Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Guida completa a LinkedIn, il social network del lavoro che connette persone e aziende

Pubblicato il: 30 maggio 2012 Aggiornato il:
Guida per usare LinkedIn, il social network per professionisti e lavoratori, dal profilo alle modalità di trovare e proporre lavoro
Guida per usare Linkedin Linkedin è considerato il social network meno divertente, un sito web dal profilo più basso rispetto a Facebook e Twitter, di cui si parla molto meno ma che conta tantissimi iscritti in tutto il mondo, italiani compresi.
Linkedin è il social network serio, dove le persone non pubblicano stupidaggini o cose futili e dove si parla soprattutto di lavoro tanto che la natura professonale di Linkedin accresce l'interesse di chi cerca un'occupazione, dei reclutatori e delle aziende.
Fondato da Reid Hoffman nel 2002, LinkedIn è cresciuto fino ad avere 161 milioni di soci in oltre 200 paesi, il che rende il più grande network professionale al mondo su Internet (per fare un confronto, Twitter ha 500 milioni di utenti registrati mentre Facebook ne ha 900 milioni ).
Attualmente è disponibile in 17 lingue, italiano compreso.

Detto questo, dubito molto che ci siano persone che trascorrono quei 20 minuti al giorno di media su LinkedIn, come invece avviene su Facebook.
Molti si iscrivono, compilano un curriculum molto pompato e non tornano più.
Non credo sia quindi fuori luogo una guida a Linkedin per vedere quello che offre, per scoprirne le caratteristiche più importanti per chi si prepara ad entrare nel mercato del lavoro, oggi terribilmente scoraggiante.

1) Profilo
Come la maggior parte delle reti sociali, LinkedIn si apre con il profilo personale, una pagina sulla quale elencare informazioni come l'esperienza di lavoro e le competenze professionali.
Tuttavia, a differenza di molte altre reti sociali, qui è importantissimo e decisivo completare il profilo al meglio delle proprie capacità, senza tralasciare le informazioni personali e quelle per essere contattati, soprattutto se si sta utilizzando LinkedIn per la ricerca di lavoro.
LinkedIn misura la "completezza del profilo" con una percentuale da 0 al 100%.
Più un profilo è completo, più è probabile che si possa comparire nei risultati di ricerca per farsi trovare da potenziali datori di lavoro.
Per assicurarsi che il profilo è completo al 100% , LinkedIn raccomanda di includere le seguenti informazioni:
- Titolo professionale e codice postale;
- Posizione lavorativa corrente con descrizione;
- Due o più esperienze passate;
- Istruzione;
- Almeno cinque competenze;
- Fotografia;
- 50 Collegamenti;
- Riepilogo.
Inutile scrivere informazioni che non riguardino la propria attività professionale e l'istruzione, evitare pertanto di scrivere inviti per farsi raccomandare e di scrivere i propri hobby o interessi che non centrano nulla col lavoro.
Si può anche creare una copia del proprio profilo in una lingua diversa (inutile quindi scrivere la propria posizione lavorativa in inglese nel profilo in italiano).
Si può anche convertire il profilo di Linkedin in un Curriculum da stampare.

LEGGI ANCHE: Come creare un profilo professionale online su Linkedin

2) Collegamenti
Per ottenere quei "50 collegamenti" di cui ho parlato sopra, bisogna espandere la propria rete su LinkedIn.
Si possono quindi eseguire ricerche di base per trovare persone che si conoscono (dal riquadro di ricerca nella parte superiore di ogni pagina LinkedIn) e "collegarsi" a loro.
Il collegamento è un po' come l'amicizia di Facebook, quindi va confermata dall'altra parte e non bisogna inviare richieste di collegamenti a caso, a sconosciuti con cui non si ha alcun rapporto.
Dopo aver effettuato diverse connessioni, Linkedin suggerisce altre persone a cui connettersi in base al luogo dove si lavora o dove si è lavorato ed in base all'università o la scuola frequentata.
Le persone aggiunte alla lista di collegamenti sono connessioni di "1° grado", tutte le persone non aggiunte alla propria rete ma legate ai connessi di 1° grado, sono connessioni di 2 ° grado, e così via.
Un'icona blu dice con quale grado di connessione si è legati con ogni persona.
Si può anche collegare la lista dei contatti di posta elettronica aggiungendo tutti gli iscritti a LinkedIn per trovare ulteriori connessioni.
Come visto in un altro articolo, sulla pagina Linkedin Signal, si possono cercare nuovi contatti professionali

3) Gruppi
I Gruppi di LinkedIn sono spazi in cui professionisti ed esperti di ogni settore possono condividere contenuti, chiedere consigli, pubblicare aggiornamenti o cercare posti di lavoro e di rete con gli altri.
I gruppi sono spesso legati a marchi, associazioni e società, gruppi di sostegno, cause, pubblicazioni e attività produttive in generale.
Non si devono confondere in LinkedIn i "gruppi" con le "aziende".
Coca-Cola ha un gruppo per i dipendenti ma ha anche una pagina aziendale.
Con oltre 1,3 milioni di gruppi tra cui scegliere, è molto facile trovare quello che risponde ai propri interessi.
Si può anche scegliere di creare il proprio gruppo e nominare il moderatore o il supervisore.
istiche Gruppi

4) Aziende
Come esiste la pagina di profilo personale, molte aziende scelgono di rappresentare se stesse su LinkedIn, con pagine molto simili a quelle di Facebook, di cui si può scegliere di seguire l'attività e gli aggiornamenti.
Le pagine Azienda contengono informazioni di carattere generale, la panoramica delle attività aziendali e l'elenco dei dipendenti.
Molte aziende possono anche scegliere di elencare le posizioni di lavoro aperte sulle proprie pagine ed incoraggiare gli interessati a candidarsi inviando il proprio curriculum.
Una volta che si segue una società, i suoi aggiornamenti appariranno sulla home page di LinkedIn accanto a quelli delle connessioni.
Per aggiungere la propria azienda alla rete, LinkedIn consiglia di adottare le seguenti misure:
- Essere almeno dipendente della società e segnare la propria posizione sul profilo.
- Avere un indirizzo di posta elettronica aziendale confermato (ad es claudio@navigaweb.net).
- Associare il profilo con l'azienda.
- Avere un profilo completo almeno al 50%.
- Avere più connessioni.
Ogni azienda dovrebbe oggi avere una pagina su Linkedin più che su Facebook.

