome però l'utilizzo della CPU, di solito, si verifica in periodi molto brevi, il passaggio da Parked a non Parked può influire sulle prestazioni generali.
C'è poca documentazione su questa funzionalità, comunque sia, quello che è certo, è che disattivando il parcheggio dei Core della CPU si assicura uno sfruttamento completo del processore che, di conseguenza, dovrebbe aumentare le prestazioni complessive del computer.
L'unico effetto collaterale è un maggior consumo di energia e di calore che, in un periodo estivo, può non essere desiderabile.

Visto che Windows non ha alcun modo di attivare o disattivare il Parking Core manualmente, senza andare a modificare chiavi di registro, si può utilizzare un programma automatico.

Prima di tutto, Microsoft ha fornito un hotfix per i computer con processori che usano l'architettura AMD Bulldozer, (Serie AMD FX, AMD Opteron 4200 e AMD Opteron 6200) perchè su questi processori il sistema di parcheggio dei core non è ottimizzato e può ridurre le prestazioni.
L'hotfix permette di disattivare lo stazionamento dei Core selettivamente.

Su tutti i computer si può utilizzare invece il piccolo tool automatico chiamato Unpark CPU.
Con questo programma, che non richiede installazione, si può verificare (Check) se i nuclei del processore sono parcheggiati e si può scegliere di disattivare il Parking su tutti o solo su alcuni core.
Per modificare lo stato "parked" su un singolo core, selezionarlo e premere su Unpark.
È necessario riavviare il PC dopo, prima che le modifiche abbiano effetto.

Un programma simile, più utile sui portatili, è invece Park Control (32bit e 64bit) che permette di attivare o disattivare la funzionalità dei core parcheggiati in Windows 7 a seconda del piano energetico usato e se il computer è alimentato a batteria o attaccato alla rete elettrica.
Può essere quindi una scelta ottimale quella di disabilitare il Parking Core quando il computer è attaccato con la spina ad una presa di corrente ed attivarlo invece per risparmiare batteria ed evitare che si esaurisca presto.
Ogni cambio fatto con Park Control è immediatamente attivo e non serve riavviare il computer.

Questi non sono strumenti sperimentali, anche se si agisce sulla CPU, non ci sono controindicazioni diverse da quelle segnalate nell'articolo (aumento calore e consumo energetico).
Si può provare quindi a vedere se le prestazioni migliorano e di quanto nell'utilizzare il pc con un videogioco o un programma che consuma molta CPU.

In altri articoli ricordo comunque che:
- Si possono evitare rallentamenti di Windows e l'uso della CPU al 100%
- Si può velocizzare l'esecuzione dei programmi ad alta priorità su Windows
- Con alcuni semplici tool si può fare l'overclock di processore (CPU) e scheda video (GPU).

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)