Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Immagini Giochi

8 Modi per rendere Chrome più veloce ad aprire siti

Ultimo aggiornamento:
8 trucchi per velocizzare Google Chrome e diminuire il consumo di memoria sul computer
Chrome veloce Senza mettersi a fare misurazioni al nanosecondo per vedere quale browser è più veloce ad aprirsi, penso che nessuno possa obiettare il fatto che Google Chrome sia, attualmente, quello che risponde meglio, il più reattivo.
Nello stesso tempo però è anche vero che Chrome sta iniziando a diventare un po' pesante sul computer, soprattutto se ci sono tante schede aperte e tante estensioni installate.
Il programma, quindi, in un primo momento corre, poi comincia a rallentare dopo un utilizzo intenso.
Il fatto è che Google Chrome apre ogni nuova scheda in un processo dedicato, quindi, soprattutto sui computer di fascia bassa o più vecchio, ha dei cali di prestazione evidenti quando ci sono tante schede aperte.
In questo post vediamo alcuni suggerimenti per far rimanere Chrome veloce e reattivo senza rallentamenti e con minor consumo di memoria.

LEGGI ANCHE: Come Velocizzare Google Chrome se lento o pesante

1) Eliminare tutti quei dati che vengono salvati nella cache dei file temporanei, che si accumulano nel tempo.
Il browser, quando carica un sito, cerca se esso o parti di esso sono presenti in Cache per caricarlo più rapidamente.
Se però tale cache è molto grande e piena di dati salvati dalla cronologia di navigazione, questo processo tende a rallentare Chrome.
Il problema è più evidente per chi naviga su tanti siti diversi ogni giorno e meno per chi apre sempre gli stessi senza fare troppe ricerche.
Cliccare la piccola icona della chiave inglese in alto a destra di Google Chrome, entrare nelle Impostazioni, cliccare su "avanzate" e, nella sezione "Privacy" Premere su Cancellare i dati di navigazione.
Prima di confermare l'eliminazione, selezionare solo l'opzione "Svuota Cache" per mantenere gli altri dati salvati.
Dopo che si vuota la cache, Chrome dovrebbe occupare meno memoria ed avere migliori prestazioni anche se i siti web possono aprirsi leggermente più lentamente, almeno la prima volta.
Se il computer ha molta memoria RAM, questo trucco non è necessario.

LEGGI ANCHE: Cancellare cache ed eliminare cookie su Firefox, Chrome, Safari, IE

2) Ricominciare da zero ogni nuova sessione di navigazione.
Molte persone scelgono di avviare Google Chrome con le stesse schede che erano aperte nella sessione precedente.
Se il browser stava occupando tutta la RAM nella sessione precedente, riavviare il browser con la stessa sessione porterà lo stesso problema.
Inoltre, per lo stesso motivo, è necessario chiudere il browser ogni volta che la sessione rallenta perchè le schede aperte tendono ad aumentare il consumo di memoria nel tempo.

LEGGI ANCHE: Apri Chrome e Firefox super veloce senza estensioni e plugin esterni

3) Far iniziare Chrome con una pagina vuota.
Soprattutto su PC meno potenti, è possibile ridurre ulteriormente la memoria consumata da Chrome se nelle opzioni generali si sceglie di caricare la pagina Nuova Scheda all'avvio.
Ancora meglio, si può aprire una pagina completamente vuota usando l'estensione Empty New Tab Page.

4) Chiudere le schede per riaprirle quando servono
Dopo aver aperto 10 o più siti insieme, chiudere quelli che non servono per diminuire il consumo di RAM.
Ogni volta che si chiude una scheda, si libera un po 'di memoria del computer e quelle che rimangono aperte saranno più veloci a ricaricarsi ed a navigare.
Ricordo che da Chrome 15 con la nuova scheda iniziale, è presente in basso il pulsante "Riapri schede Chiuse" in cui vengono memorizzate le pagine web visitate di recente per riaprirle velocemente.
Anche nel menu opzioni, andando in cronologia, si possono riaprire le ultime schede chiuse.
Si possono riaprire le schede chiuse anche premendo insieme i tasti CTRL Maiusc T.
Si può inoltre usare l'estensione Native Laxy Tabs per riaprire tutte le schede che erano rimaste aperte nell'ultima sessione, caricando però solo il sito della scheda in vista, lasciando quindi le altre pronte a caricarsi solo se cliccate.
In questo modo Chrome si avvia veloce anche se si riprende a a navigare dai siti aperti l'ultima volta.

5) Rimuovere estensioni inutilizzate
Sul Chrome Web Store ci sono migliaia di estensioni che fanno un po' di tutto.
La tentazione di installarne il più possibile è molto forte ma bisogna resistere e, anzi, disinstallare quelle che non si usano mai.
Il problema è che ogni estensione (non le applicazioni) usa un po' di memoria quindi, se sono troppe, già all'apertura di Chrome il browser diventa pesante, anche senza aver caricato nessun sito.
In particolare ci sono estensioni che possono non essere ottimizzate e consumare più del necessario.
Conviene allora disattivare tutte le estensioni (dalla chiave inglese, menu strumenti) e riattivarle una per una vedendo, nel task manager interno di Chrome (premere Maiusc-Esc), quanta memoria consumano.
Quelle più pesanti conviene rimuoverle.
Se possibile, conviene non attivare più di 5 estensioni insieme.
Il mio consiglio è di installare Context per creare gruppi di estensioni su Chrome in modo da attivarle selettivamente quando si ha bisogno.

6) Estensione consigliata per rendere Chrome veloce.
Come già scritto in un altro articolo, L'estensione che tiene Chrome leggero e veloce senza ammazzare il PC è The Great Suspender, che sospende le schede inattive dopo un certo periodo di tempo recuperando memoria automaticamente per quelle più recenti.
Provare anche con Better Chrome, che aggiunge diverse opzioni in più per ottimizzare l'utilizzo del browser.
Non lo renderà più veloce ma si possono attivare molte funzioni aggiuntive per migliorare la navigazione ed essere più efficienti.

7) Usare i bookmarklet al posto delle estensioni quando possibile.
I Bookmarklet sono pulsanti sulla barra dei preferiti che agiscono solo quando vengono premuti.
Quando possibile, conviene usare bookmarklet al posto delle estensioni che, invece, rimangono attive in background sempre.
I migliori Bookmarklet sono elencati in un altro articolo.

8) Trucco finale
Google Chrome ha una funzione per resettarsi.
Si può quindi usare il tasto di reset in Chrome, (tasto Ripristina nelle impostazioni avanzate) per disattivare le estensioni, cancellare cache e file temporanei, per reimpostare pagina iniziale e impostazioni base.
Inoltre, si può usare il programma Software Cleaner di Google per correggere errori di Chrome, provocati da estensioni o programmi esterni.

LEGGI ANCHE: trucchi, opzioni e comandi nascosti per Chrome

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)