5) Offerte di lavoro
Gli strumenti di ricerca lavoro e di reclutamento sono fra le caratteristiche più importanti di LinkedIn.
Sempre più aziende stanno incoraggiando i candidati a fare domanda di lavoro attraverso LinkedIn, grazie alla credibilità del social network e la facilità d'uso.
Dal menu in alto, accedere alla sezione "Lavoro" per cercare le posizioni aperte.
La ricerca può essere salvata per essere consultata quotidianamente e vedere se ci sono novità.
I datori di lavoro, possono pubblicare annunci in LinkedIn pagando 140 Euro per un periodo di 30 giorni.
Una volta pubblicato l'annuncio, questi posti di lavoro compaiono nri risultati di ricerca e nella scheda "Opportunità di lavoro" della pagina dell'azienda.
Con un abbonamento premium, i reclutatori possono "trovare talenti" su LinkedIn.
In un altro articolo, si è parlato di Studentjobs ed altre applicazioni web per scoprire opportunità di carriera e offerte di lavoro su Linkedin.

6) Aggiornamenti
A differenza delle condivisioni che si fanno in social network come Facebook e Twitter, gli aggiornamenti LinkedIn tendono ad essere settoriali e professionali.
È possibile scrivere aggiornamenti scrivendo sulla home page di LinkedIn.com che saranno condivisi sul proprio profilo, nel flusso attività.
Inoltre, quando si partecipa a discussioni nei gruppi di LinkedIn, ogni intervento vale come aggiornamento delle attività.
In Linkedin bisogna comunque essere disciplinati, evitando di pubblicare 100 aggiornamenti al giorno e senza perdersi in cose futili.
e' possibile disattivare la visualizzazione di certe connessioni passando il mouse su un aggiornamento di un utente per nascondenderlo.

7) Segnalazioni o Raccomandazioni
Ogni iscritto a Linkedin può ricevere segnalazioni dalle persone a cui è connesso.
Per Raccomandazione o Segnalazione si intende proprio una lettera di presentazione breve che descrive la persona ed evidenzia le sue qualità.
Ad esempio, si può chiedere ad un collega con cui si è lavorato di scrivere sul proprio profilo un commento riguardo l'esperienza passata insieme.
Si possono chiedere raccomandazioni specifiche ad altre persone anche perchè nessuno ne scriverà una spontaneamente.
Non chiederla però a tutti, ma solo alle persone con cui si è in buoni rapporti e poi sempre ringraziare.
Di converso, non bisogna ignorare le richieste di scrivere raccomandazioni per gli altri.
Le raccomandazioni possono aggiungere valore al proprio curriculum vitae.

8) Applicazioni
Le applicazioni consentono agli utenti LinkedIn di personalizzare il loro profilo e condividere i contenuti in modi diversi.
Ad esempio, si può scegliere aggiungere l'app di WordPress per pubblicare il titolo di ogni post del proprio blog WordPress parti con la rete LinkedIn.
Altre ottime app sono SlideShare per condividere presentazioni Powerpoint online e Box.net per condividere documenti di lavoro.
La maggior parte applicazioni richiedono l'accesso ad alcune informazioni del profilo, come il nome o il titolo di lavoro.
Tutte le applicazioni devono comunque rispettare le norme sulla privacy di LinkedIn.

9) LinkedIn Mobile
Per accedere da cellulare a LinkedIn si può installare l'applicazione mobile per iPhone, iPad, Android, BlackBerry, Windows e Palm.
L'applicazione è utile per la pubblicazione di aggiornamenti di stato ed il controllo degli aggiornamenti dei gruppi.
Si possono trovare nuove connessioni su Linkedin Mobile e scambiare informazioni con persone che, ad esempio, partecipano allo stesso evento o alla stessa conferenza o convegno.
LinkedIn diventa quindi un modo per rimanere in contatto con nuove persone senza bisogno di scambiare biglietti da visita.
Si può anche scegliere di connettere alla propria rete LinkedIn i contatti della rubrica del telefono.

10) Opzioni di upgrade dell'Account
LinkedIn è gratis ma si può passare ad un account premium con più funzioni.
A partire da 15 Euro al mese LinkedIn offre un programma di abbonamento premium per aziende, disoccupati, reclutatori e altro.
Una delle caratteristiche distintive degli account premium è la possibilità di inviare messaggi InMails.
l'InMail è un messaggio interno di LinkedIn inviato a una persona con cui non si è connessi (mentre alle proprie connessioni si possono inviare messaggi gratuitamente).
Con l'account premium si può avere accesso ai risultati della ricerca profili, salvare e organizzare i profili e visualizzare l'elenco completo delle persone che hanno visitato il proprio profilo LinkedIn.

In un altro articolo, cosa è permesso e cosa è vietato su Linkedin.

LEGGI ANCHE: Come cercare lavoro su Linkedin e trovare o cambiare occupazione

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)